Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
sabato 12 Giugno |
Cuore Immacolato
home iconStile di vita
line break icon

Nicoletta, una speranza che si rinnova

© DR

La nuova Bussola quotidiana - pubblicato il 05/07/14

Una bellissima testimonianza da un Centro di Aiuto alla Vita

di Paola Bonzi

È capitato che mi dicessero: «Ciò che non riesco a capire è come le persone che si rivolgono al vostro Centro di Aiuto alla Vita, non abbiano nemmeno il cibo da mettere nel piatto». Mi è sembrato ovvio rispondere che, se una persona lavora in una piccola azienda e con il suo stipendio deve mantenere il nucleo familiare (pagamento dell’affitto compreso), nel momento in cui la piccola impresa chiude, e attualmente la cosa non è così improbabile, in quella famiglia non entra più nulla del necessario per vivere.

Così era capitato a Nicoletta. Solita mattinata affollata al Centro di Aiuto alla Vita e, come sempre succede in questi casi, solito corridoio pieno di donne, passeggini con relativo bimbo a volte irrequieto, telefoni che squillano. Arriva anche il turno di una giovane donna già madre di un bambino di circa un anno. «Si accomodi! Ora apriamo la porta completamente così possiamo far entrare il passeggino.  Come si chiama questo piccolo?». «Si chiama Andrea, ha dieci mesi ed è un bel birichino!». Andrea osserva tutte le nostre manovre divertito. Ride mettendo in mostra i suoi due dentini inferiori e fa ciao con la manina aperta.   

«Io mi chiamo Paola – dico rivolta alla mamma – e sono molto felice di vedere questo bimbo simpatico. E il suo nome?». «Sono Nicoletta. Ho 25 anni e Andrea che mi impegna molto. Vuole sempre essere intrattenuto e si fa delle grandi  risate. La mia mente, però, non mi lascia libera: sono ancora incinta per una disattenzione e mio marito ha perso il lavoro. Sento di non poter avere questo nuovo bambino e ciò mi fa stare molto male. Non vedo via d’uscita». 

Come sono facili le parole sagge, i moralismi, i giudizi di chi crede di avere sempre la ricetta del buon vivere in tasca! I lucciconi di Nicoletta mi raccontano di una grande sofferenza. «È come se fossi in un tunnel – continua – ma non vedo la luce. Tutto è oscuro e, in questo buio, la mia ansia si ingigantisce». 

La compassione è immensa. Provo un grande dolore per questa donna, ma anche per il suo piccolo bimbo che rischia di non arrivare mai alla luce. Il tunnel menzionato da Nicoletta mi riporta simbolicamente al suo grembo; è buio lì dentro, ma si tratta di un buio confortevole, umido e tiepido che non mette paura, anzi! In quell’oscurità si sta bene, il battito del cuore materno fa compagnia e rassicura. Che com-passione! Aver concepito una vita rimasta nel tunnel di cui non ha potuto trovare l’uscita. Che com-passione per quel fratellino!  Purtroppo, potrebbe avvertire la mancanza di qualcosa che non sa, che non conosce, un segreto con cui fare i conti per la vita. Che com-passione per quel padre! Saprà perdonarsi di non essere stato in grado di tutelare l’esistenza dei suoi familiari? Che com-passione per l’operatore!

In quel colloquio ha misurato tutta la sua pochezza, non essendo riuscito a instillare un piccolo dubbio circa la decisione più positiva da prendere. Mi girano nella testa e nel cuore tutte queste emozioni! Saper sopportare la frustrazione è difficile. La voglia è di fuggire da tutto questo dolore. Poi, con una voce un po’ ansimante:

«Nicoletta, e la sua famiglia?»
«La mia famiglia è lontana.  Abitano a Genova, i miei genitori, e non riesco nemmeno a pensare di potermi confidare con loro».

Ma, un po’ alla volta, mi prendo la briga di provare a dipanare la matassa ingarbugliata. Accenno alla possibilità di un progetto di aiuto: una condivisione a tutto tondo a cominciare dal supporto psicologico e dall’erogazione di un sussidio mensile. Ci guardiamo. Andrea che fino a quel momento è stato perfettamente zitto, tutto intento a giocare con la corda di un trenino che gli abbiamo messo a disposizione per intrattenerlo, si esibisce in una vasta gamma di suoni. Sembrano parole appena abbozzate di incoraggiamento e tra le piccole parole ci sono grandi sorrisi.

  • 1
  • 2
Tags:
abortocentro aiuto alla vita
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
2
Gelsomino Del Guercio
Strano cerchio bianco sulla testa del Papa. Il video diventa vira...
3
Histórias com Valor
Bambino uscito dal coma: ho visto la mia sorellina abortita
4
MOTHER AND LITTLE DAUGHTER,
Silvia Lucchetti
Lui si suicida dopo aver ucciso le figlie: Giulia torna a vivere ...
5
Claudio De Castro
Sono andato a Messa distratto, e Gesù mi ha dato una grande lezio...
6
nun
Larry Peterson
Gesù ha donato a questa suora una preghiera di 8 parole per esser...
7
Catholic Link
Non mi piaceva Santa Teresa di Lisieux finché non ho imparato que...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni