Ricevi Aleteia tutti i giorni
Le notizie che non leggi altrove le trovi qui: inscriviti alla newsletter di Aleteia!
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Pericoli del successo e aspetti positivi del fallimento

Jeffrey Bruno
Condividi

Possiamo essere una roccia solo quando abbiamo sperimentato la crepa, la ferita, l’inciampo, la caduta

A volte ci sentiamo forti, capaci di tutto. Crediamo che tutto inizi con noi. Vogliamo controllare la vita perché se non siamo presenti le cose non vanno bene. Abbiamo conosciuto il successo, baciato la fama, accarezzato la gloria.

In quei momenti il potere ci dà alla testa e lo sguardo si annebbia. La vanità e l’orgoglio si impadroniscono di noi. È la tentazione più costante dell’uomo. Crederci capaci di tutto. Sentirci potenti.

Diventiamo esseri individualisti alla ricerca di trionfi. Ci costa delegare, avere fiducia negli altri. Ci rinchiudiamo nelle nostre forze. Diventiamo rocciosi, duri, impenetrabili.

Ci allontaniamo dagli altri che sentono il nostro potere e si distanziano. La vanità ci fa disprezzare i deboli e ignorare chi non conta. Quanto è facile cadere in questa tentazione! Rifiutiamo i deboli, disprezziamo gli umili.

Non ci facciamo mai aiutare. Ci costa accettare le critiche. Pensiamo di fare tutto bene e che sono gli altri a sbagliare. Non vogliamo cambiare nulla. Sono gli altri che devono migliorare. Noi riusciamo a fare tutto.

Molte volte viviamo così. Siamo impenetrabili. Sembriamo perfetti, ci sentiamo perfetti, ci vedono come esseri perfetti.

Lo sguardo di Gesù e di Pietro ci commuove sempre nuovamente. Un prima e un dopo. Il tempo si ferma. Lo sguardo del perdono. Lo sguardo del desiderio. Le lacrime. Il silenzio. Non ci sono rimproveri. Non c’è ritorno. Semplicemente lacrime nella notte. Voce messa a tacere. Tristezza. Lo stesso sguardo di Gesù su di noi ogni volta che cadiamo.

Una poesia di Ernestina de Champurcín illustra questo momento: «Un giorno mi hai guardato / come hai guardato Pietro. / I miei occhi non ti hanno visto, / ma ho sentito che il cielo / scendeva fino alle mie mani. / Che lotta di silenzi / hanno scatenato nella notte / il tuo amore e il mio desiderio! / Un giorno mi hai guardato / e sento ancora / l’impronta di quel pianto / che mi ha arso dentro. / Vado ancora per le strade / sognando quell’incontro, / Un giorno mi hai guardato / come hai guardato Pietro».

Un incontro che è stato un “disincontro”. Un desiderio insoddisfatto. Una ricerca fallita. Sguardi che hanno smesso di incontrarsi. Forse Gesù ha potuto seguire Pietro con lo sguardo mentre si allontanava. Forse è stato Pietro a soffermare il proprio sguardo su Cristo mentre lo portavano via. Non lo sappiamo.

Ci è chiaro solo l’istante eterno dell’incontro. Gli sguardi confusi. Il dolore dell’anima. Ci sono momenti che restano registrati per sempre nella memoria, nel profondo dell’anima. Lo sappiamo.

Ci sono incontri e “disincontri” nella nostra vita in cui gli sguardi ci aiutano a decifrare l’istante. Guardiamo. Siamo stati guardati. Dolore. Tristezza. Pentimento.

Una persona diceva: «Suppongo che non ci sia pentimento maggiore di quello di poter restare in silenzio, accettando solamente. Resto così, e il silenzio del dolore mi sta riempiendo».

Paura senza parole. Anche se ci sarebbero molte domande nell’anima di Pietro. Chi sei, Gesù? È la domanda che fluttua nell’aria. Due uomini che si allontanano.

Pietro aveva paura. Negava, fuggiva. Voleva stare vicino e lontano allo stesso tempo. Amava e rinnegava. Voleva tutto e preferiva non avere nulla. Paura.

Ci sono istanti che ci cambiano la vita per sempre. Gesù ci guarda. Lo fa in modi diversi. Ci viene incontro quando ci allontaniamo con paura. A volte non lo vediamo. Egli ci guarda. Noi ci allontaniamo. Egli continua la via seguendo le nostre orme. Questo momento mi emoziona sempre. Quanto sarebbe cambiata la vita di Pietro dopo quello sguardo!

Possiamo essere una roccia solo quando abbiamo sperimentato la crepa, la ferita, l’inciampo, la caduta. Pietro cade, e il dolore delle sue lacrime spezza la roccia. Caduto e spezzato come Saulo sulla via.

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni