Aleteia
lunedì 19 Ottobre |
San Paolo della Croce
Approfondimenti

"Riserve indiane" cattoliche? No grazie

© Antoine Mekary / Aleteia

Massimo Introvigne - La nuova Bussola quotidiana - pubblicato il 03/07/14

La risposta di Massimo Introvigne alla "provocazione" del direttore di Tempi, Luigi Amicone

Fa discutere nel mondo cattolico un’intervista del combattivo e benemerito direttore di Tempi,Luigi Amicone, al Foglio di sabato scorso. Amicone sembra dare per persa la battaglia sulle unioni civili e, in prospettiva, sul «matrimonio» omosessuale e propone una sorta di patto ai poteri forti che, tramite Renzi, governano l’Italia (e non solo). I cattolici rinuncerebbero a contestare il «matrimonio» omosessuale, e in cambio il relativismo lascerebbe che chi non è relativista si faccia le sue scuole non statali – non più discriminate dallo Stato – dove possa continuare a proporre una visione del mondo diversa, senza manuali dell’UNAR e senza leggi Scalfarotto. «Sono pronto a firmare un decreto che contemporaneamente autorizzi i matrimoni gay, le unioni civili, le adozioni marziane e tutti i diritti civili del cuore e della pensione che volete – afferma Amicone -. Ma che – contemporaneamente – riconosca e attui, e per davvero, la perfetta libertà di educazione: la parità di condizioni ideali e materiali. E, contestualmente, introduca nella nostra famosa bella Costituzione la parolina che manca: il primo emendamento di quella americana, la libertà di espressione. Prendetevi tutto il resto, le famiglie patchwork e multi-gender, ma lasciateci liberi, e liberi di educare».

Con qualche distinguo, la linea di Amicone è stata sposata dal direttore del Foglio Giuliano Ferrara, che pensa anche a una sua traduzione politica dopo le uscite di Berlusconi a favore dell’agenda gay. Berlusconi, suggerisce Ferrara, segua pure la sua inclinazione libertaria in materia di unioni omosessuali, ma sia un libertario coerente e si batta contro i tentativi alla Scalfarotto di limitare la libertà di opinione. Naturalmente né Ferrara né, soprattutto, Amicone si sono convertiti alla dittatura del relativismo. Pensano però che il relativismo abbia vinto – nel caso di Ferrara, anche per una sua lettura che personalmente giudico sbagliata e distorta del Magistero di Papa Francesco – e propongono un patto di coesistenza pacifica che prevede un relativismo senza dittatura. Liberi gli omosessuali di sposarsi, liberi i cattolici di dissentire e di insegnare i figli a dissentire nei loro ridotti scolastici e familiari, senza dover temere di finire in prigione. Riserve indiane sì, ma protette.

Leggendola da sociologo, penso anzitutto che questa strategia – che, come dirò, è ultimamente sbagliata – possa sedurre e sembrare in prima battuta ragionevole:  anche perché ha un precedente storico di successo. L’ha adottata, di fronte alle sconfitte politiche e militari, il fondamentalismo islamico. Negli anni 1980 dopo l’assassinio di Sadat (1918-1981) in Egitto (1981) e il colpo di Stato militare in Turchia (1980), le dittature militari medio-orientali hanno sconfitto il fondamentalismo islamico sul piano della repressione e della polizia. Molti suoi leader sono stati impiccati. Mentre una minoranza ha reagito con il terrorismo, la dirigenza più avveduta dell’islam politico, almeno in Egitto e in Turchia, ha precisamente proposto un patto non scritto al laicismo dominante dei regimi militari. Il patto suonava più o meno così: voi gestite lo Stato in modo (più o meno) laico, con leggi che ci ripugnano, e noi non reagiamo a queste leggi con la violenza. In cambio, tacitamente, ci lasciate creare degli spazi islamizzati, delle micro-società dove noi e i nostri figli possiamo vivere in pace secondo la nostra interpretazione del Corano. Questo patto è poi saltato nel secolo XXI, ma è andato avanti per decenni con risultati perfino spettacolari. I regimi laicisti sono sopravvissuti senza scossoni per molti anni, e nel frattempo le micro-società islamizzate dei fondamentalisti sono cresciute e sono prosperate.

  • 1
  • 2
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Tags:
ideologia genderscuola
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
EUCHARIST
Philip Kosloski
Questa Ostia eucaristica è stata filmata ment...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
Domitille Farret d'Astiès
10 perle spirituali di Carlo Acutis
BLESSED CHILD
Philip Kosloski
Coprite i vostri figli con la protezione di D...
RACHELE SAGRAMOSO,
Silvia Lucchetti
Rachele, da adolescente tormentata a mamma di...
PADRE PIO
Philip Kosloski
Quando Padre Pio pregava per qualcuno recitav...
ARCHANGEL MICHAEL
Gelsomino Del Guercio
La preghiera di protezione contro gli spiriti...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni