Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
martedì 22 Giugno |
Paolino di Nola
home iconApprofondimenti
line break icon

Come è andata a Bruxelles per Renzi?

© Palazzochigi

Lucandrea Massaro - Aleteia - pubblicato il 03/07/14

Una analisi dei temi sollevati dal discorso del premier italiano

Ieri è stato il momento in cui l’Italia è stata al centro del dibattito politico europeo per cose buone. Non per indagini, non per scandali, ma per un intervento politico fatto all’Europarlamento di Strasburgo dal Presidente del Consiglio, Matteo Renzi. Un intervento più o meno convincente o condivisibile, ma che ha il merito di aver aperto una discussione nel Vecchio Continente. I giudizi – come spesso capita in politica – sono divisi e molto diversi tra loro.

Come sottolineato ad esempio da Città Nuova: per il presidente della Commissione europea José Manuel Barroso (PPE) : «Il suo è stato un discorso pieno di passione». E l’euroscettico Nigel Farage (Ukip): «Gli do 7, ha molta passione, ma non credo che collaboreremo, non c’è stata sostanza nel suo discorso, specie sui temi economici».
E’ tra questi due estremi che si polarizzano i commenti al discorso di apertura del semestre di presidenza italiana dell’Ue. D’accordo sulla passione, meno sulla concretezza dei contenuti. Contrariamente a quanto annunciato (ovvero che avrebbe letto il suo discorso), Renzi consegna il testo ufficiale a Schulz e parla a braccio, come di consueto (3 luglio).

Un aspetto molto importante che il premier italiano ha voluto citare nel suo discorso è il valore della persona, da mettere al centro assieme ai valori, oltre le cifre.

Con “coraggio e orgoglio” parla di Asia Bibi, delle liceali rapite da Boko Haram e di Meriam. “Se di fronte a una donna, Asia Bibi, che è ferma in carcere da quattro anni perché cristiana non c’è l’Europa che non si indigna, vuol dire che non stiamo rispondendo al nostro destino, se di fronte alle ragazze rapite in Nigeria da un gruppo fondamentalista perché educate ai valori occidentali, se non c’è la vostra, la nostra reazione, non possiamo definirci degni della grande responsabilità che abbiamo, se di fronte a donna, Myriam, che partorisce in carcere o alle ragazze del Medio Oriente, se diciamo solo slogan vuoti o parole retoriche e continuamo a rinchiuderci nelle nostre frontiere anzichè riaffermare i nostri valori, perderemo la capacità di essere politici europei" (Famiglia Cristiana, 3 luglio).

Duro sulla parte relativa alla strategia economica del premier, Stefano Cingolani su il Sussidiario: “le prime mosse compiute si sono rivelate sbagliate, se non proprio degli autogol. Prendiamo la richiesta di rinviare di un anno il pareggio del bilancio. Sul piano tecnico il parere è negativo, su quello politico bisogna aspettare il prossimo consiglio dei ministri finanziari e la nuova commissione. Ma nessuno crede che Jean-Claude Juncker smentisca i suoi eurocrati. Dunque, un doppio no rappresenta una sconfitta netta che probabilmente poteva essere evitata. La diplomazia europea consiglia sempre di informarsi se ci sono le condizioni favorevoli prima di presentare una petizione del genere. E le condizioni non c’erano prima, né ci sono adesso. Dal punto di vista degli equilibri parlamentari, i popolari sono i più forti grazie al peso dei democristiani tedeschi, cioè degli uomini di Angela Merkel. In conseguenza di ciò la Germania ha già fatto il pieno dei posti chiave nella struttura burocratica che guida la macchina di Bruxelles. Così stanno le cose, al di là delle parole” (Il Sussidiario, 3 luglio).

Ed in effetti dopo l’intervento di Renzi (18 minuti), parla Barroso (19 minuti), e tocca anche temi che inspiegabilmente il primo ha trascurato: il dramma della disoccupazione (25 milioni in Europa, Italia in cima con Grecia e Spagna) soprattutto giovanile, individuata quale priorità principale; il sostegno alle piccole e medie imprese; la ricerca; l’efficienza energetica e la lotta al cambiamento climatico; il sostegno al mercato unico nella più grande area di scambio interno al mondo (Città Nuova, 3 luglio).

  • 1
  • 2
Tags:
europamatteo renzi
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
2
Gelsomino Del Guercio
San Giuseppe sparisce dai Vangeli. Don Fabio Rosini ci svela il &...
3
nun
Larry Peterson
Gesù ha donato a questa suora una preghiera di 8 parole per esser...
4
Lucía Chamat
La curiosa fotografia di “Gesù” che sta commuovendo la Colombia
5
MOTHER AND LITTLE DAUGHTER,
Silvia Lucchetti
Lui si suicida dopo aver ucciso le figlie: Giulia torna a vivere ...
6
Giovanni Marcotullio
«I rapporti prematrimoniali?» «Un vero peccato!» «Ma “mortale”?» ...
7
MORNING
Philip Kosloski
Preghiera mattutina per chiedere a Dio di benedire la nostra gior...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni