Ricevi Aleteia tutti i giorni
Comincia la tua giornata nel modo migliore: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Carlo Ancelotti, metodico e cattolico: “Non prego mai per il calcio”

AFP PHOTO/ MIGUEL RIOPA
Portugal, Lisbon : Real Madrid's Italian coach Carlo Ancelotti celebrates their victory at the end of the UEFA Champions League Final Real Madrid vs Atletico de Madrid at Luz stadium in Lisbon, on May 24, 2014. Real Madrid won 4-1. AFP PHOTO/ MIGUEL RIOPA
Condividi

L’allenatore del Real Madrid si è formato sull’esempio di San Giovanni Bosco ed è devoto a Padre Pio

Il Mondiale del Brasile riempie le prime pagine dei giornali e le notizie di apertura di radio e televisione con i volti delle grandi stelle del calcio.

I loro stipendi astronomici, il mondo frivolo che a volte circonda lo sport e le masse infervorate di tifosi che muovono possono dare allo sport principe un’aura di nuova religione pagana, con i suoi idoli, miti e rituali.

Dio è tuttavia presente anche tra “i galattici del calcio”, come dimostra l’esempio di Carlo Ancelotti, allenatore del Real Madrid, fedele devoto a San Giovanni Bosco e a Padre Pio e che ha diretto molte delle stelle che ora stanno giocando in Brasile.

Riflessivo, metodico, semplice e cattolico: è così Carlo Ancelotti, nato a Reggiolo il 10 giugno 1959, la persone che è riuscita a pacificare lo spogliatoio del Real Madrid dopo l’abbandono, l’estate scorsa, di José Mourinho e che ha portato la squadra al vertice del calcio europeo vincendo la decima Champions League nel maggio scorso.

Il fatto che Carlo abbia raggiunto quello che molti cercavano da dodici anni non è un caso.

A Parma, Torino, Milano, Parigi, Londra e ora a Madrid, ha diretto molti dei grandi giocatori che stanno disputando attualmente i Mondiali in Brasile come stelle delle proprie squadre nazionali.

Ancelotti è una persona dal carattere conciliante, anche se non bisogna mai confondere il temperamento tranquillo con la forte disciplina che esige negli allenamenti. Dove si è forgiato questo carattere gradito a ogni giocatore che ha allenato?

L’influenza dei salesiani…

Carlo si è formato in vari collegi salesiani del nord Italia. Può sembrare che Ancelotti abbia avuto una vita comoda, visto che ha giocato nel grande Milan di Arrigo Sacchi degli anni Ottanta, dove ha fatto la storia accanto a Van Basten, Gullit, Rijkaard e altri vincendo coppe europee, scudetti e un’infinità di titoli di ogni tipo, essendo anche il cervello della squadra rossonera.

La cosa certa, però, è che Ancelotti ha dovuto lavorare fin da molto giovane per aiutare il padre Giuseppe a portare il denaro a casa a Reggiolo, una piccola località di diecimila abitanti vicino Modena con scarse risorse industriali.

La famiglia Ancelotti si è sempre dedicata al lavoro dei campi, e Carlo ha dovuto combinare il lavoro con suo padre e gli studi dai salesiani, sempre nel ramo industriale, ottenendo a Roma il titolo di perito elettronico.

Il padre gli diceva che nessuno gli poteva assicurare che sarebbe diventato un calciatore di primo livello, e per questo era importante che studiasse dai salesiani, perché se non fosse arrivato al top un giorno avrebbe dovuto ereditare il lavoro paterno nelle campagne di Reggiolo.

… e l’esempio di Padre Pio

San Giovanni Bosco è stato un punto di riferimento importante per l’attuale allenatore del Real Madrid, anche se venera anche un altro grande santo: Padre Pio.

Ancelotti non parla molto di questo fatto, ma non è passato inosservato che ogni volta che inizia una partita l’allenatore cerca all’interno della giacca e tira fuori un santino di questo santo baciandolo due volte.

Non lo considera un amuleto. “Mi affascina la vita di Padre Pio, in Italia nutriamo una grande devozione per lui, ha compiuto molti miracoli e sono colpito da tutta la sua vita; mi commuove moltissimo”, ha detto Carletto – come lo chiamano amici e familiari – quando viene interpellato sul frate cappuccino.

Quando un giocatore insiste per sapere il motivo per il quale porta con sé il santino e perché lo bacia due volte prima delle partite e gli chiede se prega perché tutti i suoi progetti calcistici abbiano buone esito, egli cambia rapidamente gesto, alza un sopracciglio e risponde:

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.