Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
mercoledì 16 Giugno |
Santi Quirico e Giulitta
home iconChiesa
line break icon

A 12 anni ho detto a Dio che sarei diventato sacerdote

© Masi / Fraternità San Carlo Borromeo

Fraternità San Carlo Borromeo - pubblicato il 03/07/14

La profonda testimonianza di un giovane prete "Cristo ci chiama a diventare come Lui"

di Michele Benetti

"Raccontare della propria vocazione non è mai facile. C’è sempre qualcosa di misterioso, che resta inesplicabile. Non si possono tirare tutti i fili, però si può intravedere un percorso più grande che si compie passo dopo passo nel tempo della vita. Non so come, non so dare tutte le ragioni, ma ricordo perfettamente che un giorno preciso, dopo aver ascoltato la testimonianza di Alessandro Maggiolini, che era il mio vescovo, sulla sua vocazione, ho detto al Signore che sarei diventato prete, come Lui mi stava chiedendo. Avevo dodici anni.

Un seme nascosto
Grazie alla fede dei miei genitori non ricordo un momento della mia vita vissuto lontano dalla presenza di Cristo. Avevo percepito l’attrattiva della Sua persona anche prima; ma fu solo in quel giorno che mi sentii chiamato per nome. Nessuno, certamente, poté a quel tempo notare ciò che mi stava accadendo. Un seme, quando lo pianti nel terreno, non si vede. Eppure il seme è una presenza segreta che cambia il terreno. Per anni tenni nascosto nel mio cuore il seme della chiamata di Dio, soprattutto perché ne ero spaventato. Tuttavia, dal quel momento, non sarei mai più riuscito a pensare alla mia vita senza l’ipotesi del sacerdozio. Ho sempre saputo che, prima o poi, avrei dovuto obbedire a quella voce.
Il seme ha bisogno di un’unica cosa per crescere: terra fertile. Il resto è già tutto lì fin dal primo momento. Basta seguire ciò che rende fertile la vita, ciò che fa fruttare tutto quello che di buono, bello e vero ho incontrato. Il movimento di Comunione e Liberazione, il carisma di don Giussani, è ciò che rende la mia vita terra fertile per l’opera di Dio. Quando, durante le scuole superiori, incontrai un gruppo di amici di CL capii di aver incontrato la carne di Cristo. Questi amici erano guidati da un giovane prete, don Livio, che era, ed è, per noi una testimonianza della felicità che si vive quando si dà tutto a Cristo. Più stavo con questi amici, più cresceva il desiderio di vivere come loro. Allo stesso tempo, però, avevo paura di rinunciare a tutto subito, e decisi di andare a Milano a studiare Fisica. Non sapevo che Cristo mi stava aspettando per chiedermi di prendere una decisione.

Non c’è nessuna parola che sintetizzi meglio la mia vita cristiana della parola «amicizia»: senza gli amici del movimento Cristo non sarebbe mai stato esperienza concreta nella mia vita. Quando incontrai l’esperienza del CLU a Milano, tutto ciò che Lui mi aveva promesso alle superiori, si andò radicalizzando sempre di più. Con quel gruppo di amici condividevamo tutto e tutto diventava interessante: studiare, interessarsi della politica o semplicemente mangiare assieme.
Tra questi amici c’era una ragazza di cui mi innamorai. Attraverso di lei sperimentai la possibilità di amare totalmente. Se da una parte capivo che un tale amore era il frutto della bellezza della nostra vita, dall’altra intuii immediatamente che non potevo diventare il suo ragazzo. Per la prima volta sentii la “gelosia di Dio”. Fino a quel punto Dio mi aveva ricoperto di doni: la fede, la vocazione, gli amici del movimento… Ma di fronte a quel volto, era Cristo che in maniera del tutto inaudita mi chiedeva qualcosa. Mi stava chiedendo di sacrificare qualcosa di buono, qualcosa che Lui stesso mi aveva dato per rimanergli fedele. Provai a continuare a vivere facendo il finto tonto, come se non stessi capendo, tenendo, per così dire, il piede in due scarpe. Così divenni confuso e triste.

Trapassare il segno
Mi occorsero anni per accettare il sacrificio che Cristo mi stava chiedendo. Riuscii a decidermi perché finalmente mi consegnai a don Paolo Sottopietra, raccontandogli la mia storia. Don Paolo mi aiutò a vedere come Cristo stesse aspettando un “sì”. Era arrivato il momento di passare dall’amore per i segni della presenza di Cristo, all’amore per la Sua Persona. Un tale passaggio, mi spiegava, non sarebbe potuto accadere senza un sacrificio. È una cosa incredibile pensare che Cristo si metta nelle condizioni di aver bisogno di noi, del nostro “sì”. Ma tale è la profondità del suo amore che Egli desidera elevarmi al suo stesso livello. Cristo è geloso del mio sì, desidera che io possa dargli tutto. Vuole rendermi simile a Lui. Se Cristo semplicemente mi donasse tante belle cose, senza desiderare di portarmi al suo livello, allora la sua amicizia non sarebbe vera. Invece Cristo vuole rendermi simile a Lui, ed è questa l’inaudita verità del Suo amore. Ero chiamato a trapassare il segno. Ero chiamato a trapassare l’amore per tutti i miei amici per giungere all’amicizia con Lui.

  • 1
  • 2
  • 3
Tags:
religionesacerdoziotestimonianze di vita e di fede
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
Landen Hoffman
Sarah Robsdotter
“Gli angeli mi hanno preso e Gesù mi vuole bene”: un bimbo di 5 a...
2
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
3
nun
Larry Peterson
Gesù ha donato a questa suora una preghiera di 8 parole per esser...
4
Lucía Chamat
La curiosa fotografia di “Gesù” che sta commuovendo la Colombia
5
ANDREA BOCELLI FATIMA
Paola Belletti
Andrea Bocelli a Fatima: “Maria è il percorso obbligatorio ...
6
POWELL BROTHERS
Sarah Robsdotter
Il video di un bambino che canta al fratellino Down diventa viral...
7
Aleteia
Chi sorride così al momento della morte?
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni