Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
giovedì 24 Giugno |
San Giovanni Battista
home iconChiesa
line break icon

E’ lecito impartire l’estrema unzione contro la volontà del morente?

© Otna YDUR / SHUTTERSTOCK

padre Angelo Bellon, o.p. - Amici Domenicani - pubblicato il 02/07/14

E' giusto, in punto di morte, sacrificare la salvezza di un’anima per rispettare la sua volontà?

Quesito 

Caro Padre Angelo, 
So che il Signore ci ha creati e ci vuole liberi, che a causa della nostra libertà possiamo anche deliberatamente rifiutare il Suo Amore e condannarci definitivamente all’inferno, così come so che la fede non andrebbe mai imposta a nessuno, ma mi chiedo: è giusto, in punto di morte, sacrificare la salvezza di un’anima (o meglio rinunciare alle vie ordinarie per la salvezza che il Signore ci ha donato) per rispettare la sua volontà e libertà fallace, condannandolo (o rischiando di condannarlo – dato che esistono pur sempre anche le vie straordinarie che però solo il Padre Eterno conosce) così ad una schiavitù eterna? A mio avviso no, perchè, come ci ha detto Gesù, solo la Verità ci farà liberi e dunque lontani dalla Verità non ci può essere vera libertà, per cui, dovendo scegliere tra un sommo bene (la salvezza di quell’anima) ed un male assoluto (il suo allontanamento definitivo da Dio) non avrei dubbi, e riterrei anzi di aver svolto un’opera di carità importante nei confronti della persona morente. Il mio ragionamento è sbagliato? Lei che ne pensa? 

Cordiali saluti in Cristo Re, 
 Pietro D.


Risposta del sacerdote 

Caro Pietro, 
condivido la tua preoccupazione: non è giusto rinunciare alle vie ordinarie della salvezza e sacrificare una persona all’infelicità eterna. E tuttavia devo ricordare che se una persona non ha la volontà di ricevere il sacramento e se pur ricevendo il sacramento non ha alcun pentimento dei peccati, il sacramento conferito non ottiene la salvezza, ma resta esposto alla sua infruttuosità.  È vero che il sacramento produce effetto ex opere operato, e cioè per il fatto stesso che viene celebrato, e questo perché il celebrante principale è Cristo. 

Ma se vi sono le condizioni oggettive per essere celebrato, si espone il sacramento all’infruttuosità e si profana una realtà sacra. Se mancano le condizioni oggettive, come ad esempio l’intenzione del ministro (che è sempre assolutamente richiesta per la validità stessa del sacramento) o la volontà da parte del soggetto di ricevere il sacramento (anche questa sempre assolutamente necessaria), per quanto si pongano i riti esterni, non si produce un bel niente. 

Come ho ricordato, il celebrante principale del sacramento è Gesù. E Gesù nel sacramento trasmette la sua grazia salvifica attraverso l’azione e l’intenzione del ministro e si congiunge al fedele attraverso la sua volontà e la sua buona disposizione di riceverlo. Ma se la porta del fedele rimane chiusa, il Signore, per quanto bussi, non può entrarvi con la sua grazia. 

Caro Pietro, tu pensi che dando un sacramento a chi ha manifestato la volontà di non riceverlo sia un atto di carità verso di lui e gli apra la via della salvezza. Capisco il tuo buon cuore, ma il sacramento non opera in maniera magica. Il sacramento è sempre l’incontro tra Cristo e una persona. Ed è necessario che in qualche modo la persona gli tenga aperta la porta. 

Rimango a disposizione per ulteriori chiarimenti. Ti ringrazio, ti seguo con la preghiera e ti benedico. 
Padre Angelo.

Tags:
estrema unzionemalattiamorte
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
2
nun
Larry Peterson
Gesù ha donato a questa suora una preghiera di 8 parole per esser...
3
Giovanni Marcotullio
«I rapporti prematrimoniali?» «Un vero peccato!» «Ma “mortale”?» ...
4
MOTHER AND LITTLE DAUGHTER,
Silvia Lucchetti
Lui si suicida dopo aver ucciso le figlie: Giulia torna a vivere ...
5
saint paul
Giovanni Marcotullio
La Santa Sede contro il ddl Zan: è caso diplomatico
6
COUPLE GETTING MARRIED
Gelsomino Del Guercio
Il matrimonio si celebra in casa. La svolta della diocesi di Livo...
7
Lucía Chamat
La curiosa fotografia di “Gesù” che sta commuovendo la Colombia
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni