Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
lunedì 25 Gennaio |
Conversione di Paolo
home iconStile di vita
line break icon

Stefanie Reid: ho perso un piede e ritrovato Dio

STEF REID

You Tube

Aleteia - pubblicato il 01/07/14

Medaglia d'argento alle Paralimpiadi del 2012 racconta la sua scoperta della fede mentre rischiava di morire

Non ha il piede destro Stefanie Reid perso in un terribile incidente che appena quindicenne le aveva lacerato la schiena e costretto i medici ad amputarle l’estremità della gamba. Eppure con l’aiuto di Dio è divenuta campionessa olimpica di salto in lungo e corsa di 100 e 200 metri nella categoria disabili.

“Lui mi ha ricostruito dentro, oltre la disperazione e la paura che prova un amputato alle prese con un corpo che non è più il suo. Lui mi ha fatto sentire ancora me stressa”, racconta la Reid secondo quanto riportato da “Credere” (22 giugno).

“Io che ho sempre adorato lo sport e sempre voluto dare il meglio – aggiunge –. Dio mi ha convinto che ce la potevo fare ancora, anche senza un piede, a raggiungere l’eccellenza mondiale nello sport e io sono qui a raccontare che è vero. A testimoniare che l’amore di Dio ti raggiunge sempre e, al suo fianco, possiamo fare tutto”.

La Reid, che ha da poco battuto il record mondiale di salto in lungo, parla della sua vita e racconta che una volta, a lezione di religione, si annoiava da morire e aveva voluto sfidare Dio: “Se mi vuoi davvero entra nella mia”, gli aveva detto. A 15 anni si trovava nel cottage di un’amica, per il fine settimana, vicino a un lago: “Ci divertivamo col ‘tubing’, saltando in acqua da un canotto attaccato dietro un motoscafo”. Fu allora che venne investita accidentalmente dal motoscafo.

“Non volevo più vivere, amputata così. Eppure sentii, attraverso la mia rabbia, la pace di Dio. Sapevo che, alla fine, le cose si sarebbero sistemate”.

“Oggi gli sono grata di avermi liberato e aperto alla sua Grazia – conclude – perché, in quella stanza di ospedale, per la prima volta, gli ho offerto la mia vita e chiesto di farne quello che voleva”.

Tags:
sporttestimonianze di vita e di fede
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
CATERINA SCORSONE
Cerith Gardiner
19 personaggi famosi orgogliosi dei propri figli con necessità sp...
2
SINDONE 3D
Lucandrea Massaro
L'Uomo della Sindone ricostruito in 3D. I Vangeli raccontano la v...
3
BABY
Mathilde De Robien
Nomi maschili che portano impresso il sigillo di Dio
4
Perdonare
Bret Thoman, OFS
I 4 passi del perdono secondo un esorcista
5
Silvia Lucchetti
A 18 anni, sola in ospedale: il pianto di un neonato mi ha ridato...
6
Tzachi Lang, Israel Antiquities Authority
John Burger
Un'iscrizione che riporta “Cristo nato da Maria” ritrovata in un'...
7
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni