Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
giovedì 29 Ottobre |
San Gaetano Errico
home iconNews
line break icon

Nasce il Califfato, svolta storica per il jihadismo

© HO - / HO / AFP

A combo of two handout pictures released by the US Department of State’s Bureau of Diplomatic Security (L) and by Iraqi Ministry of Interior allegedly shows photographs of Abu Bakr al-Baghdadi, also known as Abu Du'a, the leader of the Islamic State of Iraq and the Levant (ISIL), an Al-Qaeda-linked group fighting in Iraq and Syria. The Islamic State of Iraq and the Levant, which dealt a spectacular blow to Baghdad's Shiite-led government by grabbing Iraq's second city Mosul, now poses a threat across the Middle East. Known for its ruthless tactics and suicide bombers, ISIL has already controlled the Iraqi city of Fallujah for five months, and is also arguably the most capable force fighting President Bashar al-Assad inside Syria. AFP PHOTO/HO/ US Department of State’s Bureau of Diplomatic Security and Iraqi Ministry of Interior == RESTRICTED TO EDITORIAL USE - MANDATORY CREDIT "AFP PHOTO / HO /US Department of State’s Bureau of Diplomatic Security and Iraqi Ministry of Interior " - NO MARKETING NO ADVERTISING CAMPAIGNS - DISTRIBUTED AS A SERVICE TO CLIENTS ==CAMPAIGNS - DISTRIBUTED AS A SERVICE TO CLIENTS ==

La nuova Bussola quotidiana - pubblicato il 01/07/14

Abu Bakr al-Baghdad è il nuovo califfo

Abu Bakr al-Baghdad è il nuovo califfo dei territori che si estendono dalla siriana Aleppo fino all’irachena Dyala, a nord est di  Baghdad. Il Califfato proclamato dal leader dell’ISIS è un’entità politica che non solo pone la sharia come unica legge ai popoli amministrati (o dominati)  ma rimuove anche i confini che hanno diviso gli Stati arabi fin dall’epoca coloniale dopo la fine della Grande Guerra. A conferma del  carattere globale della sua iniziativa al-Baghdadi ha infatti rinominato la sua organizzazione: non più Stato Islamico dell’Iraq e del Levante ma solo il più semplice Stato Islamico (IS), con tanto di invito al Fronte al-Nusra e ai movimenti salafiti attivi in Siria (sostenuti da Arabia Saudita, Emirati Arabi Uniti e Kuwait) a unirsi ai miliziani dell’IS per allargare il Califfato ad altri i territori inclusa la Giordania. 

Ipotesi che preoccupa Israele che ha già offerto ad Amman la massima collaborazione per controllare con droni e satelliti il confine con la provincia occidentale irachena di al-Anbar in mani ai jihadisti. Per bilanciare la proclamazione del Califfato israeliani e turchi si sono schierati a favore della proclamazione dello Stato indipendente curdo. Ormai una realtà di fatto che se da un lato si pone come avversario politico e militare dei jihadisti e dall’altro certifica il tracollo dell’Iraq declassato come Stato a un’entità territoriale sciita.

Il portavoce dell’Isis, Abu Mohammad al-Adnani, nella registrazione audio diffusa su internet ha sottolineato come il califfato rappresenti "il sogno di tutti i musulmani" e "il desiderio di ogni jihadista" invitando i musulmani a "respingere la democrazia, la laicità, il nazionalismo e le altre lordure dell’Occidente. Tornate alla vostra religione".

Il Califfato è la forma di governo che garantì l’unità politica dei musulmani dopo la morte del Profeta Maometto, nel 632. Il termine "califfo" deriva, infatti, dalla parola araba "khalifa" che significa successore. Il califfo è quindi il successore del Profeta Maometto come leader politico.

Maometto non aveva figli maschi e non designò un erede, per questo il suo successore, Abu Bakr, fu scelto tra i suoi compagni. I primi quattro califfi, chiamati rashidun, cioè “ben guidati”, governarono la comunità musulmana (umma) dal 632 al 661. A questi successe, dal 661 al 750, la dinastia omayyade, con sede a Damasco. La capitale si trasferì poi a Baghdad con la dinastia abbasside, che regnò fino al 1258, quando l’invasione dei mongoli segnò la fine del loro potere. Successivamente altre dinastie rivendicarono il potere califfale, come gli omayyadi in Andalusia e i fatimiti in Egitto. Nel XVI secolo furono invece i turchi ottomani a reclamare il califfato. Fu solo nel 1924 che, in seguito alla sconfitta ottomana nella prima guerra mondiale e all’ascesa al potere del laico Mustafa Kemal detto Ataturk, il califfato fu formalmente abolito dall’assemblea nazionale turca. 

Da allora, il progetto di ricostituzione del califfato è sempre stato uno dei principali obiettivi dei movimenti politici sunniti. I Fratelli Musulmani nacquero nel 1928, nella città egiziana di Ismailia, con l’obiettivo di rifondare il califfato. Per gli islamisti, esso rappresenta il modello perfetto di organizzazione sociale, verso il quale tutti gli sforzi devono tendere. Un obiettivo condiviso anche da al-Qaeda. La proclamazione del Califfato e l’invito a tutte le forze islamiste ad unirsi allo Stato Islamico punta anche a reclutare rinforzi su scala regionale e globale con cui lanciare l’attacco a Baghdad la cui conquista avrebbe un enorme significato simbolico.

  • 1
  • 2
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Tags:
estremismo islamicofondamentalismoiraqsiria
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
CEMETERY
Gelsomino Del Guercio
Indulgenze plenarie per i defunti: come otten...
PRAYER
Philip Kosloski
Resistete alla “tristezza del diavolo” con qu...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
Camille Dalmas
Il montaggio dietro alla discussa frase del p...
VITIGUDINO
Gelsomino Del Guercio
Prima brillante medico, poi suora: la bella s...
HEAVEN
Philip Kosloski
Preghiera perché un defunto raggiunga la gioi...
CARLO ACUTIS, CIAŁO
Gelsomino Del Guercio
Preghiera a Carlo Acutis con richiesta di una...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni