Aleteia
mercoledì 21 Ottobre |
San Gaspare del Bufalo
Chiesa

Solo la comunione può salvare la democrazia

© Corinne MERCIER / CIRIC

La nuova Bussola quotidiana - pubblicato il 29/06/14

Una riflessione di padre Scalfi

Una riflessione che non si fermi agli aspetti superficiali della democrazia mostra come anche un sistema democratico che sia sganciato da valori assoluti diventi sempre più invadente nella vita della singola persona e come, in prospettiva, potrà essere consentito comportarsi male ma sarà sempre più difficile accordarsi per fare il bene.

Questa mentalità falsamente democratica penetra anche negli ambienti religiosi. Sull’ultimo numero di Studia Patavina, la rivista della Facoltà Teologica del Triveneto, leggevo un interessante articolo sulla fede dei giovani. Riassumendo, si diceva che i giovani oggi certamente vanno meno in chiesa, ma non vuol dire che siano meno religiosi. Al contrario: una volta andavano in chiesa per tradizione, oggi per convinzione. Secondo l’articolista, dunque, i giovani di oggi sono molto più vicini alla Chiesa di quanto noi pensiamo!

Su questo punto la mentalità bizantina orientale ci aiuta. La verità è sobornica, cioè comunionale. La tradizione è richiesta come metodo per conoscere il vero. La comunità non è ostacolo alla conoscenza personale, ma è un requisito necessario per non cadere nell’aseismo (la tendenza a centrare tutto su se stesso, ndr). Dice Florenskij: «La verità che si esprime diventa amore e l’amore fiorisce nella bellezza».

Nel ’68 non pochi giovani hanno abbandonato la fede per passare sul fronte della sinistra e poi sono finiti tutti in braccio alla borghesia. I falsi ideali, normalmente, si realizzano nell’opposto. Quello che bisogna riconoscere è che, comunque, si trattava di un ideale, sia pure illusorio.

Oggi normalmente i giovani non abbandonano la fede per un ideale alternativo e più affascinante, ma per il venir meno di  qualsiasi attrattiva seria, per entrare “in letargo”. Chi pensa che “i giovani non vadano in chiesa perché la  Chiesa è in ritardo di due secoli” crede che occorra inventare nuovi metodi per aggiornarsi ed attirare i giovani. In realtà è in ballo una mancanza di umanità e quindi quello che occorre fare è semplicemente richiamare la persona a quello che è per grazia: dimora di Dio, tabernacolo dell’Altissimo, unità con Cristo.

La crisi richiama ad un rapporto sempre più personale e più sobornico con Cristo e quindi con la Chiesa.
Il relativismo si accompagna sempre più al nichilismo. Come il relativismo è il frutto maturo di una pretesa autonomia che intende di comprendere tutto con la testa, così il nichilismo è il frutto maturo di un ottimismo senza fondamenti, illusorio.

Questa decaduta dal “futuro luminoso” (Lenin)al “presente oscuro” è evidente in Russia, ma non è estranea neppure all’Occidente. Anche da noi il relativismo si accompagna alla paura: è venuta meno la speranza. Il letargo che domina sovrano non è soltanto indifferenza a tutto e a tutti, ma è paura. 

Questa paura che si diffonde è una provocazione della crisi. Una prospettiva positiva della vita è possibile a partire dal riconoscimento di una presenza che salva e porta a compimento, perché il cuore della vita è Cristo. «La vita è un paradiso, e le chiavi le abbiamo in mano noi».

La negatività sul valore della vita, della mia vita, nasce dalla negazione del fatto in cui Dio ha voluto esprimere la sua più profonda speranza: l’Incarnazione. «Ecco io sono con voi, tutti i giorni sino alla fine del mondo». Io sono con Cristo, legato a Lui, «respiro con lui» (S. Clemente d’Alessandria). «Non sono più io che vivo, ma è Cristo che vive in me». Questa nuova identità mi apre a una positività ultima.

È una coscienza da educare e da sperimentare, imparando a stupire di fronte alla bellezza: «Le idee creano gli idoli, è lo stupore che ci fa capire» (S. Gregorio di Nissa). 

  • 1
  • 2
  • 3
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Tags:
comunionedemocrazia
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Aleteia
Gli avvisi divertenti che si leggono nelle pa...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
DISNEY, CARTOONS
Annalisa Teggi
Arriva il bollino rosso per Dumbo, gli Aristo...
PADRE PIO
Philip Kosloski
Quando Padre Pio pregava per qualcuno recitav...
Domitille Farret d'Astiès
10 perle spirituali di Carlo Acutis
EUCHARIST
Philip Kosloski
Questa Ostia eucaristica è stata filmata ment...
ARCHANGEL MICHAEL
Gelsomino Del Guercio
La preghiera di protezione contro gli spiriti...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni