Ricevi Aleteia tutti i giorni
Le notizie che non leggi altrove le trovi qui: inscriviti alla newsletter di Aleteia!
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Emarginazione e neo-schiavitù moderne

©MASSIMILIANO MIGLIORATO/CPP
Decembaer 18, 2013: Pope Francis attends the weekly general audience in St. Peter's Square at the Vatican.

Reference: 256650
Condividi

La “cultura dello scarto” nel pensiero di Bergoglio

Nel radiomessaggio dell’11 settembre 1962, che precedeva l’apertura del Vaticano II, Giovanni XXIII disse che «la Chiesa si presenta quale è, e vuol essere, come la Chiesa di tutti, e particolarmente la Chiesa dei poveri». Nella Costituzione Lumen gentium, si legge che «Cristo fu inviato dal Padre per evangelizzare i poveri e sollevare gli oppressi (Luca, 4, 18)» e pertanto la Chiesa «riconosce nei poveri e in coloro che soffrono l’immagine del suo Fondatore povero e paziente» (n. 8). Concluso il concilio, un nutrito gruppo di padri firmò un documento, il Patto delle catacombe (perché firmato alle catacombe di Domitilla a Roma), che fu una proposta alla Chiesa e un impegno personale dei firmatari rispetto a una testimonianza di povertà. Tuttavia, questa fondamentale connotazione di autocoscienza ecclesiale non ebbe un ulteriore sviluppo e una collocazione nei documenti conciliari. L’Europa del boom economico all’epoca aveva un peso determinante.

Quando dall’elaborazione dei testi conciliari, dove il contributo latinoamericano fu piuttosto scarso, si passò alla sua attuazione in America latina, sorsero pressanti interrogativi: Come procedere al rinnovamento della Chiesa in un continente a grande maggioranza di poveri che esprimono la fede in Dio mediante la religiosità popolare? Come parlare di Dio in questa moltitudine di poveri che vedono nella Chiesa la loro dimora? L’amore preferenziale per i poveri è stato un importantissimo contributo della Chiesa latinoamericana a tutto il mondo cattolico, recuperando dalle fonti evangeliche e dalla grande tradizione cattolica quel connotato fondamentale e peculiare di essere Chiesa, di essere cristiano. Nella Evangelii gaudium (n. 48), Papa Francesco ricorda che «i poveri sono i destinatari privilegiati del Vangelo», per affermare «che esiste un vincolo inseparabile tra la nostra fede e i poveri». Infatti, «per la Chiesa l’opzione per i poveri è una categoria teologica, prima che culturale, sociologica, politica o filosofica», la quale esprime una «forma speciale di primato nell’esercizio della carità cristiana, della quale dà testimonianza tutta la tradizione della Chiesa» (citando la Sollicitudo rei socialis di Giovanni Paolo II). È un’opzione «implicita nella fede cristologica in quel Dio che si è fatto povero per noi, arricchendoci con la sua povertà» (ricordando il testo di Benedetto XVI nel discorso inaugurale della quinta Conferenza generale dell’episcopato latinoamericano in Aparecida, 2007). Nel magistero della Chiesa attuale non vi è maggiore e migliore sviluppo teologico di questa opzione per i poveri che quello che si trova nel documento di Aparecida e nella Evangelii gaudium, entrambi uniti come vasi comunicanti. È evidente che questa ispirazione provvidenziale dovette superare fasi di arduo dibattito e discernimento nella storia tumultuosa e feconda della Chiesa latinoamericana del post-concilio: lasciandosi alle spalle una visione meramente assistenzialista, la quale non teneva sufficientemente conto dei fattori strutturali causa della povertà, in quanto strutture oggettivate del peccato umano. E anche superando una visione ideologica caratterizzata dall’ermeneutica della lotta di classe. Rimase indietro anche una certa riduzione moralista dell’evento cristiano, contrassegnato non tanto dalla gratuità della carità — adorare e servire! — quanto dal contraccambio politico di cui si pretendeva approfittare al riguardo.

Questo amore privilegiato fu chiamato ad abbracciare non solo chi era privo di pane, lavoro, casa o salute, ma anche chiunque fosse stato privato della dignità, tutti coloro che nella propria carne soffrono, facendole proprie, le “piaghe” del Signore. Veniva così a centrarsi tutto nel volto dei poveri, immagine di Cristo, il cui clamore commuove Dio, ricco di misericordia, interpella la carità ed è motivo di giudizio per la vita dei cristiani. Per questo, Papa Francesco ad Assisi avvertiva che non si deve mai separare l’imitazione di Cristo dall’amore per i poveri, affinché questa opzione non si logori, contaminandosi ideologicamente e finisca per manifestarsi come attività di una Chiesa trasformata in un’altra Ong.

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni