Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
giovedì 29 Ottobre |
San Gaetano Errico
home iconNews
line break icon

Francia: eutanasia sì o eutanasia no?

© public domain

Aleteia - pubblicato il 26/06/14

Due casi contrapposti: il medico assolto dopo condanna a ergastolo e lo stop alla "dolce morte" per l'uomo tetraplegico

In Francia si scalda il clima intorno al tema eutanasia. Due casi, nel giro di pochi giorni, stanno accendendo i riflettori sul "fine-vita": il primo si riferisc al dottore Nicolas Bonnemaison che ieri, 25 giugno, è stato portato in tribunale a Pau, nel sud ovest della Francia, con l’accusa di aver aiutato a   morire sette paziente in stato   terminale. La giustizia francese, come scrive   L'Ultimaribattuta il 26 giugno, ha   prosciolto il medico e la sentenza è stata seguita da un lunghissimo applauso della platea. “Ho agito da medico fino all’ultimo. – ha spiegato il dottore Bonnemaison –  Fa parte dei doveri del medico accompagnare i pazienti fino alla fine”.
Grave accusa

L’uomo era accusato di avere “avvelenato” sette pazienti terminali somministrando massicce dosi di sedativo e farmaci in grado di provocare la morte. I fatti che hanno portato il medico a processo, sono accaduti tra il 2010 e il 2011. Proprio dal 2011 non può più esercitare la professione e due anni più tardi è stato radiato dall’ordine dei medici. Nicolas Bonnemaison rischiava anche una condanna all’ergastolo. Ma secondo quanto sosteneva la difesa, e anche l’accusa, il dottore “non può essere considerato un assassino nel senso comune del termine”.

Stop all'eutanasia  

Il secondo caso invece, riportato da Avvenire il 25 giugno, riguarda la decisione della Corte europea dei diritti dell'uomo: l'istituzione ha sospeso della sentenza del Consiglio di Stato francese che autorizza l'interruzione delle cure per il tetraplegico Vincent Lambertper esaminare il ricorso presentato dalla famiglia. La Corte pone inoltre il divieto di spostare l'uomo dall'ospedale in cui è ricoverato. Secondo Le Figaro, il divieto di trasferire Lambert dall'ospedale di Reims risponde al timore dei genitori che la moglie, favorevole allo stop alle cure, decida il suo trasferimento nel vicino Belgio, dove l'eutanasia è legale. 

Vincent Lambert vive da anni in ospedale grazie a una sonda, ma secondo un verdetto del Consiglio di Stato, prodigargli ancora cibo e cure non rappresenta più un dovere medico elementare, bensì un caso di «ostinazione irragionevole». Nei fatti il verdetto avrebbe potuto tradursi in una sentenza di morte, se non fosse intervenuta tempestivamente la Corte europea. 

Francia divisa

La decisione del Consiglio di Stato ha spaccato in due la Francia, dove tante voci denunciano uno strappo all’insegna dell’eutanasia attiva. «Siamo di fronte a un atto omicida, ma, dato che il verbo uccidere è ripugnante, ci viene detto che non si trattava davvero di una vita e che di conseguenza stroncarla non equivale ad uccidere», ha commentato Jean-Marie Le Méné, presidente della Fondazione Jérôme-Lejeune sulle malattie dell’intelligenza. 

Da più parti, si ricorda che Vincent non è in fin di vita, ma in uno stato di pesantissimo handicap. In proposito, fra le testimonianze contro l’eutanasia delle ultime ore, c’era pure quella molto toccante del tetraplegico Philippe Pozzo di Borgo, la cui storia ha ispirato il film di grande successo «Quasi amici».

Circa 1.700 pazienti in Francia si trovano in una situazione considerata paragonabile a quella di Vincent e cresce il timore che il verdetto possa segnare una svolta sul piano della giurisprudenza, ma pure nell’atteggiamento del mondo ospedaliero.

Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Tags:
bioeticaeutanasia
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
CEMETERY
Gelsomino Del Guercio
Indulgenze plenarie per i defunti: come otten...
PRAYER
Philip Kosloski
Resistete alla “tristezza del diavolo” con qu...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
Camille Dalmas
Il montaggio dietro alla discussa frase del p...
VITIGUDINO
Gelsomino Del Guercio
Prima brillante medico, poi suora: la bella s...
HEAVEN
Philip Kosloski
Preghiera perché un defunto raggiunga la gioi...
CARLO ACUTIS, CIAŁO
Gelsomino Del Guercio
Preghiera a Carlo Acutis con richiesta di una...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni