Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
mercoledì 23 Giugno |
San Giuseppe Cafasso
home iconNews
line break icon

Allarme per un nuovo scambio di embrioni al Pertini

© Public Domain

Chiara Santomiero - Aleteia - pubblicato il 19/06/14

All’ospedale romano, però, non risultano i dati dei denuncianti e minaccia una contro denuncia per calunnia

L’ospedale Sandro Pertini di Roma stavolta è intenzionato a difendersi: non ci sta ad essere accusato per un nuovo scambio di embrioni dopo quello scoperto ad aprile scorso. Anche perché non mancano i motivi di dubbio.

La denuncia del sospetto nuovo scambio è firmata da Giacomo Gentili: ai primi di dicembre si è recato insieme alla moglie al Pertini per un ciclo di fecondazione assistita. “Io e Maria ci siamo sposati 10 anni fa – ha raccontato Gentili ad Affariitaliani.it – Da allora abbiamo fortemente voluto un bambino, senza riuscirci. Siamo una coppia fortemente religiosa e ci siamo chiesti mille volte se fosse giusto o meno affidarci alla fecondazione assistita, poi a dicembre del 2013 abbiamo deciso di ricorrere all'aiuto della medicina. Il protocollo va a buon fine, l'inseminazione artificiale sembra apparentemente perfetta e dopo qualche giorno abbiamo la conferma che uno degli embrioni si è impiantato con successo nell'utero di mia moglie. Può immaginare la nostra gioia” (il messaggero.it 18 giugno).

La gioia però ha durata breve perché dopo essersi sottoposta ad amniocentesi di controllo, i prossimi genitori hanno scoperto che "il profilo genetico del feto non è compatibile né con quello materno né con quello paterno" (rainews.it 19 giugno).

I due vengono messi di fronte a un terribile dilemma: “I medici ci hanno messo davanti ad una scelta. Avevamo sette giorni di tempo per decidere se tenere quella che avevamo scoperto essere una bambina, oppure effettuare un aborto terapeutico. Ma abortire ci è sembrato un delitto a tutti gli effetti. Non ci importa di sapere chi siano i genitori, la nostra bambina avrà un padre e una madre che si prenderanno cura di lei” (il messaggero.it 18 giugno). La coppia si è rivolta all'associazione Agitalia per chiedere un risarcimento danni in sede civile di un milione di euro. I futuri genitori non sono stati richiamati dall'ospedale per un controllo in seguito al primo scandalo scoppiato ad aprile (rainews.it 19 giugno).

Ma il Pertini, che già aveva rilevato in una nota che non risulta alcuno scambio di embrioni, ha intenzione di presentare una denuncia per calunnia (repubblica.it 19 giugno). Dal registro della sala operatoria della procreazione medicalmente assistita dell’ospedale romano non esiste “alcun nominativo riconducibile ai denuncianti”. A questo si aggiunge quanto dichiarato dalla genetista del San Camillo, Paola Grammatico, che ha parlato di “manomissione di dati su altri referti”. La denuncia per calunnia del Pertini si appunterebbe anche contro un successivo comunicato dell'associazione Agitalia che aveva denunciato il presunto scambio di embrioni nel quale si sostiene che una paziente del centro di fecondazione assistita del Pertini avrebbe assistito a modalità di catalogazione del materiale genetico definite "barbariche": ovvero "le provette venivano messe in scatoloni con su scritto il cognome del paziente" senza ricorso a codici a barre e a metodi che "scongiurassero lo scambio di embrioni" (repubblica.it 19 giugno).

Sulla vicenda è intervenuto anche il presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti che ha rimarcato la gravità di un eventuale procurato allarme: “se qualcuno ha tentato una truffa – ha affermato il governatore del Lazio – ne dovrà pagare le conseguenze, su questo non c'è dubbio. A tutela della legalità, della professionalità degli operatori e anche per rendere chiaro a tutti che su questi temi non si scherza” (repubblica.it 19 giugno).

Tags:
fecondazione assistitasocieta
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
2
nun
Larry Peterson
Gesù ha donato a questa suora una preghiera di 8 parole per esser...
3
Giovanni Marcotullio
«I rapporti prematrimoniali?» «Un vero peccato!» «Ma “mortale”?» ...
4
Lucía Chamat
La curiosa fotografia di “Gesù” che sta commuovendo la Colombia
5
MOTHER AND LITTLE DAUGHTER,
Silvia Lucchetti
Lui si suicida dopo aver ucciso le figlie: Giulia torna a vivere ...
6
Gelsomino Del Guercio
San Giuseppe sparisce dai Vangeli. Don Fabio Rosini ci svela il &...
7
COUPLE GETTING MARRIED
Gelsomino Del Guercio
Il matrimonio si celebra in casa. La svolta della diocesi di Livo...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni