Ricevi Aleteia tutti i giorni
Solo le storie che vale la pena leggere: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

«Io vescovo con il fischietto nel cassetto»

© Public Domain
Condividi

Il racconto di mons. Lebrun, pastore a Saint-Etienne con un passato da arbitro: «Quante similitudini con il mio ministero di oggi…»

 
La febbre da Mondiali di calcio ogni quattro anni diventa puntualmente anche l'occasione per scoprire storie interessanti sullo sport guardato con gli occhi della fede. È il caso di questa intervista pubblicata sul sito della Conferenza episcopale francese, in cui scopriramo che un vescovo – quello di Saint Etienne, Dominique Lebrun, ha avuto un passato da arbitro. E ragiona sulle similitudini tra l'attività di un tempo e il suo ministero di oggi.
———————-

Perché ha scelto di fare l'arbitro? E quali frutti spirituali le ha portato questa pratica sportiva?
«Nel 1985 ho deciso di diventare arbitro di calcio dopo aver ascoltato alla radio un annuncio della federazione francese. Cercavano arbitri e io avevo voglia di riprendere un'attività sportiva. Per di più ho sempre amato il calcio. Ho scoperto quale sfida rappresenti ogni singola partita. L'arbitro stesso deve conquistarsi ogni singola partita facendo in modo che si svolga secondo le regole e nello spirito dello sport. Ogni settimana decine di migliaia di arbitri rendono un autentico servizio sociale ai ragazzi, ai giovani e agli adulti. Se c'è una dimensione spirituale è quella generata dallo spirito di servizio e dalla gioia di vivere dei bei momenti di comunione».

Quando arbitrava delle partite qual era il suo stato d'animo di fronte alle tensioni o a eventuali episodi di violenza?
«Sono stato un giocatore. So che cosa significhi giocare con passione. L'eccesso di tensioni e la violenza talvolta nascono proprio dalla passione per il gioco. L'arbitro deve dare l'esempio applicando le regole in maniera pacata. Può anche smorzare moti di collera o azioni violente con uno sguardo, un sorrriso, dei gesti ben calibrati o qualche semplice parola. Arriva anche a comprendere che a volte la violenza viene da più lontano, dal contesto sociale. Mi dicevo quindi che c'era la possibilità di offrire uno spazio dove il rispetto della legge, accettata da tutti, rende possibile il gioco insieme. E mi sforzavo ancora di più per non commettere errori».

Il calcio è uno sport di squadra. Si può dire che anche fare il vescovo di un po' simile allo sport?
«Fare l'arbitro è uno sport allo stesso tempo individuale e collettivo. Al mio livello l'arbitro si allena abitualmente da solo in settimana. Svolge però il suo compito in una terna (o anche con qualche altra persona in più per gare di alto livello). Ma di fatto è al servizio delle due squadre, senza dimenticare poi il pubblico. Le squadre sono per lui indispensabili se vuole praticare la sua attività. Tutto questo non è così lontano dalla missione del vescovo! Anche lui è solo, con qualche collaboratore, al servizio del Vangelo, la regola migliore per la vita in società. E un vescovo non è nessuno senza i fedeli, proprio come un arbitro senza squadre! Soprattutto, poi, guai a lui se non applica per primo a se stesso il Vangelo».

Qui l'originale

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni