Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

Iscriviti alla Newsletter

Aleteia

Le porte aperte dei conventi

© ALESSIA GIULIANI/CPP
Condividi

Si moltiplicano le iniziative di accoglienza dei rifugiati da parte dei religiosi, dopo l'appello del Papa

Accolto l’invito di Papa Francesco durante la sua visita al Centro Astalli per i rifugiati a Roma, durante il quale invitava i conventi ad aprirsi ai migranti e a coloro che sono nel bisogno, "carne di Cristo" li aveva definiti Francesco, spiegando che i conventi e i monasteri non sono alberghi o resort, perché "i conventi vuoti non sono nostri", una frase che fece il giro del mondo. Oggi molte le iniziative di accoglienza, a cominciare dalla casa generalizia delle Suore della Carità di Santa Giovanna Antida Touret, nel cuore della Capitale.

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni