Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
venerdì 25 Giugno |
home iconStile di vita
line break icon

La sindrome di “pinocchio”: malattia del secolo?

Silvia Costantini - Aleteia - pubblicato il 17/06/14

Come difendersi dai bugiardi di professione

butterfly

Chi nella vita non ha detto una piccola o grande bugia? Probabilmente, ciascuno di noi, a suo modo è, o è stato, un pò Pinocchio: quel burattino di legno uscito dalla fantasia del fiorentino Carlo Collodi, che incarna il bugiardo perfetto.

Secondo uno studio condotto da Kang Lee dell’Università di Toronto, dire bugie nei bambini è sintomo di intelligenza, perché per raccontare falsità bisogna utilizzare dei processi cognitivi molto complessi. Si riconoscerebbe infatti che un bambino è molto intelligente quando all'età di due anni è già in grado di dire bugie. Generalmente, il 90% dei bambini di 4 anni mente, mentre sono il 100% dei ragazzi di 12 anni a dire bugie. Il problema però si pone quando la bugia diventa una modalità permanente di relazionarsi con gli altri. E, questo è un fenomeno sempre più diffuso nella nostra società.
Diventa quindi indispensabile capire come riconoscere se il nostro interlocutore ci sta mentendo. Il professor Alessandro Meluzzi ci indica due modi per difenderci dai bugiardi di professione

  • Innanzitutto è necessario non farci abbindolare non accettare spiegazioni facili, solo in tal modo potremo farci un'opinione precisa e smascherare il bugiardol una volta scoperta la verità non iniziare una tragedia, ma cercare di instaurare una conversazione matura e pacata, perché ci sia una opportunità di conoscenza reciproca, sia che l'esito finale coincida con una rottura che con una riconciliazione
  • Scoperto che l'altro è un bugiardo, non farne una tragedia. Aver creduto a un bugia, non vuol dire essere degli sciocchi, cosa che molti pensano di se stessi in questi casi. Chi subisce una bugia non diventi una vittima del senso di colpa.
Tags:
appuntamento con lo psicologopsicologia
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Top 10
1
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
2
saint paul
Giovanni Marcotullio
La Santa Sede contro il ddl Zan: è caso diplomatico
3
nun
Larry Peterson
Gesù ha donato a questa suora una preghiera di 8 parole per esser...
4
Giovanni Marcotullio
«I rapporti prematrimoniali?» «Un vero peccato!» «Ma “mortale”?» ...
5
COUPLE GETTING MARRIED
Gelsomino Del Guercio
Il matrimonio si celebra in casa. La svolta della diocesi di Livo...
6
Landen Hoffman
Sarah Robsdotter
“Gli angeli mi hanno preso e Gesù mi vuole bene”: un bimbo di 5 a...
7
Gelsomino Del Guercio
Roberto Mancini e la sua fede: “La Madonna è la mamma di tu...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni