Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
lunedì 21 Giugno |
San Luigi Gonzaga
home iconChiesa
line break icon

Gli scandali del prete

© l i g h t p o e t/SHUTTERSTOCK

Roberto Beretta - Vinonuovo.it - pubblicato il 13/06/14

Pedofilia? Amanti segrete? Maneggi di denaro? Secondo il rettore di un seminario gli scandali del clero si annidano anche in altre e più subdole, inoffensive, ordinarie maniere

Devo a un periodico «per preti» (in realtà molto interessante anche per laici), «Settimana» dei dehoniani di Bologna, una segnalazione che avrei voluto leggere per intero ma che non sono riuscito a reperire sul web.
Reca la firma di don Gabriele Burani, rettore del seminario di Reggio Emilia che altre volte si è dimostrato capace di mettere il dito nella piaga con riflessioni – per esempio – sullo «sfruttamento» dei giovani preti, ed è relativo a tre puntate apparse sul settimanale diocesano «La libertà» e dedicate agli «scandali» provocati dai sacerdoti.

Pedofilia? Amanti segrete? Maneggi di denaro? Niente di così semplice… Secondo l’autocritica di don Burani, infatti, «noi preti scandalizziamo» non solo allorché interviene la magistratura e si riempiono le pagine dei giornali, ma in altre e più subdole, inoffensive, ordinarie maniere. Per esempio si scandalizza (e riprendiamo i casi citati dalla sintesi di «Settimana») quando:
– si pensa di essere in grado di «seguire bene tutte le dimensioni della pastorale» e di essere «efficace con tutte le età», mentre nessuno può avere in sé tutto quello che è necessario alla varietà di esigenze di una parrocchia. Chi è tagliato per i giovani, non ci sa fare con i malati; chi cura la Caritas trascura la catechesi, e via dicendo. Così le comunità vengono «favorite in un senso e bloccate in altri».
– «Si impediscono le iniziative che non corrispondono alla sensibilità propria (ma sono buone e importanti in sé)». E’ lo scandalo di limitare la parrocchia a propria misura, «impedendone la crescita su aspetti fondamentali della vita cristiana». Don Burani parla addirittura di «comunità in ostaggio del parroco che impone una sua linea (buona ma parziale), comunità che crescono disarmoniche, come corpi mostruosi (senza mani o senza piedi o senza testa o senza cuore…)».
– Si escludono «dai consigli pastorali le persone che si confrontano alla pari, che magari non la pensano come noi su tutto» ovvero «si rendono inutili gli organismi di partecipazione, per poi decidere con chi non ci pone difficoltà».
– Non si dialoga tra preti, non si condividono i progetti, non si decide sui casi difficili. Esistono sacerdoti che hanno sperimentato un modello da giovani e continuano ad applicarlo a dispetto di tutte le situazioni e i cambiamenti: «Io continuo con i miei metodi. Chi verrà dopo cambierà». Ma così si perpetua uno schema che magari non funziona più e non si prepara in modo responsabile il futuro: «Non è cristiano imporre ai preti più giovani i pesi che noi adulti non vogliamo portare»…

Sono certo che ognuno dei lettori potrebbe aggiungere i suoi «scandali» personali. Ma forse è più fruttuoso trovare un punto comune tra questi mali, che a mio parere è «essere padri-padroni della parrocchia»; a volte – la maggioranza – senza nemmeno rendersene conto, anzi proprio a causa dello zelo e della passione per il ministero, che però rende ciechi verso i propri difetti e limiti. «Surtout pas trop de zèle», diceva qualcuno; ma non era solo cinismo.

Qui l’originale

Tags:
cleroparrocchia
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
2
nun
Larry Peterson
Gesù ha donato a questa suora una preghiera di 8 parole per esser...
3
Gelsomino Del Guercio
San Giuseppe sparisce dai Vangeli. Don Fabio Rosini ci svela il &...
4
Lucía Chamat
La curiosa fotografia di “Gesù” che sta commuovendo la Colombia
5
MATKA TERESA Z KALKUTY
Cerith Gardiner
In caso di necessità, l’efficacissima preghiera da 5 secondi di m...
6
MOTHER AND LITTLE DAUGHTER,
Silvia Lucchetti
Lui si suicida dopo aver ucciso le figlie: Giulia torna a vivere ...
7
DON DAVIDE BAZZATO
Gelsomino Del Guercio
Don Davide Banzato: ho desiderato un figlio, ma ho scelto la cast...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni