Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
lunedì 14 Giugno |
Sant'Eliseo
home iconNews
line break icon

Arcivescovo di Mosul: “La sfida più grande è conservare la speranza”

© AIUTO CHIESA CHE SOFFRE

<span>&nbsp;monsignor Amel Shimon Nona, arcivescovo caldeo di Mosul</span>

Aiuto alla Chiesa che Soffre - pubblicato il 11/06/14

Parla monsignor Amel Shimon Nona nell'ora più dura per la città irachena

«Mai avevamo assistito a qualcosa di simile. Una grande città come Mosul in preda al caos e ai gruppi che l’hanno attaccata». Così monsignor Amel Shimon Nona, arcivescovo caldeo di Mosul, commenta ad Aiuto alla Chiesa che Soffre la tragica situazione della seconda città dell’Iraq, assediata da quasi due giorni.

Gli scontri, racconta il presule, hanno avuto inizio giovedì 5 giugno, ma in principio erano circoscritti ad alcuni quartieri della parte occidentale della città. «L’esercito ha cominciato a bombardare le aree interessate, ma poi nella notte tra ieri e lunedì, improvvisamente le forze armate e la polizia hanno abbandonato Mosul, lasciandola in balia degli aggressori». Più della metà degli abitanti e l’intera comunità cristiana sono immediatamente fuggite verso la vicina piana delle Ninive. «Fino alle 5 di ieri mattina abbiamo accolto le famiglie in fuga e abbiamo cercato ti trovare loro un alloggio nelle scuole, nelle aule del catechismo, nelle case abbandonate», spiega monsignor Nona che ora si trova a Tall Kayf, un villaggio posto a circa tre chilometri a Nord di Mosul.

Si ritiene che l’attacco sia opera dello Stato Islamico dell’Iraq e del Levante (ISIS), organizzazione terroristica legata ad al-Qaeda, nota per gli efferati attacchi anti-cristiani commessi in Siria. Il presule crede tuttavia che possano essere coinvolte anche altre formazioni. «Non sappiamo ancora di quali gruppi si tratti, alcuni parlano dell’ISIS, altri pensano vi siano degli elementi di diversa appartenenza. Dobbiamo aspettare per comprendere meglio la reale situazione. Di certo gli estremisti ci sono, in molti li hanno visti pattugliare le strade».

Ovviamente la presenza jihadista preoccupa fortemente i cristiani ed in queste ore è già stata diffusa la notizia di attacchi da parte dell’ISIS a quattro chiese e un monastero. «Non abbiamo ricevuto minacce – racconta il presule – perché ormai tutti i fedeli hanno abbandonato la città. Chissà se mai potranno mai farvi ritorno». Nel 2003 la comunità cristiana di Mosul contava circa 35mila fedeli. Negli undici anni successivi all’inizio della guerra, il numero era tragicamente sceso a circa 3mila. «Ora non vi è probabilmente rimasto più nessuno».

«Continuiamo a pregare perché il nostro paese possa finalmente trovare la pace», afferma monsignor Nona che in questi terribili momenti ha dovuto esortare ancora una volta i suoi fedeli a non perdere la speranza. «Non è semplice dopo tanti anni di sofferenze, ma noi cristiani iracheni siamo saldi nella nostra fede e dobbiamo conservare la speranza, pur nella persecuzione. È un’enorme sfida, soprattutto dopo quanto è accaduto in questi giorni».  

Tags:
chiesa cattolicairaq
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
2
Landen Hoffman
Sarah Robsdotter
“Gli angeli mi hanno preso e Gesù mi vuole bene”: un bimbo di 5 a...
3
nun
Larry Peterson
Gesù ha donato a questa suora una preghiera di 8 parole per esser...
4
Gelsomino Del Guercio
Strano cerchio bianco sulla testa del Papa. Il video diventa vira...
5
MOTHER AND LITTLE DAUGHTER,
Silvia Lucchetti
Lui si suicida dopo aver ucciso le figlie: Giulia torna a vivere ...
6
Lucía Chamat
La curiosa fotografia di “Gesù” che sta commuovendo la Colombia
7
Catholic Link
Non mi piaceva Santa Teresa di Lisieux finché non ho imparato que...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni