Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
martedì 21 Settembre |
San Matteo
home iconNews
line break icon

La grande contraddizione di nome Marie Stopes

Public domain

Aleteia - pubblicato il 10/06/14

Riverita come guru delle cure parentali in realtà era la madrina dell'aborto, vestiva il figlio da donna e ammirava Hitler

Nei giorni successivi alla morte del filosofo Harry Stopes-Roe (avvenuta l’11 maggio scorso)i giornali britannici hanno speso molte parole sulla sua storia, lasciando grande spazio alla figura della madre, Marie Stopes: la storica “madrina” del controllo delle nascite che ha dato il nome al più grande istituto di aborti del Regno Unito, la Marie Stopes International.   

Il Daily Mail ha ripercorso la vita di Marie, ribadendo come la «profetessa del femminismo» fosse «riverita come guru delle cure parentali» ma nella sua vita privata «trattava suo figlio con abominevole crudeltà».

Esperimenti sul figlio
La donna che «aprì la prima clinica per il controllo delle nascite», si legge nell’articolo, scrisse «un libro sull’amore coniugale in cui argomentava come il matrimonio debba essere una relazione alla pari fra moglie e marito», ma era anche «antisemita e credeva con fervore nell’eugenetica, ovvero nel “miglioramento” della popolazione umana attraverso la selezione procreativa». Un’altra contraddizione, secondo il giornale inglese, anzi «la somma ironia» di tutta la vicenda di Marie Stopes, è che questa brillante paleontologa «scrisse un best seller intitolato Wise Parenthood (saggia genitorialità, ndr)» eppure «era una madre atroce». «Trattò il suo unico figlio come un esperimento sociale, vestendolo come una ragazza, scegliendo per lui fratelli adottivi che poi abbandonò (quattro in tutto), e successivamente vittimizzando sua moglie con crudeltà». Addirittura, obbligò il futuro filosofo che «fino all’età di 11 anni fu obbligato a portare la gonna».

Pensiero abortista
Quando Harry nacque, come riporta Tempi.it il l’8 giugno, Marie Stopes aveva già 43 anni ed era diventata famosa in tutto il mondo come la prima accademica donna dell’Università di Manchester. Dallo studio dei fossili si era convertita al controllo delle nascite, fondando il bollettino Birth Control News e aprendo nel 1921 la Mothers’ Clinic di Holloway, la prima nel Regno Unito che offrisse consulenze alle donne per evitare le gravidanze. Grazie a lei il pensiero abortista ed eugenetico si diffuse in tutto il paese.

"Vi parlo nel nome di Dio"
«Ma quando la sua carriera professionale esplose, la sua vita privata fu lacerata da una megalomania furibonda e dalla convinzione di essere una sorta di messia divino». Un giorno addirittura «intervenne a una conferenza di vescovi anglicani salutandoli così: “Signori miei, io vi parlo nel nome di Dio. Voi siete i suoi preti. Io sono la sua profetessa. Vi spiegherò i misteri dell’uomo e della donna”».

La lettera a Hitler
Inoltre «credeva nell’idea della “degenerazione razziale” causata dalle malattie sessualmente trasmissibili dalla “sovrappopolazione”». A un pranzo durante la Seconda guerra mondiale si rifiutò di vedere seduto al proprio tavolo un bambino ebreo rifugiato perché «avrebbe offeso gli ospiti». Nel 1942 scrisse una “poesia” che conteneva questi versi: «Cattolici, Prussiani/ Gli ebrei e i russi/ Sono tutti una maledizione/ O anche peggio». Non a caso l’icona del femminismo ammirava Adolf Hitler, a cui scrisse una lettera agghiacciante: «Dear Herr Hitler, l’amore è la cosa più grande del mondo: accetterai quindi da me queste poesie che potresti far avere ai giovani della tua nazione? I giovani devono imparare ad amare dal particolare finché non saranno abbastanza saggi per l’universale. Spero che anche tu troverai qualcosa che ti piaccia nel libro».

Tags:
bioetica
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
2
BABY
Mathilde De Robien
Nomi maschili che portano impresso il sigillo di Dio
3
SINDONE 3D
Lucandrea Massaro
L’Uomo della Sindone ricostruito in 3D. I Vangeli raccontano la v...
4
PAURA FOBIA
Cecilia Pigg
La breve preghiera che può cambiare una giornata stressante
5
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
6
Padre Ignacio María Doñoro de los Ríos
Francisco Vêneto
Il cappellano militare che si è finto malvivente per salvare un b...
7
SERENITY
Octavio Messias
4 suggerimenti contro l’ansia
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni