Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
giovedì 29 Ottobre |
Santi Simone e Giuda
home iconNews
line break icon

I disabili sono membri attivi della Chiesa cattolica

DR

Aleteia - pubblicato il 09/06/14

Gli spunti più interessanti del convegno “Diversi da chi? L’altro come risorsa” organizzato dall’Associazione Italiana Persone Down

Le persone con disabilità sono e devono essere membri attivi della Chiesa cattolica. E' quanto è emerso nel convegno di domenica 8 giugno “Diversi da chi? L’altro come risorsa”, organizzato dall’Aipd nella sede di Radio Vaticana a Roma.

I disabili non solo come soggetti da accudire e di cui prendersi cura con carità ma persone che vogliono un'integrazione più profonda anche all'interno delle parrocchie.

Bisogni primari, autonomia, spiritualità

“Dopo aver pensato ai bisogni primari, poi all'autonomia, abbiamo deciso di affrontare il tema della spiritualità, anche grazie a un’affermazione di Papa Francesco”, ha detto in apertura dell’evento Giampaolo Celani, presidente di Aipd (Ass. Italiana Persone Down) di Roma, ricordando come, a stimolare questa riflessione sia stata la frase “chi sono io per giudicare?” pronunciata proprio dal Papa in riferimento a una diversità completamente diversa.

Celani, come riporta Redattoresociale.it l'8 giugno, ha sottolineato come Francesco abbia detto che la pienezza non è in contraddizione con una condizione di dolore e sofferenza, che il cuore semplice è una risorsa di umanità, e tuttavia “come disabili intellettivi abbiamo difficoltà a essere accolti nelle parrocchie”. 

Il corpo soggetto di dignità

Luigi Manconi, presidente commissione diritti umani del Senato, ha sottolineato come tra gli ostacoli al riconoscimento dell’importanza sociale delle persone con disabilità ci sia anche la politica: “C’è un’insensibilità antropologica, funzionalistica e utilitaristica, che dà dignità a chi serve, a chi è utile, e si somma a pregiudizi culturali di idea di forza”.

Per Manconi si tratta di una visione “di natura consumistica e salutista”, “che rende la persona con disabilità, nella migliore delle ipotesi oggetto di assistenza paternalistica”. Inoltre, ha sottolineato il presidente della Commissione Diritti umani del Senato, “si tratta di appena 40mila persone con sindrome di down, così come appena 60mila detenuti nelle carceri italiane e poche centinaia di immigrati nei cie”. “Non hanno capacità di portare consenso elettorale, possono non essere ascoltati”. “Il corpo della sua condizione di unicità e sofferenza, nella politica non c'è”. Manconi ha ricordato come sia doveroso oggi “avere la capacità di consentire alla minoranza di entrare nel gioco democratico”, esigenza evidenziata dalle azioni del Papa: “che ha messo al centro il corpo, anche sofferente, come soggetto di dignità”. 

App e musica per fare catechismo

Al convegno è intervenuta anche la responsabile del "Settore catechesi per le persone disabili della Cei", VeronicaDonatello, affermando di aver fatto un lavoro di sensibilizzazione in circa 130 su 220 diocesi italiane, attraverso la progettazione e svolgimento di corsi di formazione.

Si tratta principalmente di due attività formative: un corso di accompagnamento alla morte della persona disabile, anche in collaborazione con la Caritas con l’ufficio giuridico della Cei, e formazione specifica per catechisti, in collaborazione con l’Università Salesiana, anche attraverso l’utilizzo di strumentidigitali e artistici: “Abbiamo creato un’app per sostenere il percorso di catechesi e fatto un lavoro sull’uso della musica, soprattutto per disabili gravi”. “Inoltre , ha affermato la religiosa, alcune diocesi hanno creato strutture "dopo di noi," e "durante noi". Fondamentale per la religiosa il passaggio “Da "io mi prendo cura di te" a "tu sei mio fratello".

Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Tags:
disabilitàmalattiasindrome di down
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
CEMETERY
Gelsomino Del Guercio
Indulgenze plenarie per i defunti: come otten...
PRAYER
Philip Kosloski
Resistete alla “tristezza del diavolo” con qu...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
Camille Dalmas
Il montaggio dietro alla discussa frase del p...
VITIGUDINO
Gelsomino Del Guercio
Prima brillante medico, poi suora: la bella s...
HEAVEN
Philip Kosloski
Preghiera perché un defunto raggiunga la gioi...
CARLO ACUTIS, CIAŁO
Gelsomino Del Guercio
Preghiera a Carlo Acutis con richiesta di una...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni