Aleteia
mercoledì 21 Ottobre |
San Gaspare del Bufalo
Stile di vita

"La teoria gender porta alla barbarie". Parola di una ex icona della sinistra

Paul Malo / Aleteia

LMPT

ZENIT - pubblicato il 05/06/14

Farida Belghoul, paladina antirazzista negli anni '80, coinvolge oggi i genitori in una campagna di boicottaggio contro l'indottrinamento gender nelle scuole francesi

di Federico Cenci

C’è un filo conduttore nell’impegno sociale di Farida Belghoul. Negli anni ’80 scendeva in strada come capofila del “movimento beur”, formato da frotte di giovani nordafricani che invocavano integrazione nella società francese. Oggi, dopo quasi trent’anni di “riposo” dall’attività pubblica, una nuova emergenza sociale l’ha spinta a spendersi in prima persona, sfruttando la sua incontestabile dote di trascinatrice. Si tratta della diffusione dell’ideologia di genere, che “è mortifera” e fa parte di “un progetto mondiale il cui obiettivo è fare in modo che i bambini perdano tutti i punti di riferimento”.

È “ancora più grave” del razzismo. Parole dure, pronunciate in un’intervista a 
Il Foglio
, che testimoniano il livello di consapevolezza che questa icona dei diritti civili, di origine algerina, ha maturato rispetto al fenomeno, il quale “tende a far perdere ai bambini anche l’ultimo caposaldo che permetteva loro di identificarsi in qualcosa di radicato e solido: la loro identità sessuale”.

In Francia il gender ha iniziato a insediarsi tra i banchi di scuola da qualche anno, quando ancora la stragrande maggioranza dei cittadini non avrebbe mai osato immaginare che un progetto educativo potesse essere così sovversivo da minare finanche le basi del diritto naturale. Ora, il progetto ha raggiunto il suo apice. “Con il pretesto ingannevole della ‘lotta per l’uguaglianza e contro l’omofobia’” il ministro dell’Istruzione, Vincent Peillon, “sulle tracce del suo predecessore Luc Chatel”, ha fissato l’obiettivo per l’inizio della prossima stagione scolastica di ufficializzare l’educazione gender nelle scuole.

Sarebbe l’imprimatur istituzionale a una realtà già esistente nei fatti: “centinaia di scuole sono coinvolte nel progetto, che ha come scopo dichiarato quello di ‘decostruire gli stereotipi di genere’”. E per stereotipi di genere, questi “giacobini dell’identità sessuale”, intendono la differenza tra filles e garçons, l’attitudine di una bambina a giocare con le bambole e di un bambino con le macchinette. Per Farida Belghoul tutto questo è folle. “Piaccia o meno ai sostenitori del gender – sbotta la pasionaria – la differenza sessuale è all’origine dell’umanità. La riproduzione umana avviene grazie a questa differenziazione che è da sempre alla base del mondo in cui viviamo, e che l’ideologia del genere vuole distruggere in maniera sorniona, alle spalle dei genitori”. È “un progetto chiaro e organizzato, che dobbiamo assolutamente fermare”, ribadisce.

Per fermarlo, ha promosso e organizzato un movimento di boicottaggio dal nome Journée de Retrait de l’Ecole (“un giorno al mese senza scuola”). Alla sua idea hanno aderito entusiasticamente oltre settanta comitati e migliaia di genitori finora disimpegnati da attività di questo tipo. Essi stessi si sono prodigati, innescando un tam tam che – correndo velocemente attraverso sms, poste elettroniche, social network e passaparola – ha raccolto una valanga di adesioni. Molte scuole francesi si sono ritrovate così semi-vuote, in segno di protesta contro l’educazione a tinte “arcobaleno”.

La campagna di boicottaggio ha spaventato il Governo, a tal punto che il ministro dell’Istruzione Peillon ha precipitosamente convocato quei genitori (cattolici, musulmani, non credenti…) che avevano deciso di ritirare i propri figli da scuola, per spiegar loro che l’indottrinamento gender agli alunni è solo una credenza frutto di quell’ossessione da complotto tipico di “reazionari” e ordita dalla “estrema destra negazionista”. Ma l’imperituro esercizio, peculiare della gauche, di agitare lo “spettro nero” non ha sortito stavolta l’effetto desiderato.

  • 1
  • 2
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Tags:
ideologia gender
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Aleteia
Gli avvisi divertenti che si leggono nelle pa...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
DISNEY, CARTOONS
Annalisa Teggi
Arriva il bollino rosso per Dumbo, gli Aristo...
PADRE PIO
Philip Kosloski
Quando Padre Pio pregava per qualcuno recitav...
Domitille Farret d'Astiès
10 perle spirituali di Carlo Acutis
EUCHARIST
Philip Kosloski
Questa Ostia eucaristica è stata filmata ment...
ARCHANGEL MICHAEL
Gelsomino Del Guercio
La preghiera di protezione contro gli spiriti...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni