Ricevi Aleteia tutti i giorni
Le notizie che non leggi altrove le trovi qui: inscriviti alla newsletter di Aleteia!
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

​Un minuto per la pace

© Public Domain
Condividi

Parte dall’Azione cattolica argentina l’invito a sostenere la preghiera per la pace di Papa Francesco insieme ai presidenti di Israele e Palestina

Un minuto, solo un minuto, da “strappare” alle giornate piene di impegni e distrazioni di ognuno di noi per dedicarlo alla pace. Lo chiede l’Azione cattolica argentina e del mondo per venerdì 6 giugno alle ore 13 al fine di accompagnare l’incontro di preghiera a cui Papa Francesco ha invitato, il prossimo 8 giugno, i presidenti di Israele, Shimon Peres, e dello Stato di Palestina, Abu Mazen.

“Offro la mia casa in Vaticano” ha detto Papa Francesco a Betlemme il 25 maggio scorso, durante la visita in Terrasanta, invitando i due leader “a elevare insieme con me un’intensa preghiera invocando da Dio il dono della pace”, invito accettato da entrambi i presidenti. L’auspicio del Papa, infatti, è che Israele “sia un luogo in cui non vi sia alcuno spazio per chi, strumentalizzando ed esasperando il valore della propria appartenenza religiosa, diventa intollerante e violento verso quella altrui” (Ilfattoquotidiano.it 25 maggio).

L’Azione cattolica argentina ha prontamente raccolto l’invito dell’ex arcivescovo di Buenos Aires Bergoglio a sostenere la preghiera per la pace e insieme all’Azione Cattolica Italiana, il FIAC, Forum Internazionale di Azione Cattolica, e l’UMOFC, Unione Mondiale delle Organizzazioni Femminili Cattoliche chiede a tutti di fermarsi un minuto in preghiera alla vigilia dell’evento, il 6 giugno alle ore 13.

E’ un venerdì “giorno di preghiera per l’Islam, vigilia del tempo di preghiera per l’Ebraismo. Occasione speciale di preghiera, di riflessione; e messaggio ai credenti nelle comuni radici di Abramo, per essere insieme e invocare dal Signore il dono della pace”.

“Molti diranno che un minuto non cambia niente – ha scritto il presidente dell’Azione cattolica argentina e coordinatore del Fiac, Emilio Inzaurraga – e hanno ragione, ma con un minuto possiamo iniziare una catena che va oltre i nostri confini e si unisce ai desideri e ai sogni di tutta quella umanità che sa, come ha detto Papa Francesco che ‘costruire la pace è difficile, ma vivere senza pace è un tormento’”. E oggi “tante persone, popoli interi, vivono conflitti permanenti che distruggono le loro vite, il lavoro, le famiglie”.

“Se ognuno di noi – ha aggiunto Inzaurraga – ferma il cammino per un momento e si dispone a pregare Dio per il dono della pace e per la forza e la perseveranza necessarie a costruire nuove relazioni di amicizia nelle nostre situazioni di vita, nei nostri popoli e nei legami con le persone con le quali dividiamo la vita, ciò costituirà sicuramente un bene per tutti e con un minuto potrà iniziare un tempo nuovo”. “La pace – ha ricordato il presidente dell’Ac argentina – è un dono da invocare, ma anche un impegno e un’opera da realizzare”.

L’Azione Cattolica Italiana ha invitato i suoi aderenti, e tutti coloro che vorranno unirsi all’iniziativa, a fermarsi, chinare il capo e pregare secondo la propria tradizione: sul lavoro, a scuola, all’università, nel quartiere, in famiglia, davanti la propria parrocchia. Ai sacerdoti si chiede di uscire dalle chiese e di pregare per la pace con la gente in strada, rispondendo così all’invito di Francesco.

L’iniziativa è anche su Facebook/unminutoporlapaz e su twitter #unminutoperlapaz

La Presidenza della Conferenza episcopale italiana, raccogliendo a sua volta l’invito di Papa Francesco, ha chiesto che in tutte le chiese domenica 8 giugno, celebrando la solennità della Pentecoste, si preghi per la pace in Medio Oriente e per il buon esito dell’incontro di preghiera convocato in Vaticano.

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.