Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
mercoledì 25 Novembre |
Santa Caterina d'Alessandria
home iconChiesa
line break icon

Chiesa e internet: esame di maturità

@DR

Vinonuovo.it - pubblicato il 04/06/14

Siamo sempre più consapevoli che la vita è una, tanto nell'ambiente fisico quanto in quello digitale. Ma proprio per questo c'è uno stile di vita da ricercare anche sui social

di Moreno Migliorati

Dei risultati della ricerca sull'uso di Facebook tra sacerdoti, religiosi, religiose e seminaristi presentati nel corso di "Churchbook. Tra social network e pastorale", il convegno svoltosi lo scorso 29 maggio presso la Cattolica di Milano, ha già riferito 

Diego Andreatta. Il medesimo appuntamento è stato tuttavia ricco anche di altri spunti di riflessione che non sarà inutile, anche se brevemente, richiamare per sommi capi.
Quella che è emersa dalle varie relazioni è stata innanzitutto una visione estremamente positiva dell'ambiente digitale. Superate le iniziali diffidenze (che emergeva anche dai primi pronunciamenti magisteriali in merito) è entrato finalmente nel comune sentire, anche ecclesiale, che Internet è veramente un autentico "Dono di Dio", come lo definisce Papa Francesco nel messaggio per l'ultima Giornata mondiale delle comunicazioni sociali. Anche la distinzione tra "vita online" e "vita offline" (imperante fino a poco tempo fa e fonte di non poche incomprensioni) sta perdendo terreno a favore della consapevolezza che la vita è una, sia che la si viva nell'ambiente fisico che in quello digitale. Altro importante punto dibattuto nella giornata di convegno è stato quello relativo al ruolo dei social media nella costruzione dello spazio pubblico.

Essenziale, a questo riguardo, è la realtà del Web 2.0, basato sul superamento delle tradizionali forme di intermediazione e fondato invece sulla partecipazione e sulla condivisione. Al centro, è stato sottolineato, c'è l'io e tutto intorno un mondo fatto di reti concentriche. È in questo contesto che è possibile affermare che l'abbondanza informativa imperante attualmente (tanto da poter affermare che il vero potere è costituito dalla conoscenza) se da un lato è un fenomeno da valutare positivamente perché può favorire la trasparenza, rischia tuttavia di trasformarsi in opacità. L'ambiente digitale (anche questo è stato un tema dibattuto) è estremamente importante anche per costruire ed ampliare un proprio spazio relazionale e quindi per offrire a se stessi notevoli opportunità di crescita personale.
Se questi sono stati i punti positivi emersi durante la giornata milanese, non sono mancate neppure le criticità, o meglio, le attenzioni da porre in atto per vivere al meglio nel mondo digitale e in particola modo dei social network. Il primo rischio da evitare è quello di chiudersi in "bozzoli confortevoli" cercando il contatto solo con chi la pensa come noi. Rischio presente anche nella vita fisica ma che rischia di essere ampliato in quella digitale. Altro rischio da evitare è quello di considerare la rete unicamente come un mezzo per fare proselitismo. È essenziale, invece, proporre uno stile di vita che sia il più possibile coinvolgente e condivisibile evitando anche che la religione sia vista come un prodotto da smerciare al pari di un altro. Anche la velocità, così connaturata all'ambiente digitale e fenomeno sostanzialmente positivo, può essere un'arma a doppio taglio se impedisce lo sviluppo del pensiero e della capacità espressiva e narrativa. Altra attenzione va posta a che in rete (vista in questo caso come un palcoscenico) non emerga unicamente l'aspetto emozionale e narcisistico, visto che siamo noi stessi i manager della nostra identità sociale.

Se un appunto può essere fatto all'interessantissima giornata milanese, è di aver trascurato completamente il mondo della messaggistica, in particolare applicazioni tipo WhatsApp, così ampiamente diffuse, specie tra le nuove generazioni, e considerate alla stregua di veri e propri social network. Ma magari il tutto sarà oggetto di altri appuntamenti. Per il momento, il convegno del 29 maggio ha già fornito ampio materiale di riflessione alla Chiesa italiana e alla società intera.
(si ringrazia Simona Borello per la collaborazione)

Qui l'originale

Tags:
chiesa cattolicafocus social networksocial networktecnologia
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Paola Belletti
Lucia Lombardo, dall'esoterismo alla fede in ...
HEAVEN
Philip Kosloski
Preghiera perché un defunto raggiunga la gioi...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
WOJTYLA
Teologia del corpo and more
La vera rivoluzione sessuale fu quella del ve...
KONTEMPLACJA
Mercedes Honrubia García de la Noceda
Accetto la separazione con speranza, per amor...
CARLO ACUTIS MIRACOLI EUCARISTICI
VatiVision
Carlo Acutis: il documentario sulla mostra su...
ARCHANGEL MICHAEL
Gelsomino Del Guercio
La preghiera di protezione contro gli spiriti...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni