Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
sabato 19 Giugno |
San Romualdo
home iconNews
line break icon

​Democrazia 2.0: più liberi di partecipare?

© public domain

Chiara Santomiero - Aleteia - pubblicato il 04/06/14

E’ necessaria una regolamentazione sovranazionale per assicurare la libertà di accesso ma tutelare da possibili abusi

La Rete rappresenta una straordinaria opportunità data al nostro tempo di intensificare i rapporti tra le persone e anche di far entrare i cittadini nei palazzi delle istituzioni avvicinandoli ai luoghi in cui si decide la cosa pubblica: sulla positività di questo processo sono tutti d’accordo. Occorre, tuttavia interrogarsi, sui problemi che possono nascere nell’era della comunicazione globale per la tutela dei diritti degli individui e per l’esercizio stesso della democrazia quando si ipotizzi di sostituire la cabina elettorale con il tasto “invio” del computer. Di "Democrazia 2.0: Costituzione e partecipazione" si è parlato nella tavola rotonda organizzata dall'Unione cristiana imprenditori e dirigenti (Ucid) di Roma, a margine della quale Aleteia ha intervistato Ruben Razzante, docente di diritto dell'informazione e della comunicazione all'Università cattolica di Milano e alla Lumsa di Roma.


La Rete pone al diritto nuove questioni da affrontare: quali sono le potenzialità e quali i rischi?

Razzante: I rischi sono notevoli perché c’è in ballo la tutela di alcuni diritti fondamentali come la privacy, la reputazione, l’onore, il diritto d’autore. Spetta alle autorità sovranazionali regolamentare una materia così complessa perché le leggi nazionali non possono risolvere problemi di questa portata pur intervenendo in materia. L’obiettivo è quello di realizzare un bilanciamento nella tutela dei diritti e fare in modo che i cittadini siano effettivamente tutelati anche quando navigano in Rete.

E le potenzialità?

Razzante: Esistono senz’altro enormi potenzialità partecipative che si realizzano nella capacità di avvicinare cittadini che vivono anche in paesi e continenti diversi. Dialogo, partecipazione, confronto sono tutti frutti maturi della democrazia in Rete. Internet ha avuto il pregio di colmare le distanze che si erano create nel mondo fisico.

Internet potrebbe davvero portare – come si afferma da più parti – al passaggio dalla democrazia rappresentativa a quella diretta? Il Movimento 5 Stelle rappresenta un esperimento in questa direzione.

Razzante: Non credo si tratti di un processo destinato a compiersi in modo totale. La democrazia rappresentativa rimane insostituibile e, inoltre, resta l’esigenza di preservare le mediazioni – dei gruppi, dei partiti, dei movimenti – che è una mediazione fisica, non può essere virtuale. Non si può sostituire la democrazia dei partiti con la democrazia dell’audience, dello share e del numero di utenti o di “mi piace”.

Un contributo determinante per l’evoluzione del diritto in materia di Internet viene dalla giurisprudenza. Di grande rilievo è la recente sentenza della Corte europea che afferma il cosiddetto “diritto all’oblio”…

Razzante: E’ la sentenza 13 maggio del 2014. E’ molto importante aver riconosciuto il diritto all’oblio, cioè il diritto a veder deindicizzati i contenuti pubblicati negli archivi dei giornali. La sentenza non afferma il diritto a veder cancellate del tutto le notizie scomode per il soggetto interessato, ma consente di ripulire la Rete da materiali inutili che non sono più attuali. Non riguarda, tuttavia, il lavoro dei giornalisti che devono continuare ad archiviare tutti i materiali, senza soluzione di continuità, perché è giusto poter ritrovare negli archivi dei giornali ogni notizia pubblicata.

Si può dire che sia stato affermato un principio di civiltà giuridica?

Razzante: Sicuramente. Il diritto all’oblio, nell’ottica di bilanciamento dei diritti di cui parlavamo prima, consente un migliore equilibrio tra tutela della privacy e diritto ad essere informati.

Tags:
internetsocieta
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
2
conduttore rai 1 diventa prete
Gelsomino Del Guercio
Addio al giornalismo: Fabrizio Gatta, il volto noto di Rai1, dive...
3
MAN HOSPITALIZED,
Silvia Lucchetti
Colpito da ictus: la Madonna di Loreto mi ha salvato ed è venuta ...
4
nun
Larry Peterson
Gesù ha donato a questa suora una preghiera di 8 parole per esser...
5
Lucía Chamat
La curiosa fotografia di “Gesù” che sta commuovendo la Colombia
6
MATKA TERESA Z KALKUTY
Cerith Gardiner
In caso di necessità, l’efficacissima preghiera da 5 secondi di m...
7
Landen Hoffman
Sarah Robsdotter
“Gli angeli mi hanno preso e Gesù mi vuole bene”: un bimbo di 5 a...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni