Ricevi Aleteia tutti i giorni
Solo le storie che vale la pena leggere: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Artista torna alla musica dopo la morte di moglie e figlia

© MichaelTutton
Condividi

Bob Geldof, musicista pro Live Aid “Torno alla musica perché cura la vita”

"Bisogna tornare alla vita, perché la vita continua, per alcuni di noi. È la realtà. Per me ritrovarmi su un palco è come una catarsi, un modo per ricordare l'anima di Peaches, le cose vissute insieme". Bob Geldof sta superando il dolore della morte della figlia 25enne e lo sta facendo grazie alla musica, a riportare la notizia è Huffington Post il 28 maggio.

Musicista, produttore e attivista politico, è l'uomo dei Live Aid, convinto che con le canzoni si possa fare veramente beneficenza. Ma ora sono le canzoni a curare lui. E a curarlo è anche l'amore: a maggio ha annunciato il matrimonio con l'attrice Jeanne Marine, dopo la morte della moglie Paula Yates. "Sì, è solo qualcosa di molto positivo. Non c'è nulla di più positivo dell'amore", dice in un'intervista rilasciata al giornalista Carlo Moretti di Repubblica.

Geldof, commentando i dolori che ha vissuto dopo la perdita di moglie e figlia, afferma che la musica lo ha aiutato ad esprimere ciò che ha vissuto. E che anche la sofferenza può essere vissuta con dignità.

 

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni