Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
sabato 16 Ottobre |
Santa Margheria-Maria Alacoque
Aleteia logo
home iconNews
line break icon

Ipnosi e ipnosi regressiva: più rischi o più benefici?

© Public Domain

Emanuele D'Onofrio - Aleteia - pubblicato il 26/05/14

È come se fosse un’operazione chirurgica all’interno dell’inconscio?

Luparia: Si entra nello stato di coscienza della persona, e qui cominciano a sfrangiarsi i livelli di diffidenza. Qualcuno può far mettere a questa persona le mani in tasca e dire “mi prendi 5 euro?”. O magari 500. Io sono a conoscenza di situazioni criminose: una persona è stata derubata probabilmente per una trance ipnotica transitoria, brevissima, nella quale il comando era “dammi la carta di credito!”, ed è successo per strada. Sono persone abilissime: con il cellulare, probabilmente, per un attimo si può creare la trance. Si sa anche del caso di uno sportellista di una banca a cui è stata sicuramente indotta una trance ipnotica e si è ritrovata con 2000 euro in meno nel cassetto a fine giornata, col dramma di non riuscire a capire come sia stato possibile.

Per indurre uno stato ipnotico si fa uso di un pendolo, come nei film?

Luparia: Anche. Oppure ci sono dei meccanismi di autoipnosi, che conosciamo bene. Pensiamo alla ninna nanna di un bambino: “Ninna nanna, ninna oh…”, una nenia che induce il sonno. Basta entrare in quel livello.

La Chiesa cattolica di recente non si è mai pronunciata sull’ipnosi a livello ufficiale?

Luparia: Guardi, io sono al trentottesimo anno di professione, quindi pesco molto lontano nella presenza della psicologia, della psicoterapia, almeno qui in Italia, e devo dirle che non ne ho mai sentito se non al livello di alcune interviste uscite ogni tanto. In particolare oadre Amorth, l’esorcista, prende fortemente le distanze dall’ipnosi, come dall’omeopatia, come da altre forme terapeutiche, gettando su di queste ombre inquietanti. Stiamo parlando comunque di stati di coscienza, quindi ripeto ancora una volta che il livello deontologico del professionista deve essere al di sopra di ogni sospetto, perché è un ambito veramente delicato. Ci sono forme di suggestione che non sono ipnotiche, ma che sono in grado di gestire non solo una persona ma anche intere masse, al livello di messaggi subliminali per esempio. Non entriamo necessariamente nel criminoso: la pubblicità usa messaggi subliminali, che mandano un comando che entra nella coscienza, non lavora subito ma lavora al momento giusto, quando uno si trova a fare delle associazioni. Quindi l’aspetto morale e l’etica del professionista, come l’etica della psicologia della pubblicità, devono avere un profilo molto elevato. Non conosco altra diffidenza se non quella che ho visto in alcuni esorcisti.

È vero che l’ipnosi regressiva svelerebbe, per alcuni pseudo-scienziati, tracce di vite precedenti, e quindi di reincarnazione?

Luparia: Sì, ma questi scenari non hanno a che fare con l’ipnosi. Hanno a che fare con la visione ideologica dell’ipnotista, cioè della sua lettura ideologica. Vanno letti come il contenuto manifesto del contenuto latente di un sogno. Il contenuto latente è un contenuto che va interpretato, mentre il contenuto manifesto è il crittogramma che poi deve essere decifrato. E quindi o lo leggo come l’interprete da rotocalco settimanale che deve dare quest’immagine suggestiva del sogno, oppure lo faccio da scienziato, come lo fa uno psicanalista serio.

  • 1
  • 2
Tags:
psicologia
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
Gelsomino Del Guercio
“Dio ti darà dei segni”. Quel messaggio di Carlo Acutis all’amica...
2
Gelsomino Del Guercio
Carlo Acutis parlava di un regalo che gli aveva fatto Gesù. Di co...
3
PRAY
Philip Kosloski
Preghiera al beato Carlo Acutis per ottenere un miracolo
4
CARLO ACUTIS
Silvia Lucchetti
“I primi miracoli mio figlio li fece il giorno del funerale”
5
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
6
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
7
BERGOGLIO
Gelsomino Del Guercio
“Se non mi sposo con te, mi faccio prete”. Così parlò il futuro P...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni