Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
martedì 02 Marzo |
Sant'Agnese di Boemia
home iconChiesa
line break icon

Un’occasione per gli ebrei di conoscere i cattolici di oggi

© Public Domain

Città Nuova - pubblicato il 25/05/14

Incontro con il rabbino David Rosen, infaticabile promotore del dialogo interreligioso

di Paolo Lòriga

Non ha dubbi che l’imminente incontro tra papa Francesco e il patriarca di Costantinopoli, Bartolomeo, produrrà benefici effetti anche al dialogo tra le religioni. «Ogni relazione di chi cerca di ampliare il rapporto con l’altro e che, in un certo senso, afferma nell’altro l’immagine divina, porta effetti positivi a tutte le altre religioni».

Il rabbino David Rosen, direttore internazionale degli Affari interreligiosi dell’American Jewish Committee, è un instancabile costruttore del dialogo tra le fedi e ce ne parla con passione nella terrazza della propria abitazione, da cui si gode una panoramica d’insieme di Gerusalemme.

«Dal mio punto di vista, e penso anche da quello della Chiesa cattolica, la venuta di papa Francesco costituisce un’occasione per incrementare il rapporto con l’ebraismo, un rapporto che viene alimentato da ogni progresso di dialogo con tutte le religioni, anche se è bene tenere presente che il rapporto tra cattolici ed ebrei è diverso e distinto dagli altri. Al riguardo, Giovanni Paolo II ricordava che la relazione con l’ebraismo è intrinseca e non estrinseca alla Chiesa stessa. Non è affatto un caso che il Pontificio consiglio per la promozione dell’unità dei cristiani includa al proprio interno la Commissione per i rapporti religiosi con l’ebraismo. Un organismo che, naturalmente, non ha per scopo il proselitismo, né il compito di convertire gli ebrei, ma intende manifestare la vicinanza tra cattolici ed ebrei».

In questa fase iniziale del pontificato di Francesco ha visto segni incoraggianti in fatto di dialogo con l’ebraismo?
«L’elezione di papa Francesco ha portato significativi benefici al rapporto cattolico-ebraico, ma non perché i suoi predecessori non siano stati grandi amici dell’ebraismo. Al contrario. Ma non c’è mai stato prima di Francesco un papa che abbia avuto un rapporto così stretto, vivo, vivace e vitale con la comunità ebraica. Giovanni Paolo II ebbe un rapporto di amicizia sin da adolescente con gli ebrei, ma devo ammettere che è unico quanto vissuto da papa Francesco, perché non solo ha avuto amici ebrei, ma ha aperto la cattedrale cattolica di Buenos Aires alla commemorazione della Shoah ed altre iniziative della comunità ebraica, e si è pure recato nella sinagoga. Ora che papa Francesco è così conosciuto e stimato, il fatto di sapere che è un amico degli ebrei fa vedere agli ebrei di tutto il mondo il rapporto che i cattolici hanno con l’ebraismo».

Quali sono le attese della società israeliana e, in particolare, dei rabbini?
«Difficile fare una valutazione complessiva e generalizzare i punti di vista degli ebrei, perché resta vera una battuta che recita: due ebrei, tre opinioni. Questa varietà potrà costatarla lunedì nell’incontro con i due gran rabbini d’Israele, dove troverà tutto lo spettro delle diverse tradizioni e sensibilità. Posso comunque dire che la maggioranza degli ebrei e dei rabbini valuta questa visita in maniera molto positiva. Non va nascosta, tuttavia, l’esistenza di una minoranza traumatizzata dalle vicende storiche contro gli ebrei e il verificarsi di gesti ingiuriosi contro i cristiani, da noi riprovati, compiuti da poche persone.
Ritornando alla venuta del papa, va aggiunto che gli israeliani non conoscono il cattolicesimo moderno. Quando viaggiano nel mondo, vedono semplicemente i cattolici come non ebrei, non come cattolici moderni, diversi da quelli del passato. L’arrivo di papa Francesco può produrre un profondo, positivo impatto nella coscienza ebraica e nella concezione dei cristiani, aprendo gli ebrei ad una conoscenza effettiva e attuale dei cattolici».

  • 1
  • 2
Tags:
dialogo ebraico cristiano
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
Sanctuary of Merciful Love
Bret Thoman, OFS
Le acque guaritrici profetizzate da una suora del XX secolo
2
FUMETTI MATRIMONIO DIO
Catholic Link
5 immagini su cosa accade in un matrimonio che ha Dio al centro
3
Philip Kosloski
Perché i cattolici non mangiano carne i venerdì di Quaresima?
4
POPE AUDIENCE
Gelsomino Del Guercio
Il Papa: il diluvio è il risultato dell’ira di Dio, può arrivarne...
5
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
6
POPE FRANCIS AUDIENCE
Ary Waldir Ramos Díaz
Perché dobbiamo fare il segno della croce nei momenti di pericolo...
7
Communion
Claudio De Castro
Comunione: si ha tra le mani il Figlio di Dio, e serve rispetto
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni