Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
giovedì 29 Ottobre |
San Gaetano Errico
home iconNews
line break icon

Il Cenacolo di Gerusalemme è un luogo di incontro non di polemica

© Corrado Paolucci/Aleteia

Aleteia - pubblicato il 24/05/14

“Qui è disceso lo Spirito Santo, sarà un incontro del Papa con l'origine della Chiesa”

“E’ una gioia speciale per noi francescani avere qui il Papa! E per questo cerchiamo di mettere a disposizione tutto ciò che abbiamo per lui. A partire dagli oggetti liturgici” è la voce pacata e distesa di padre Enrique, guardiano del “Cenacolino” il convento francescano situato accanto al Cenacolo nella città vecchia di Gerusalemme.

Noi non reagiamo
Il luogo del Cenacolo è da sempre oggetto di dispute e rivendicazioni e anche di recente si sono verificati diversi atti ostili verso il convento dei francescani. “Ma noi non reagiamo” dice padre Enrique. “Vogliamo solo la pace, perché questo è un luogo di vera pace. Inoltre vorrei ribadire che non c’è nulla da temere perché le manifestazioni di protesta sono molto ben controllate dalla polizia”.

Papa Francesco risolverà le dispute?
“Il Papa viene qui per un desiderio ecumenico e credo che in questi termini la sua visita porterà qualcosa di nuovo. Ma la questione sul Cenacolo è diversa, sono due cose separate”. Padre Enrique spiega il perché di questa celebrazione: “Il Papa incontrerà l’origine della Chiesa. Perché qui gli apostoli hanno partecipato all’Ultima Cena con Gesù ma hanno anche ricevuto lo Spirito Santo. E di fatto è cominciata la vita della prima comunità cristiana, con la Madonna che ha accompagnato e incoraggiato Pietro e gli altri discepoli. Pensa, qui San Tommaso ha messo il dito nelle piaghe di Gesù!”.

I numeri della celebrazione
Al Cenacolo ci sarà la Santa Messa conclusiva del viaggio papale. La celebrazione sarà officiata da Papa Francesco insieme agli ordinari di Terra Santa. “Saremo 3 frati del convento del ‘Cenacolino’, il Custode e il Vicario patriarcale di Cipro. In totale dovremmo essere una cinquantina. Di fatto sarà una funzione privata”. Sorride padre Enrique prima di salutare e rientrare nel convento dove lo aspettano gli ultimi preparativi.

Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Tags:
frati francescaniterra santa
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
CEMETERY
Gelsomino Del Guercio
Indulgenze plenarie per i defunti: come otten...
PRAYER
Philip Kosloski
Resistete alla “tristezza del diavolo” con qu...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
Camille Dalmas
Il montaggio dietro alla discussa frase del p...
VITIGUDINO
Gelsomino Del Guercio
Prima brillante medico, poi suora: la bella s...
HEAVEN
Philip Kosloski
Preghiera perché un defunto raggiunga la gioi...
CARLO ACUTIS, CIAŁO
Gelsomino Del Guercio
Preghiera a Carlo Acutis con richiesta di una...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni