Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
domenica 17 Gennaio |
Sant'Antonio
home iconNews
line break icon

Abbiamo bevuto il caffè con Paolo VI

© Corrado Paolucci/Aleteia

Aleteia - pubblicato il 22/05/14

L'incredibile storia di Issa e Leila, una famiglia cristiana che vive nella città vecchia di Gerusalemme da 64 anni

“Fu una sorpresa, non ci aspettavamo che Paolo VI entrasse veramente in casa nostra…”. Sono le parole, ancora piene di commozione, di Issa, 80enne cristiano arabo che insieme alla moglie ha incontrato papa Montini nella sua storica visita in Terra Santa nel 1964.

C'è il papa alla porta
Il giovane Issa era conosciuto nella città vecchia di Gerusalemme perché lavorava nella compagnia che si occupava della manutenzione elettrica del Santo Sepolcro. In vista dell'arrivo di papa Montini espresse al suo parroco un grande desiderio: “Vorrei incontrare il papa…”. Ma non ricevette nessuna risposta.

Il 6 gennaio del 1964 fu però lo stesso parroco ad avvertire Issa e Leila: “stendete un bel tappeto davanti all'ingresso”. I due giovani ubbidirono. Poco dopo ecco palesarsi Paolo VI in persona con tanto di seguito papale. Il pontefice salutò il vicinato, confessò una persona gravemente malata e accettò una tazzina di caffè offertagli da Leila. La tazza è gelosamente conservata da Leila in uno scrigno, dove è ancora visibile la polvere del caffè. “Si è fermato a incontrare la gente ed ha passato 15 minuti qui, sulla soglia di casa nostra”.

A papa Francesco chiediamo la pace
L'emozione vibra ancora negli occhi di Issa e Leila. Ma si vede che c'è qualcosa di più, qualcosa che non passa con gli anni. C'è una fede viva e semplice. Lo testimonia la loro casa, accogliente e ricca dei segni dell'amore di Cristo. E le loro 5 figlie, frutto del loro amore e della loro fedeltà che dura da oltre cinquant'anni. E' inevitabile poi parlare dell'imminente arrivo di Bergoglio. “Cosa chiediamo a Papa Francesco?”, chiede Leila. “La pace per il mondo. Perché se ci sarà pace qui allora tutta la Terra sarà in pace”.

La situazione delle case in città vecchia
Issa e Leila hanno 5 figlie e rappresentano una delle numerose famiglie che abitano nelle case della città vecchia di Gerusalemme, abitazioni di proprietà della Custodia di Terra Santa. Ad oggi se ne contano circa 480, molte già ristrutturate grazie al progetto Stones of Memoryuna delle numerose iniziative a supporto dei cristiani locali.

Tags:
papa paolo viterra santa
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Semplici scatti
Puoi chiamarle coincidenze ma sono carezze di...
Gelsomino Del Guercio
Etiopia, strage di cristiani nel Tigrai: dife...
SALVE REGINA
José Miguel Carrera
Un Salve Regina come non lo avete mai visto
Silvia Lucchetti
Silvia e Andrea: il nostro matrimonio stava c...
Alessandro Gisotti
Papa: prima di giudicare, guardiamoci allo sp...
FRA BENIGNO ESORCISTA
Chiara Ippolito
Il più commovente caso di liberazione: quando...
COVID
Gelsomino Del Guercio
Il prete: benedivo senza olio i malati gravi,...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni