Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
lunedì 27 Settembre |
San Vincenzo de Paoli
home iconNews
line break icon

Papa in Israele, chi vuol rovinare il pellegrinaggio?

AFP/Thomas Coex

La nuova Bussola quotidiana - pubblicato il 21/05/14

Sarà un viaggio religioso e alcune minoranze religiose oltranziste non vogliono che vada tutto liscio

di Andrea Avveduto

“Morte a tutti gli arabi cristiani e ai nemici di Israele”.Con il nome vendicativo di “price-tag” (letteralmente: prezzo da pagare) un gruppo di estremisti ebrei ultraortodossi ha fatto molto parlare di sé in questi mesi in Israele. Dopo gli atti vandalici al Cenacolo e al monastero trappista di Latrun, qualche giorno fa è comparsa questa scritta sui muri del Notre Dame Center, l’istituto per l’accoglienza di pellegrini gestito dai Legionari di Cristo e proprietà del Vaticano. E nella lettera minatoria inviata al Vicario patriarcale per la Galilea, mons. Marcuzzo, firmata da un certo «Messia, Figlio di Davide», i cristiani, considerati «idolatri» e seguaci di «culti pagani», venivano minacciati di essere uccisi se non avessero lasciato la Terra Santa a breve. Il tutto a pochi giorni dalla visita di Papa Francesco.

Se da una parte il Pontefice gode di una popolarità indiscussa tra chi abita nella terra di Dio, rimangono alcuni piccoli gruppi determinati a mettere – per quanto possibile – i bastoni tra le ruote a questo breve ma intenso viaggio papale. Il primo a fugare le preoccupazioni per questi gesti di pochi estremisti è il Custode di Terra Santa padre Pierbattista Pizzaballa, che non intende certo “creare allarmismi per un piccolo gruppo di idioti”. Quello che è successo «provoca certamente fastidio, ma deve essere ricondotto a un piccolissima parte della società ebraica e non alla maggioranza, che riconosce in questo Papa un grande amico e privilegiato interlocutore». E tuttavia alle parole del frate francescano fanno eco dei fatti che gettano alcune ombre sul “pellegrinaggio di pace” di Francesco.

Alla Knesset non sembrano determinati a risolvere in breve la vicenda. Il Ministro della Giustizia, Tzipi Livni, è al momento l’unica che ha risposto e ha denunciato i crimini che  ha descritto come «terrorismo», aggiungendo sul suo profilo Facebook: «Chi ha fatto ciò non può appartenere al mio popolo». La latitanza della polizia nell’individuare – e fermare – i colpevoli è però ormai sotto gli occhi di tutti. A Gerusalemme, alla porta di Jaffa dove sorge il Christian Information Center, è stata posta un’enorme gigantografia che recita: “Benvenuto papa Francesco”. Nei giorni scorsi è stata proprio la polizia a chiedere ai francescani che gestiscono il centro di togliere il poster con la foto del pontefice. Qualcosa insomma – nel generale clima di cordialità – non torna. E il Ministro israeliano per la Sicurezza interna, Yitzhak Aharonovitch ha indicato che il suo governo aveva «l’intenzione di ricorrere alla detenzione amministrativa» contro gli artefici di questo tipo di attacchi. Un tipo di detenzione fino a ora utilizzata solo contro i palestinesi, che prevede di imprigionare i sospettati più rapidamente, senza processo e su ordine di un tribunale militare, per un  periodo di sei mesi rinnovabili. Ma il Ministro, in questa situazione di tensione e dopo un’inerzia di diversi mesi, ha invitato anche tutta la classe politica a rispondere a queste domande. Perché la maggior parte di questi crimini sono impuniti? La polizia dovrebbe considerare di rivedere i suoi mezzi per impedire tali atti criminali? Dovremmo sviluppare nuove tecnologie per filtrare i social network e per fermare questi estremisti prima che passino all’azione?

Domande ancora rimaste senza risposte, a causa di una classe politica israeliana per lo più sorda a questi attacchi contro i cristiani. Difficile pensare che il paese più “sicuro” del mondo abbia difficoltà a rintracciare questi criminali. E se questo Papa si è sempre dimostrato amico degli ebrei (e co-autore di un libro con un rabbino di Buenos Aires), è anche vero che non è mai apparso conciliante con il governo di Netanyahu. E viceversa. La fredda cordialità tra i due si declina anche su certi versanti pratici. A smentire – per esempio – le voci che davano per sicura la cessione del cenacolo al Vaticano (questione che va avanti da anni) è stato il ministro degli esteri Avigdor Lieberman e l’ambasciatore israeliano presso la Santa Sede, Zion Evrony, secondo cui “Israele non ha alcuna intenzione di passare il controllo della stanza luogo dell’ultima cena di Gesù”. Ma non solo. Il fatto che da Amman Francesco abbia scelto di atterrare – il giorno dopo – direttamente a Betlemme, snobbando Tel Aviv, sta a significare quanto sia poco interessato agli intricati equilibri politici di questo Paese (che prevedono infatti per ogni viaggio ufficiale l’atterraggio sul suolo ebraico prima di arrivare ai territori occupati). Tanti incontri con le persone e pochi i politici, in un paese dove conta tanto la politica e poco le persone, avverte tutti su che tipo di viaggio sta per intraprendere Sua Santità. Per inciso, quell’enorme poster a Jaffa Gate è rimasto ancora lì. Perché le pietre vive, i cristiani di Terra Santa lo aspettano, eccome.

Qui l’originale

Tags:
papa francescoterra santa
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
SHEPHERDS
José Miguel Carrera
Il dolore dei genitori per i figli che non vogliono più sapere ni...
2
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
3
POPE AUDIENCE
Gelsomino Del Guercio
Il Papa contro la Chiesa “parallela” in cui si bestemmia l’azione...
4
SLEEPING
Cecilia Pigg
7 modi in cui i santi possono aiutarvi a dormire meglio di notte
5
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
6
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
7
Couple, Sleep, Snoring, Night
Cecilia Pigg
Trucchetti dei santi per dormire bene
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni