Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
lunedì 08 Marzo |
Sante Perpetua e Felicita
home iconChiesa
line break icon

Papa Francesco: “Senza la preghiera assidua, il pastore è esposto al pericolo di vergognarsi del Vangelo”

© ANDREAS SOLARO / AFP

Vatican City : Pope Francis speaks during the General Assembly of the Italian Episcopal Conference on May 19, 2014 at the Vatican. AFP PHOTO / ANDREAS SOLARO

Aleteia - pubblicato il 19/05/14

CEI: per il Pontefice la Chiesa non deve mostrarsi, né essere divisa.

«Un giornale ha scritto dei membri della presidenza Cei: questo è del Papa, quello no. Ma all’interno della presidenza sono tutti uomini del Papa. La stampa delle volte inventa tante cose». Papa Francesco ha aperto con questa considerazione la sua prolusione alla 66eiesima Assemblea dei vescovi italiani, riunita per l’occasione in Vaticano (Corriere della Sera, 19 maggio).

Il Papa tornerà durante il suo discorso sulle questioni propriamente legate alla CEI sottolineando la necessità di «partecipazione e collegialità», di «dialogo, nella ricerca e nella fatica del pensare insieme». E applica anche alla vita della Conferenza episcopale italiana le espressioni usate da Paolo VI – presto beato – per definire il Concilio, sottolineando quale «nota dominante», la «libera e ampia possibilità d’indagine, di discussione e di espressione. Questo è importante in un’assemblea: ognuno dica quello che sente, questo aiuta…». Il Papa sprona la Cei a «essere spazio vitale di comunione a servizio dell’unità, nella valorizzazione delle diocesi, anche delle più piccole. A partire dalle conferenze regionali» (Vatican Insider, 19 maggio).

«Ho vissuto quest’anno cercando di pormi con il passo di ciascuno di voi: ho ascoltato e condiviso il percorso di speranze e preoccupazioni pastorali: ci siamo rinfrancati ritrovando nel pane spezzato il profumo di un incontro» (Avvenire, 19 maggio).

«La mancanza, lo scandalo della divisione deturpa il volto della Chiesa», ha denunciato Francesco nel suo intervento. Il Pontefice si è riferito al dialogo tra San Pietro e Gesù nel Vangelo di Giovanni. «Mi ha sempre colpito – ha spiegato – come finisce questo dialogo: “seguimi”. Pietro era passato in tanti stati d’animo, la paura, poi l’imbarazzo perché aveva rinnegato, poi la pace. Infine la tentazione della curiosità: “dimmi Signore cosa succederà?”. Ma la risposta di Gesù è chiara: “Tu seguimi”, è questo il fatto più importante» (Corriere della Sera).

Ai vescovi riuniti ha tratteggiato una immagine del buon pastore spronando i presuli “Non stancatevi di valorizzare le diocesi, anche le più piccole”, ha spiegato Papa Francesco. "Non stancatevi di intessere tra voi rapporti all’insegna della stima reciproca. Le reti e il confronto abbattono le distanze. Quanto ai parroci, spesso sfiduciati dall’esiguità del "raccolto" rispetto all’impegno riversato, occorre assicurare loro vicinanza e comprensione, in modo che si possano sentire sempre a casa nel vostro cuore. "Non è tempo di fare il bilancio di entrate e uscite, ma di esercitare la pazienza, che è il volto maturo dell’amore" (Avvenire).

Francesco non esita a porre ai vescovi domande essenziali: «Chi è per me Gesù Cristo? Come ha segnato la verità della mia storia? Che dice di Lui la mia vita?». Egli ricorda incessantemente che «senza la preghiera assidua, il pastore è esposto al pericolo di vergognarsi del Vangelo, finendo per stemperare lo scandalo della croce nella sapienza mondana». Ed elenca una serie di «tentazioni» per la vita del vescovo: «vanno dalla tiepidezza, che scade nella mediocrità, alla ricerca di un quieto vivere, che schiva rinunce e sacrificio. È tentazione la fretta pastorale, al pari della sua sorellastra, quell’accidia che porta all’insofferenza, quasi tutto fosse soltanto un peso».

«Tentazione è – continua Francesco – la presunzione di chi si illude di poter far conto solamente sulle proprie forze, sull’abbondanza di risorse e di strutture, sulle strategie organizzative che sa mettere in campo». E il Papa ha ben presente di parlare a una delle conferenze episcopali più strutturate, che può contare su notevoli risorse economiche. «Tentazione è – aggiunge – accomodarsi nella tristezza, che mentre spegne ogni attesa e creatività, lascia insoddisfatti e quindi incapaci di entrare nel vissuto della nostra gente e di comprenderlo alla luce del mattino di Pasqua» (Vatican Insider).

Il Papa, primate della Chiesa italiana, mette dunque in guardia i vescovi dalle piaghe che caratterizzano la vita ecclesiale, prima di tutto la gelosia da cui scaturisce l’ambizione e il “correntismo”. E’ contro il settarismo che il Papa parla con forza e invita i “suoi” vescovi ad abbracci verso i propri sacerdoti, spesso sfiduciati dal “magro raccolto”, e li invita a parlare solo tramite i gesti di carità, con particolare riguardo ai migranti e ai poveri: “nessuno volga lo sguardo altrove”

Qui il testo integrale del messaggio del Papa alla CEI.

Tags:
conferenza episcopale italianapapa francesco
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
don Marcello Stanzione
L’ostia “vola” sospesa in aria: il miracolo eucaristi...
2
SANREMO, FIORELLO, AMADEUS
Annalisa Teggi
10 canzoni che hanno parlato di Dio dal palco di Sanremo
3
MAN, DARKNESS, FACE
Annalisa Teggi
Quando al diavolo scappò detto cosa può davvero fare la preghiera
4
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
5
FETUS 3 MONTH,
Padre Maurizio Patriciello
Puoi parlare di aborto perché tua madre non ti fece trascinare vi...
6
Gelsomino Del Guercio
Prete morto per Covid: lo aveva “profetizzato” in una...
7
Paola Belletti
Laura Magli, giornalista Mediaset: “Mi sento così amata dal...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni