Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
venerdì 05 Marzo |
San Giovanni Giuseppe della Croce
home iconChiesa
line break icon

Cresce la cultura “green” delle parrocchie

Public Domain

Chiara Santomiero - Aleteia - pubblicato il 19/05/14

Secondo uno studio condotto da Cesab nelle parrocchie si parla sempre più spesso di temi ecologici anche se rimane carente l'efficienza energetica

Dicono gli esperti che la pratica è ancora da affinare, ma la sensibilità al tema c’è: si parla di parrocchie dove cresce l’attenzione all’ambiente ma l’efficienza energetica è ancora scarsa. E’ questo il risultato dello Studio “Chiesaecologica” – il primo realizzato a livello internazionale in parrocchie e istituti religiosi su questi temi -condotto dal Centro di ricerche in scienze ambientali e biotecnologie (Cesab) in collaborazione con l’Ateneo Pontificio Regina Apostolorum , l’università Lumsa e il Vicariato di Roma, e presentato in occasione del convegno “Comunicazione sociale e mass media: il caso della comunicazione ambientale presso le parrocchie romane“.

Secondo la ricerca se da un lato il 45% degli intervistati dichiara di inserire nelle omelie “spesso” o addirittura “molto spesso” questioni legate all’ecologia, dall’altro lato “solo il 6% delle parrocchie prese in esame produce energia pulita”. Nelle attività pastorali, quindi, sottolinea il Cesab “il benessere del Pianeta ricopre un ruolo importante, soprattutto durante le omelie, la pastorale o la catechesi. Tuttavia gli approfondimenti sull’ecologia sono, ad oggi, ancora pochi. Il 39% del campione dichiara di non organizzarne mai, il 28% lo fa raramente, mentre circa un terzo delle parrocchie organizza di frequente momenti di educazione ambientale”. Tra i temi più discussi nelle parrocchie italiane ci sono: l’inquinamento globale, l’efficienza energetica e le responsabilità dell’uomo (green report.it 14 maggio).

Per quanto riguarda, invece, lo sviluppo di politiche ambientali, “il 76% del campione dichiara di usare lampade a risparmio energetico, il 6% si è impegnato nello sviluppo di sistemi di efficienza energetica, mentre il restante 18% ammette di non aver ancora avviato nessuna attività ecosostenibile, sia per mancanza di fondi sia perché ignaro dei benefici e delle reali opportunità offerte dalle nuove politiche energetiche” (AdnKronos 14 maggio).

Si tratta di dati incoraggianti per Ercole Amato, presidente del Cesab, proprio perché “l’interesse che abbiamo riscontrato da parte degli intervistati ci conduce a riflettere sull’esigenza di rafforzare la presenza delle istituzioni scientifiche al fianco degli operatori religiosi che nella società rappresentano la difesa dei valori cristiani. Si tratta di operatori che, svolgendo una funzione tutt’altro che tecnica, hanno bisogno di chi possa offrire loro, in modo affidabile e autorevole, tutta l’assistenza che meritano nello scegliere le migliori soluzioni nel campo ambientale” (green report.it 14 maggio).

Lo studio ha riguardato inizialmente un campione di almeno 80 fra parrocchie, comunità, istituti religiosi e scuole cattoliche della diocesi di Roma. Una maggiore presa di coscienza sulla salvaguardia degli edifici religiosi considerata dal punto di vista dell’efficienza energetica è destinata ad avere conseguenze rilevanti se si considera la vastità del patrimonio ecclesiastico.
Per questo motivo la ricerca si compone di due parti: la prima riguarda la comunicazione ambientale e si sofferma sull’approccio che parrocchie, comunità, istituti religiosi e scuole cattoliche hanno riguardo ad ecologia e ambiente attraverso la somministrazione di un questionario. Lo step successivo è lo studio energetico per incoraggiare gli enti in questione ad esaminare dettagliatamente la loro situazione ecologica ed ambientale, come stimolo per individuare punti deboli, inefficienze ed errori d’applicazione. Una volta individuati tali punti deboli, il progetto invita a cercare soluzioni per migliorare le condizioni degli ambienti (casaeclima.com 14 maggio).

Tags:
ambientechiesa cattolica
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
don Marcello Stanzione
L’ostia “vola” sospesa in aria: il miracolo eucaristi...
2
FUMETTI MATRIMONIO DIO
Catholic Link
5 immagini su cosa accade in un matrimonio che ha Dio al centro
3
Gelsomino Del Guercio
Prete morto per Covid: lo aveva “profetizzato” in una...
4
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
5
Lucandrea Massaro
Benedetto XVI conferma la fedeltà a Francesco «Non ci sono due Pa...
6
PUSTYNIA
Felipe Aquino
Attenzione alle penitenze assurde in Quaresima
7
POPE AUDIENCE
Gelsomino Del Guercio
Il Papa: il diluvio è il risultato dell’ira di Dio, può arrivarne...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni