Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
giovedì 23 Settembre |
San Pio da Pietrelcina
home iconChiesa
line break icon

Come si fa a non giudicare il nostro prossimo?

Chuck Coker / Flickr CC

padre Angelo Bellon, o.p. - Amici Domenicani - pubblicato il 19/05/14

Nessuno infatti deve giudicare di qualcuno ritenendolo un uomo cattivo: le cose dubbie devono essere interpretate sempre secondo la parte migliore

Quesito

Caro padre Angelo Bellon,
come si fa a non giudicare il nostro prossimo? A volte incontriamo delle persone che, per il loro modo di agire e di comportarsi, sono praticamente dei libri aperti, per cui, fin dai primi approcci – pur non essendo noi degli esperti psicologi – siamo portati ad ammettere in cuor nostro: "Questo è un furbetto"; oppure: "Questo è un ladro matricolato"; oppure: "Questo ha l’aria di un ipocrita o di un adulatore e si rivolge a noi per ottenere dei vantaggi"; oppure: "Quest’altro è un brav’uomo, schietto e senza secondi fini". Insomma, se il buon Dio ci ha dato la ragione per vagliare, ponderare, discernere, dedurre, com’è possibile "disattivarla" all’occorrenza, per non correre il rischio di giudicare il prossimo? In sostanza, ritengo che da certi giudizi sulle persone siamo quasi impossibilitati ad esimerci e che, a voler trovare a tutti i costi delle giustificazioni per disporci nella condizione di "pensar bene", noi stessi diventiamo degli ipocriti. La mia perplessità è che certi comandi e certi divieti evangelici siano stati interpretati dai teologi in modo troppo drastico e radicale. Forse Gesù, nelle sue parabole e nei suoi insegnamenti, si sarà soffermato a fornire dei dettagli e delle spiegazioni: particolari che, però, gli evangelisti (ad esempio, San Matteo) non ci hanno tramandato.
La ringrazio per l’eventuale risposta. La ricordo sempre nelle mie preghiere.
Enzo


Risposta del sacerdote

Caro Enzo,
1. è vero, il Signore ci ha dato la ragione e l’attività della nostra ragione si esprime soprattutto in giudizi. Fin dal mattino presto giudichiamo come è il tempo e decidiamo il da farsi. Pertanto il Signore non può aver chiesto di rinunciare all’attività della ragione soprattutto se si tiene presente che dotandoci di ragione ci ha creati ad immagine e somiglianza sua.

2. La Sacra Scrittura ricorda che gli Apostoli stessi hanno pronunciato giudizi. San Paolo giudica l’incestuoso di Corinto e lo mette fuori della comunità. San Pietro accusa Anania e Saffira di menzogna. Gesù stesso, accanto all’espressione: “Non giudicate per non essere giudicati” (Mt 7,1), dice: “Non giudicate secondo le apparenze; giudicate con giusto giudizio!” (Gv 7,24).

3. Ti presento allora un commento che ha una sua autorevolezza, quello di San Tommaso d’Aquino, il quale dà cinque significati a questo comando del Signore. Te lo traduco in italiano: “Innanzitutto Gesù ordina che il giudizio non sia temerario, e per questo dice “Non giudicate…”, e cioè con l’amarezza dell’odio: si legge in Amos 6,12: “voi cambiate il diritto in veleno e il frutto della giustizia in assenzio”.

4. Oppure il Signore dice “Non giudicate” in riferimento a cose che non sono affidate al nostro giudizio. Il giudizio è del Signore. A noi ha affidato il compito di giudicare delle cose esterne, mentre ha ritenuto per sé il giudizio sulle cose interne. Non giudicate dunque su di loro: “Non giudicate prima del tempo” (1 Cor 4,5); “Niente è più infido del cuore. Chi lo può conoscere? (Ger 17,9). Nessuno infatti deve giudicare di qualcuno ritenendolo un uomo cattivo: le cose dubbie devono infatti essere interpretate sempre secondo la parte migliore.

5. Ugualmente il giudizio deve essere congruo in riferimento alla persona che giudica. Perciò se sei nel medesimo peccato, o in uno maggiore, non devi giudicare; dice infatti San Paolo: “Perciò chiunque tu sia, o uomo che giudichi, non hai alcun motivo di scusa perché, mentre giudichi l’altro, condanni te stesso; tu che giudichi, infatti, fai le medesime cose” (Rom 2,1).

6. Ugualmente il giudizio non è proibito ai prelati, ma ai sudditi. Sicché essi non devono giudicare se non il suddito.

7. Invece San Giovanni Crisostomo intende il “non giudicate” come non giudicate da voi stessi facendo vendetta. Perciò se perdonate, non sarete giudicati; anzi in ragione della misericordia troverete misericordia” (SAN TOMMASO, Commento al Vangelo di Matteo, 7,1).

Ti saluto, ti ricordo al Signore e ti benedico.
Padre Angelo

qui l’articolo originale

Tags:
peccatoreligione
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
2
SINDONE 3D
Lucandrea Massaro
L’Uomo della Sindone ricostruito in 3D. I Vangeli raccontano la v...
3
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
4
Gelsomino Del Guercio
Il Papa: il gender è una “ideologia diabolica”. Serve pastorale c...
5
BABY
Mathilde De Robien
Nomi maschili che portano impresso il sigillo di Dio
6
MAN HOSPITALIZED,
Silvia Lucchetti
Colpito da ictus: la Madonna di Loreto mi ha salvato ed è venuta ...
7
FATIMA
Marta León
Entra nel Carmelo a 17 anni: “Mi getto tra le braccia di Dio”
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni