Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
lunedì 08 Marzo |
Sante Perpetua e Felicita
home iconChiesa
line break icon

La sbornia dei tre papi santi

© Public Domain

Vinonuovo.it - pubblicato il 16/05/14

L'annuncio della beatificazione di Paolo VI ci dice che l'euforia del «santo subito» non può essere l'unica acclamazione pro-canonizzazione

Non mi ha stupito l’invito rivolto da papa Francesco, alcuni giorni fa, ai membri degli Istituti secolari, nel suo stile diretto, a braccio. Durante l’udienza, qualcuno ha chiesto quando procederanno le cause canoniche per Giorgio La Pira e Armida Barelli e il papa ha replicato, alludendo a Karol Wojtyla: «Andate avanti, eh, il popolo qui, nel 2005 ha gridato "santo subito" e poco dopo è stato fatto santo, gridate voi per questi due, grazie, è un piacere».

Da tempo, infatti, scrivo che l’abbinamento Roncalli-Woytjla sugli altari, è stato un passo "voluto" e "dovuto" da papa Francesco. Nessuno mette in dubbio i tanti miracoli fatti da Giovanni Paolo II: le conversioni pastorali, i cammini di fede, e anche le guarigioni corporali. Solo che Bergoglio ha voluto far festa anche con quella Chiesa che, negli ultimi trenta anni, è stata messa ai margini avendo pensato al Concilio Vaticano II come una grande casa dove costruire percorsi per una Chiesa libera, audace, coraggiosa, in dialogo con il mondo, accanto ai poveri, e povera nei suoi templi e nei suoi agi dorati conquistati in anni di ammiccamenti con il potere. Quella Chiesa della profezia e della speranza che aveva scelto il Concilio Vaticano II come stella polare del proprio cammino, e aveva avuto in don Tonino Bello, David Maria Turoldo, Carlo Carretto, Carlo Maria Martini, Vittorio Bachelet, Benedetto Calati, Ernesto Balducci, don Luigi Di Liegro, tanto per citarne qualcuno, l’esempio migliore per un vangelo della prossimità e dell’alterità.

La notizia della prossima beatificazione di Paolo VI, il papa "intellettuale", non fa altro che rimescolare le carte: non c’è solo Woytjla, come forse qualche principe della Chiesa voleva credere. Personalmente non mi piace questa sbornia dei tre papi santi. Non credo che il mondo, e la Chiesa, abbiano bisogno oggi di una papolatria indotta. Ma mi rendo conto che papa Francesco ha scelto di essere davvero il papa, il padre di tutti, indicando un cammino di santità che attraversa storie di vita diverse e, qualche volta, contrastanti.

"Santo subito" non può essere l’unica acclamazione pro-canonizzazione, l’unica voce di popolo intonata al canto dei regnanti di turno e alle mediazioni ecclesiali. Perché invece, spesso, quasi sempre, quel "santo subito" è il grido sommerso e nascosto di una fede che sa riconoscere i suoi santi in ogni angolo di terra e paradiso. Santi spesso umili, poveri, uomini e donne laici, religiosi, vescovi di piccole città, martiri della fede sparsi in ogni angolo di mondo, santi del popolo di Dio che con la loro vita ci fanno capire quanto il vangelo sia più vicino all’uomo di quello che crediamo. Santi che già compiono miracoli, senza aver avuto ancora nessuno avvallo pontificio, e che continueranno a farli, alla faccia delle commissioni e dei tribunali diocesani. Santi che sono, già oggi, i nostri angeli protettori. Le nostre ali di riserva di un vangelo della gioia e della speranza.

Se penso alle conversioni che i libri di Carlo Carretto ancora attuano nel cuore delle persone, se guardo all’albero nel cimitero di Alessano dove sono appesi migliaia di bigliettini con suppliche, richieste di auto, intercessioni a don Tonino Bello, se considero il martirio di mons. Arnulfo Romero mentre dona se stesso nell’ultima messa, allora ogni "santo subito" impallidisce di fronte alla beatitudine di un popolo di Dio che sa riconoscere chi si incammina "in perfetta letizia" sui sentieri del vangelo.

Sì, abbiamo bisogno di santi, angeli protettori. Non c’è bisogno di gridarlo, essi sono già lì che ci guardano e ci portano per mano.

Qui l’originale

Tags:
papi
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
don Marcello Stanzione
L’ostia “vola” sospesa in aria: il miracolo eucaristi...
2
SANREMO, FIORELLO, AMADEUS
Annalisa Teggi
10 canzoni che hanno parlato di Dio dal palco di Sanremo
3
MAN, DARKNESS, FACE
Annalisa Teggi
Quando al diavolo scappò detto cosa può davvero fare la preghiera
4
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
5
FETUS 3 MONTH,
Padre Maurizio Patriciello
Puoi parlare di aborto perché tua madre non ti fece trascinare vi...
6
Gelsomino Del Guercio
Prete morto per Covid: lo aveva “profetizzato” in una...
7
Paola Belletti
Laura Magli, giornalista Mediaset: “Mi sento così amata dal...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni