Ricevi Aleteia tutti i giorni

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Transgender a 9 anni: il triste futuro di un bambino americano

© Aaron Josefczyk/Barcroft Media
Condividi

Aveva detto ai genitori e agli insegnanti che si sentiva una bambina...

“Un futuro certo di problemi e infelicità”. Questo attende Keat Rhodes, un bambino statunitense di 9 anni “transgender”.

Il piccolo, il cui vero nome è Keaton, aveva solo sette anni quando gli è stato diagnosticato un disturbo di identità di genere. Da allora, “con lo sconsiderato sostegno dei suoi genitori adottivi Emily e Clint Levan, ha iniziato la sua transizione dal sesso maschile al sesso femminile” (Corrispondenza romana, 15 maggio).

La madre ha raccontato così la sua storia: “Quando Keat entrato nelle nostre vite, era un bambino di quattro anni di nome Keaton. Tuttavia, ben presto abbiamo notato che lui era diverso da suo fratello. Mentre Blaine preferiva giocare con i camion e le macchinine, Keat preferiva giocare con le bambole e vestire con gli abiti da principessa”.

Keaton ha iniziato a disegnare se stesso come una femmina e a confidare ai suoi genitori e agli insegnanti di essere una bambina. A quel punto i genitori si sono rivolti al loro medico di famiglia, che li ha indirizzati da uno psichiatra, il quale ha diagnosticato al bambino un disturbo d’identità di genere.

Dopo questa diagnosi, i Levan hanno deciso di lasciarlo vivere socialmente come una bambina, dando vita alla sua transizione da maschio a femmina. Keaton è così diventato Keat e ha iniziato a indossare abiti femminili e a farsi crescere lunghi capelli biondi.

Il bambino subirà ora un trattamento ormonale per completare la sua trasformazione da maschio a femmina.

A novembre, con l’inizio dell’età puberale, avrà il suo primo appuntamento con un endocrinologo per discutere la somministrazione di ormoni per bloccare il testosterone. A 15 anni è prevista una consulenza per stabilire l’inizio della terapia ormonale, che gli permetterà di sviluppare il tessuto del seno, con la controindicazione di renderlo infertile. Dai 18 anni, Keaton sarà infine pronto per l’intervento chirurgico di cambiamento di sesso.

La situazione è drammatica. Vista la sua giovanissima età, Keaton “non è in grado di comprendere e misurare i danni e i traumi che tali scellerate scelte comporteranno sulla sua vita personale. I suoi genitori, che giustificano le loro decisioni come atti d’amore verso il loro figlio, ne violano, irrimediabilmente, la natura”.

 

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni