Ricevi Aleteia tutti i giorni

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Quando l’amore vince la morte

© Stephen's story
Stephen's story
Condividi

La storia del 19enne malato di cancro che ha raccolto milioni di sterline per salvare altri malati

L’amore all’umano ha vinto contro la morte. Sì, perché Stephen Sutton era cosciente che avrebbe perso la sua battaglia contro il cancro all’intestino, che dall’età di 15 anni lo consumava giorno dopo giorno. Ma non si è mai arreso. Dopo aver commosso il mondo e aver raccolto milioni di sterline per aiutare malati adolescenti come lui, il giovane ha lasciato questo mondo.

Una vita dedicata al prossimo
Nella sua lista dei desideri, come riporta Huffington Post il 14 maggio, si era prefissato di raccogliere 10,000 sterline per finanziarel’organizzazione da lui creata, la Teenage Cancer Trust, che si occupa di adolescenti colpiti dal cancro. Grazie al suo impegno, soprattutto sui socialnetwork, e all’aiuto di alcune celebrità commosse dalla sua causa, il suo obiettivo è stato largamente superato, arrivando addirittura a superare i 3 milioni.

"Utilizzerò il tempo che mi rimane come un’opportunità per arricchire la mia vita e, cosa più importante, per provare a migliorare quella altrui grazie alla raccolta fondi e alla prevenzione del cancro negli adolescenti". Aveva dichiarato il giovane pochi mesi prima della sua scomparsa.

A dare la notizia è stata la mamma con un post sulla pagina Facebook che Stephen usava per aggiornare i suoi fans sull’andamento della raccolta fondi e della sua malattia. "Sappiamo tutti che non potrà mai essere mai dimenticato, il suo spirito continuerà a vivere in tutti quelli che l’hanno conosciuto", ha scritto la mamma.

 

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni