Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
martedì 15 Giugno |
Beato Clemente Vismara
home iconNews
line break icon

Cuba: la famiglia Paya ricevuta dal Papa

© Rosa María Payá

Rossoporpora - pubblicato il 15/05/14

Rosa Maria, figlia del defunto fondatore del Movimiento Cristiano Liberacion "a Cuba non sono stati fatti passi avanti in materia di libertà"

Lo scorso mercoledì 14 giugno, dalle 9.22 alle 9.45, papa Francesco ha ricevuto in udienza a Santa Marta la famiglia di Oswaldo Payà, il leader dell’opposizione democratica cubana morto in un incidente d’auto molto sospetto il 22 luglio del 2012 a Bayamo, a circa 700 chilometri a nord dell’Avana. Con lui era deceduto anche un altro dissidente, Harold Cepero, una speranza per il futuro del Movimiento Cristiano Liberacion. In macchina c’erano anche Angel Carromero, giovane popolare spagnolo, poi condannato per omicidio colposo (secondo l’accusa andava troppo forte in un tratto sconnesso) e il giovane popolare svedese Jeans Aron Modig (leggermente ferito e rientrato quasi subito in patria). Dello stranissimo incidente abbiamo parlato in un’ampia intervista con Carlos Payà (fratello del leader deceduto) e Regis Iglesias (altro noto dissidente ora in Spagna), apparsa in questo stesso sito nella rubrica “Interviste a personalità” sotto il titolo: Cuba: parlano i dissidenti.
Dopo l’udienza papale, abbiamo sentito telefonicamente Rosa Maria Payà, figlia di Oswaldo, ricevuta a Santa Marta con la madre Ofelia e i fratelli Oswaldo e Reinaldo. Felicissima dell’incontro, ha subito evidenziato che in questa occasione la famiglia Payà aveva la responsabilità e il grande onore di rappresentare la Cuba che lotta per la libertà. “Mio padre è stato assassinato, è un martire della libertà e della Chiesa cubana”. Con il Santo Padre abbiamo parlato – ha proseguito Rosa Maria – della triste realtà quotidiana nell’isola. E abbiamo segnalato le proposte del Movimiento per l’indizione di un plebiscito così da permettere ai cubani di partecipare a elezioni libere e democratiche. La famiglia Payà ha anche ringraziato papa Francesco (“molto attento e amichevole”) per l’impegno e il sacrificio di tutti i sacerdoti e i laici che hanno accompagnato e stanno accompagnando il popolo cubano in questa dura fase di transizione verso un futuro auspicabilmente migliore. Ancora: nel colloquio la famiglia Payà ha evidenziato come il Governo cubano dia a intendere internazionalmente che si sono già fatti passi avanti sostanziali nell’ambito della concessione dei diritti civili: “Non è vero , ha ribadito Rosa Maria, di veri passi avanti non ce ne sono e la repressione verso l’opposizione – in cui ci sono tanti cattolici – continua”.
Un’udienza sperata, un’udienza voluta, un’udienza che ha permesso di certo a papa Francesco di ascoltare anche la voce di quei cattolici militanti di base che a Cuba continuano a battersi coraggiosamente per una libertà che ancora oggettivamente non c’è. Una voce portata dalla famiglia Payà, costretta qualche mese fa a lasciare l’isola a causa delle continue minacce ricevute, continuate, anzi accresciutesi anche dopo lo stranissimo incidente in cui era perito il padre Oswaldo. E su cui nessuno ha voluto aprire quella che sarebbe apparsa come una adeguata indagine internazionale. 

Qui l’originale

Tags:
cubapersecuzione cristiani
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
Landen Hoffman
Sarah Robsdotter
“Gli angeli mi hanno preso e Gesù mi vuole bene”: un bimbo di 5 a...
2
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
3
nun
Larry Peterson
Gesù ha donato a questa suora una preghiera di 8 parole per esser...
4
Lucía Chamat
La curiosa fotografia di “Gesù” che sta commuovendo la Colombia
5
MOTHER AND LITTLE DAUGHTER,
Silvia Lucchetti
Lui si suicida dopo aver ucciso le figlie: Giulia torna a vivere ...
6
Silvia Lucchetti
Matteo si è ucciso “in diretta” su un forum online. E...
7
Catholic Link
Non mi piaceva Santa Teresa di Lisieux finché non ho imparato que...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni