Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
venerdì 25 Giugno |
home iconNews
line break icon

Prove di pace in Sud Sudan

AP/archivo

Vita.it - pubblicato il 13/05/14

Il martoriato paese africano può forse sperare in una soluzione non violenta della sua lunga crisi

Finalmente un segnale positivo per il Sud Sudan. Infatti, venerdì sera, è avvenuta la tanto attesa stretta di mano tra i due acerrimi nemici: il presidente Salva Kiir e il leader ribelle Riek Machar. Hanno sottoscritto un impegno formale per la cessazione delle ostilità. Un gesto simbolico, ad Addis Abeba, dopo una giornata di intenso negoziato. L’intesa, parte dall’assunto che “un governo di transizione offre le migliori possibilità per il popolo del Sud Sudan” in vista di prossime elezioni. Gli osservatori esprimono un cauto ottimismo, non foss’altro perché vi sono ancora alcuni punti da chiarire. Ad esempio, a chi spetterà formare il governo di transizione e indire le elezioni generali? Le due parti si sono comunque impegnate a trovare a breve una soluzione definitiva alla crisi che, in pochi mesi, ha già fatto migliaia di morti, tarpando le ali alla più giovane nazione africana che ha ottenuto l’indipendenza nel 2011. In effetti, tutti sapevano che questa guerra non avrebbe avuto vincitori e che, soprattutto, avrebbe penalizzato solo e unicamente la povera gente.

A questo proposito nei giorni scorsi le Nazioni Unite avevano accusato sia il governo di Juba sia i ribelli di avere commesso crimini contro l’umanità, incluse uccisioni e stupri di massa. Tutti fatti gravissimi, peraltro, ben documentati da fonti autorevoli della società civile sud sudanese, quella variegata realtà interetnica composta da gruppi, associazioni e chiese cristiane che hanno fatto di tutto perché i due contendenti accettassero la via del dialogo. La vera incognita è rappresentata dal fatto che l’arena politica sud sudanese è comunque espressione dell’etnicismo che ha insanguinato il Paese africano. Ecco perché sarebbe un grave errore, oggi, eludere nel Sud Sudan il problema dello “Stato-Nazione”, così come postulato dall’africanista Basil Davidson, vale a dire una forma istituzionale di imitazione occidentale che si traduce in un governo autocratico fondato sul nepotismo e la corruzione esercitati a favore di una o più componenti etniche della popolazione contro le altre. A questo punto, riflettendo sull’accordo di Addis Abeba, non resta che sperare.

Qui l’originale

Tags:
africapacesud sudan
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Top 10
1
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
2
saint paul
Giovanni Marcotullio
La Santa Sede contro il ddl Zan: è caso diplomatico
3
nun
Larry Peterson
Gesù ha donato a questa suora una preghiera di 8 parole per esser...
4
Giovanni Marcotullio
«I rapporti prematrimoniali?» «Un vero peccato!» «Ma “mortale”?» ...
5
COUPLE GETTING MARRIED
Gelsomino Del Guercio
Il matrimonio si celebra in casa. La svolta della diocesi di Livo...
6
Landen Hoffman
Sarah Robsdotter
“Gli angeli mi hanno preso e Gesù mi vuole bene”: un bimbo di 5 a...
7
Gelsomino Del Guercio
Roberto Mancini e la sua fede: “La Madonna è la mamma di tu...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni