Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
sabato 27 Febbraio |
San Gabriele dell'Addolorata
home iconNews
line break icon

John Harris, il bioeticista che gioca con la vita

© WARNER BROS

La nuova Bussola quotidiana - pubblicato il 12/05/14

La (eu)genetica come strumento di distruzione della famiglia

Il mese scorso l’associazione radicale Luca Coscioni ha organizzato a Roma il terzo Congresso internazionale per la libertà di ricerca dal titolo “Esiste una scienza della moralità?”. Tra i relatori è stato invitato il famigerato dott. John Harris direttore dell’Institute for Science, Ethics and Innovation dell’Università di Manchester e membro Commissione Governativa Human Genetic. Tanto per capire di che tipo si tratta, Harris è favorevole all’eutanasia infantile perché se è legittimo uccidere il nascituro con l’aborto – così argomenta il bioeticista inglese – non si capisce il motivo per cui non si possa uccidere il bambino appena nato.

Intervistato per Tutto Scienze e Tecnologia ha disegnato i confini di quella pseudoscienza del futuro che così tanto ama, la quale ha come unico limite l’impossibile. Per il resto semaforo verde. Innanzitutto per Harris la questione dell’aborto e della sperimentazione sugli embrioni è fatto ormai archiviato, roba vecchia: «La natura, infatti, è incredibilmente sprecona, visto il numero minimo di embrioni che diventano feti e bambini. Dio stesso butta via embrioni in proporzioni colossali!». Secondo la logica del docente inglese dunque se madre natura provoca dei terremoti che fanno crollare i palazzi allora anche noi possiamo farli crollare. Se Tizio muore per infarto dunque a me è permesso far crepare Caio provocandogli un infarto. Il concetto di “spontaneo-naturale” in Harris legittima il concetto di “volontario”.

Ma proseguiamo. Harris sostiene con orgoglio che nel suo Paese da un pezzo – forse da Enrico VIII? – la “scienza” si è smarcata dal potere della Chiesa. La soluzione per introdurre prassi come l’eutanasia e la ricerca sulle staminali embrionali passa da questa regola aurea: «non è consentito appellarsi a considerazioni di tipo settario. La conseguenza è che la Chiesa cattolica, a differenza di quanto accade in Italia, non ha titolo per dominare la discussione pubblica». Vien da chiedersi come mai se da noi la Chiesa domina la discussione pubblica abbiamo leggi come quelle sull’aborto, sul divorzio e sulla fecondazione artificiale.

Poi il bioeticista inglese, con la stessa soddisfazione del bimbo che gioca con il piccolo chimico e gli riesce un esperimento, annuncia nuove e prossime scoperte in campo genetico: «Pensiamo alla possibilità di riprogrammare le cellule della pelle in uova e spermatozoi: significa poter essere, allo stesso tempo, sia madre sia padre del proprio futuro figlio. È una prospettiva che fa paura, ma con applicazioni riproduttive davvero straordinarie». Per i non addetti alla fantascienza dell’orrore spieghiamo in sintesi cosa il dottore voglia dire. Harris sostiene che a breve riusciremo a convertire ad esempio cellule dell’epitelio in gameti maschili e femminili. In tal modo il sig. Rossi (o la sig.ra Rossi) potrà autofecondarsi e non avere più bisogno del gentil sesso. Dall’autoerotismo all’autoconcepimento.

Non è una boutade quella di Harris bensì il succo di un suo articolo scientifico scritto insieme a César González-Palacios e Giuseppe Testa e pubblicato sul numero di marzo del Journal of Medical Ethics con il titolo “Parentele multiple: gameti generati in vitro e le generazioni a venire”. In questo lavoro si spiega che la riprogrammazione cellulare permetterà ai single di essere contemporaneamente padri e madri del proprio figlio genetico, di far sì che due maschi omosessuali possano essere entrambi genitori biologici dello stesso bambino e di poter introdurre nel cromosoma del concepito materiale genetico proveniente da più persone realizzando così la multigenitorialità (e la multistupidità).

Tutto ciò permetterà secondo gli autori «la liberazione dei ruoli genitoriali dai vincoli della generazione biologica in vivo [leggi “rapporto sessuale”], consentendo a più persone di impegnarsi in una genitorialità genetica collettiva, annullando così la distinzione tra la generazioni biologica e quella sociale». La biotecnologia infatti potrà «essere usata per fini di sperimentazioni sociali».

È il vecchio disco rotto dell’eugenetica nei cui solchi sentiamo ancora la voce ora di Thomas Malthus, ora di Josef Mengele i quali consideravano l’uomo, così come madre natura lo aveva pensato, né più né meno di un prototipo un po’ difettoso e buono solo di essere migliorato a colpi di ingegneria sociale realizzata un tempo tramite l’induzione del calo demografico e le sperimentazioni sulle persone ed ora per mezzo di alterazioni genetiche. Il solito homunculus che gioca a fare Dio.

Qui l’originale

Tags:
bioeticafecondazione assistitaideologia gender
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
POPE EASTER
Gelsomino Del Guercio
Papa Francesco: “Non dovete mai convincere un non credente”
2
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
3
CATERINA SCORSONE
Cerith Gardiner
19 personaggi famosi orgogliosi dei propri figli con necessità sp...
4
Paola Belletti
Aiutiamo Debora Vezzani? Tutta la famiglia con il Covid, lei la p...
5
ARCHANGEL MICHAEL
Gelsomino Del Guercio
La preghiera di protezione contro gli spiriti maligni a San Miche...
6
CAIN AND WIFE
Francisco Vêneto
Con chi si è sposato Caino, se Adamo ed Eva avevano solo figli ma...
7
Gelsomino Del Guercio
Congo, Attanasio salvò dal Covid suor Annalisa. “Devo a lui la mi...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni