Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
sabato 25 Settembre |
San Cleopa
home iconApprofondimenti
line break icon

Debito di gratitudine verso gli armeni

Henry Morgenthau

Picture showing Armenians killed during the <a class="extiw" href="http://en.wikipedia.org/wiki/Armenian_Genocide" title="en:Armenian Genocide">Armenian Genocide</a>. Image taken from <i>Ambassador Morgenthau&#039;s Story</i>, written by <a class="extiw" href="http://en.wikipedia.org/wiki/Henry_Morgenthau,_Sr." title="en:Henry Morgenthau, Sr.">Henry Morgenthau, Sr.</a> and published in 1918.

Massimo Introvigne - La nuova Bussola quotidiana - pubblicato il 09/05/14

Il genocidio armeno è una vicenda drammatica del '900 al pari della Shoah, il Papa ne coglie il significato teologico

Il 24 aprile 2015 sarà commemorato in tutto il mondo il centesimo anniversario del massacro di almeno tre milioni di armeni in quello che era allora l’Impero Ottomano. La data del 24 aprile 1915, ricordata dalle comunità armene in tutto il mondo, commemora l’inizio della seconda fase dei massacri, che si protrassero per gran parte del 1916, mentre la prima fase risale agli anni 1894-1896.

L’intera vicenda è al centro di complesse contese sul piano politico e simbolico. L’Armenia chiede che sia usata l’espressione «genocidio», la Turchia la rifiuta, anche se all’interno del mondo turco ci sono posizioni diverse. Tra i sostenitori dell’attuale governo islamico coesistono chiusure rigide al riconoscimento del massacro e aperture – pur senza mai usare la parole «genocidio» – da parte di chi però tende ad attribuire il primo massacro del 1894-1896 soprattutto a milizie curde e il secondo a decisioni politiche del movimento laico e massonico dei Giovani Turchi, le cui posizioni ideologiche erano antitetiche rispetto a quelle dell’attuale governo della Turchia. È difficile però negare che un certo clima anticristiano diffuso nella popolazione islamica abbia contribuito alle spaventose dimensioni del massacro, le cui cifre finali sono a loro volta un contestato terreno di scontro politico.

L’8 maggio 2014 Papa Francesco ha ricevuto in Vaticano Sua Santità Karekin II, Catholicos di tutti gli Armeni. L’incontro fa seguito alla visita di san Giovanni Paolo II (1920-2005) in Armenia nel 2001 e all’incontro dello stesso Catholicos con Benedetto XVI nel 2008. Nel suo discorso, il Papa non ha usato la parola «genocidio» – che pure la Santa Sede aveva menzionato in un documento del 2000 – e si è tenuto lontano dalle controversie storiografiche e giuridiche, ricordando però con grande forza il «martirio» del popolo armeno che sarà commemorato nel 2015, mettendolo pure in relazione alla persecuzione dei cristiani che tuttora continua in molte parti del mondo.

«In verità, il numero dei discepoli che hanno sparso il loro sangue per Cristo nelle tragiche vicende del secolo scorso – ha ricordato il Papa rivolgendosi al Catholicos – è certamente superiore a quello dei martiri dei primi secoli, e in questo martirologio i figli della nazione armena hanno un posto d’onore. Il mistero della croce, Santità, così caro alla memoria del vostro popolo, rappresentato nelle splendide croci in pietra che adornano ogni angolo della vostra terra, è stato vissuto da innumerevoli vostri figli come diretta partecipazione al calice della Passione. La loro testimonianza, tragica e alta insieme, non deve essere dimenticata».

«Le sofferenze patite dai cristiani negli ultimi decenni – ha detto il Pontefice – hanno portato un contributo unico ed inestimabile anche alla causa dell’unità tra i discepoli di Cristo. Come nella Chiesa antica il sangue dei martiri divenne seme di nuovi cristiani, così ai nostri giorni il sangue di molti cristiani è diventato seme dell’unità». Ci sono certo molte forme di ecumenismo, ma ci si può chiedere – ha affermato Papa Francesco – se «l’ecumenismo della sofferenza, l’ecumenismo del martirio, l’ecumenismo del sangue»  non sia oggi il più persuasivo.

Il Pontefice ha voluto ricordare «il debito di gratitudine che abbiamo verso la sofferenza» e la testimonianza degli Armeni. E ha concluso citando una preghiera del mistico armeno san Gregorio di Narek (951-1003): «Accogli il canto di benedizione delle nostre labbra e degnati di concedere a questa Chiesa i doni e le grazie di Sion e di Betlemme, perché possiamo essere degni di partecipare alla salvezza».

Qui l’originale

Tags:
genocidio armenopapa francescoturchia
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
2
Gelsomino Del Guercio
Il Papa: il gender è una “ideologia diabolica”. Serve pastorale c...
3
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
4
FATIMA
Marta León
Entra nel Carmelo a 17 anni: “Mi getto tra le braccia di Dio”
5
Gelsomino Del Guercio
Scandalo droga e festini gay con il prete: mea culpa del vescovo ...
6
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
7
SHEPHERDS
José Miguel Carrera
Il dolore dei genitori per i figli che non vogliono più sapere ni...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni