Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
lunedì 27 Settembre |
San Vincenzo de Paoli
home iconApprofondimenti
line break icon

Insieme in Europa, patria comune

Gerry Balding / Flickr CC

Chiara Santomiero - pubblicato il 07/05/14

In vista delle elezioni europee del 25 maggio le organizzazioni cristiane scendono in campo per riaffermare il valore del progetto europeo

Preoccupa l’ondata di antieuropeismo che sta diffondendosi nel vecchio continente in prossimità delle elezioni del 25 maggio per il rinnovo del Parlamento europeo. La stretta della crisi economica ha fatto dimenticare, in un rigurgito di nazionalismo variamente diffuso nei 28 stati, il grande sogno di un’Europa unita contro il rischio di nuovi conflitti e anche la realtà dei nuovi diritti acquisiti in qualità di studenti, lavoratori, consumatori, viaggiatori e cittadini dell’Unione europea. A ricordare la storia comune e ad ammonire contro i pericoli di fratture e derive separatiste, scendono in campo anche le organizzazioni cristiane ed ecclesiali.

“Quello dell’Unione europea – afferma Franco Miano, docente di filosofia morale all’Università di Tor Vergata e presidente uscente dell’Azione cattolica italiana che sta preparando una riflessione per la scadenza elettorale europea da diffondere presso gli oltre 300 mila aderenti all’associazione – è un progetto unico al mondo che si basa su valori riscontrabili anche nella Dottrina sociale della Chiesa: pace, solidarietà, promozione dei diritti fondamentali, creazione di un benessere diffuso, valorizzazione delle specificità nazionali nel contesto del vecchio continente e, insieme, apertura al mondo”. Per tutti questi motivi l’Europa resta “un sogno per il quale continuare ad impegnarsi” recuperando la matrice di quel “progetto europeo” prefigurato da statisti come Alcide De Gasperi, Konrad Adenuaer, Robert Schuman, Jean Monnet proprio “per affrontare quei problemi – pensiamo solo all’occupazione, a un’economia sempre più interconnessa, alle migrazioni, all’ambiente, alla cooperazione internazionale – rispetto ai quali la politica nazionale non ha né mezzi né risposte all’altezza”.

Si intitola “L’Europa nostra patria: un rinnovato progetto di buona politica comune” il documento pubblicato in vista delle elezioni di maggio – “da prendere sul serio” perché “la posta in gioco è alta” – dalla rete C3Dem, composta da 23 associazioni di ispirazione cattolica.  I risultati elettorali sono ritenuti importanti per possibili sviluppi su tre fronti diversi: “superare l’austerità” anche mediante un rafforzamento della governance economica comune; “rilanciare il modello sociale europeo”; “affermare un nuovo protagonismo europeo nel mondo”. “L’Europa – afferma il documento – è irriducibilmente plurale e non può emergere unitariamente che come un progetto in cui le diversità si mettono assieme. Questo comporta anche sul piano religioso, che ci sta particolarmente a cuore, pensare l’Europa come frutto dell’eredità di grandi religioni, in primo luogo naturalmente il cristianesimo, ma anche come costruzione segnata intimamente dalla laicità” intesa “come metodo di convivenza alta e feconda, nella fraternità e nel dialogo, tra religioni, filosofie, convinzioni diverse” (L’ Osservatore romano 7 maggio).

Una riflessione analoga proviene dalla comunità luterana finlandese che ha diffuso anch’essa un un manifesto per le elezioni europee e organizzato un dibattito pubblico presso la cattedrale evangelica di Helsinki. “L’Unione europea è importante per le Chiese, così come le Chiese e le altre comunità religiose hanno un ruolo importante da svolgere oggi nelle società europee” si legge nel manifesto che afferma pure che i candidati sono chiamati a confrontarsi con alcune priorità per un’Europa di valori comuni. Bisogna, infatti, “rafforzare la dimensione dei valori in ogni ambito politico” e “la crescita economica e la concorrenza sono solo dei mezzi per promuovere il bene comune». Il manifesto sottolinea poi l’importanza di “politiche migratorie solidali e umane” e ricorda che “libertà di religione non è libertà dalla religione” (L’ Osservatore romano 7 maggio).

Tags:
dottrina sociale della chiesaelezioni europeeparlamento europeo
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
SHEPHERDS
José Miguel Carrera
Il dolore dei genitori per i figli che non vogliono più sapere ni...
2
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
3
POPE AUDIENCE
Gelsomino Del Guercio
Il Papa contro la Chiesa “parallela” in cui si bestemmia l’azione...
4
SLEEPING
Cecilia Pigg
7 modi in cui i santi possono aiutarvi a dormire meglio di notte
5
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
6
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
7
Couple, Sleep, Snoring, Night
Cecilia Pigg
Trucchetti dei santi per dormire bene
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni