Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
mercoledì 27 Ottobre |
Aleteia logo
home iconChiesa
line break icon

Perchè si parla di “riposo eterno”?

© Public Domain

Dimensione Speranza - pubblicato il 06/05/14

Come cristiani non attendiamo il riposo eterno, ma il compimento della promessa di vita

di Fausto Ferrari

Quando si partecipa ai riti di un funerale religioso, una espressione che viene spesso ripetuta (nei canti, nelle omelie e nei testi delle varie preghiere) è quella del riposo eterno.

È vero che la vita viene ancora oggi percepita come fatica, travaglio o – usando termini più moderni – è attraversata prevalentemente da problemi, crisi, paure, dolori, malattie. Le preghiere tradizionali fanno ancora riferimento alla valle di lacrime che si attraversa nell’attesa di giungere, appunto, al meritato riposo. Tuttavia, il riposo eterno si collega ad immagini che poco hanno di cristiano. L’uomo moderno, uomo faber per eccellenza, si esplica e si comprende a partire dall’azione, dall’attività e dalla produzione. Senza lo svolgimento in un fare non riesce più ad autocomprendersi o a comprendere esperienze sociali e culturali che non siano dominate dal produrre e dal consumare. Anche la fruizione del tempo libero si dispiega totalmente all’interno di questa prospettiva.

Il riposo eterno, allora, viene percepito come termine di questa continua attività. Può essere considerato meritato, ma relativo al produrre, come ineluttabile compimento o cesura di una vita attiva. Magari siamo anche portati a rispolverare l’immagine del riposodivino nel settimo giorno della creazione. Ma questo risulta essere un richiamo fuorviante, poiché nel racconto della Genesi si vuole fondare il riposo dell’uomo nella sua attività attuale. Il riposo sabbatico diventa un continuo richiamo per l’uomo a non porre l’azione come unico orizzonte della sua vita.

Ma il riposo eterno si collega anche ad una concezione pagana del dopo morte. Non siamo molto lontani dalle immagini della quiete, nell’indifferente vacuità del sonno perenne e dell’immobilità. Immagine che ci riporta ai Campi Elisi o alle dimore dell’Averno.

Come cristiani non attendiamo il riposo eterno, ma il compimento della promessa di vita.

qui l'articolo originale

Tags:
morte
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Top 10
1
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
2
VENERABLE SANDRA SABATTINI
Gelsomino Del Guercio
Sandra Sabattini beata il 24 ottobre. Lo ha deciso Papa Francesco...
3
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
4
medjugorje
Gelsomino Del Guercio
Cosa sono i “segreti” di Medjugorje? Che messaggi nascondono?
5
POPE JOHN PAUL II
Paola Belletti
Wojtyla affrontò il problema della frigidità sessuale femminile
6
BABY
Mathilde De Robien
Nomi maschili che portano impresso il sigillo di Dio
7
Gelsomino Del Guercio
Il Papa parla della fine del mondo e di San Michele: “Lui guiderà...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni