Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
giovedì 23 Settembre |
San Pio da Pietrelcina
home iconApprofondimenti
line break icon

La lettera rivelatrice di Tolkien contro il razzismo nazista

Scube

Alfa y Omega - pubblicato il 06/05/14

Lo scrittore provava un profondo disprezzo per il nazionalsocialismo e la sua ideologia razzista e antisemita

J.R.R. Tolkien provava un profondo disprezzo per l'ideologia nazista e il suo aspetto razzista e antisemita, e per aver manipolato lo spirito e la mitologia nordica al cui studio aveva dedicato gran parte della propria vita. È quanto emerge dalla lettera che volle inviare a una casa editrice tedesca quando, come condizione per pubblicare Lo Hobbit in tedesco, gli chiese se aveva ascendenza ariana.

Pur avendo contribuito come pochi autori del XX secolo alla divulgazione della cultura e della mitologia nordica, Tolkien non provava alcuna simpatia per l'ideologia nazista che cercò di costruirsi su questo patrimonio. Ne è prova la lettera inviata alla casa editrice tedesca, in cui, dopo che gli era stato chiesto se era di ascendenza ariana come condizione per la pubblicazione de Lo Hobbit, assicurò che se si fossero imposti quei criteri razzisti avrebbe smesso di sentirsi orgoglioso di avere un cognome tedesco.

Nel 1938 la casa editrice Rütten & Loening era arrivata a un accordo con Allen & Unwin per pubblicare una traduzione de Lo Hobbit in tedesco, ma prima della pubblicazione inviò una lettera a Tolkien chiedendogli se era di ascendenza ariana. Questa richiesta mandò su tutte le furie lo scrittore, che chiese all'amico ed editore Stanley Unwin, in una nota, se subiva “questa impertinenza per il fatto di avere un cognome tedesco, o se le sue leggi lunatiche richiedono un certificato d'origine ariana a tutte le persone di tutti i Paesi”.

“Personalmente, tenderei a negare di rilasciare qualsiasi dichiarazione e lasciare che una traduzione in tedesco aspetti”, aggiungeva. “In ogni caso, rifiuterei con forza che qualsiasi dichiarazione di questo tipo apparisse stampata. Ho molti amici ebrei, e sentirei di insinuare in qualche modo di aver sottoscritto quella dottrina razzista del tutto perniciosa e priva di base scientifica”. Visto che anche l'editore era una persona coinvolta, tuttavia, Tolkien aggiungeva due bozze, una che eludeva la questione e un'altra che la analizzava completamente, e che mostra il suo amore per la Germania e il disprezzo per i nazisti.

Ario? Né indiano né persiano né zingaro

Non si sa quale lettera abbiano ricevuto i tedeschi, ma il contenuto della seconda, che si è mantenuto fino ad oggi, è piuttosto significativo:

“ Temo di non aver capito chiaramente cosa intendete per arisch. Io non sono di origine ariana, cioè indo-iraniana; per quanto ne so, nessuno dei miei antenati parlava indostano, persiano, gitano o altri dialetti derivati. Ma se volevate scoprire se sono di origine ebrea, posso solo rispondere che purtroppo non sembra che tra i miei antenati ci siano membri di quel popolo così dotato”.

“Il mio bis-bis-nonno venne in Inghilterra dalla Germania nel diciottesimo secolo: la gran parte dei miei avi è quindi squisitamente inglese e io sono assolutamente inglese, il che dovrebbe bastare. Sono sempre stato solito, tuttavia, considerare il mio nome germanico con orgoglio e ho continuato a farlo anche durante il periodo dell'ultima, deplorevole guerra, durante la quale ho servito nell'esercito inglese”.

Perversione del “nobile spirito nordico”

“Non posso tuttavia, trattenermi dall'osservare che se indagini così impertinenti e irrilevanti dovessero diventare la regola nelle questioni della letteratura, allora manca poco al giorno in cui un nome germanico non sarà più motivo di orgoglio”.

Curiosamente, il disprezzo di Tolkien per il nazismo non aveva nulla a che vedere con l'opinione dei nazisti sull'autore inglese. Le sue ricerche sulle lingue e la mitologia nordica, che il nazionalsocialismo voleva utilizzare come parte della sua nuova società, fecero sì che fosse considerato in modo molto positivo. Da qui l'interesse per pubblicare così presto Lo Hobbit.

Questo faceva particolarmente male a Tolkien, che vedeva una delle questioni che lo avevano maggiormente interessato nella vita trasformata in uno strumento di propaganda. Tre anni dopo, in una lettera al figlio Michael scritta nel 1941, riconosceva apertamente il suo ardente risentimento per Hitler, perché stava “rovinando, pervertendo, distruggendo, e rendendo per sempre maledetto quel nobile spirito nordico, supremo contributo all’Europa, che io ho sempre amato, e cercato di presentare in una giusta luce”.

[Traduzione a cura di Roberta Sciamplicotti]

Tags:
antisemitismojohn ronald reuel tolkiennazismorazzismo
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
2
SINDONE 3D
Lucandrea Massaro
L’Uomo della Sindone ricostruito in 3D. I Vangeli raccontano la v...
3
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
4
Gelsomino Del Guercio
Il Papa: il gender è una “ideologia diabolica”. Serve pastorale c...
5
BABY
Mathilde De Robien
Nomi maschili che portano impresso il sigillo di Dio
6
MAN HOSPITALIZED,
Silvia Lucchetti
Colpito da ictus: la Madonna di Loreto mi ha salvato ed è venuta ...
7
FATIMA
Marta León
Entra nel Carmelo a 17 anni: “Mi getto tra le braccia di Dio”
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni