Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
venerdì 17 Settembre |
Roberto Bellarmino
home iconChiesa
line break icon

Il tatto

PHB.cz (Richard Semik)

Dimensione Speranza - pubblicato il 05/05/14

Per qualche voce del nostro tempo l’esortazione a darsi un saluto di pace rimane oggi solo un ritualismo che si ripete stancamente tra soggetti tra loro sostanzialmente estranei. A sostegno di questa convinzione si porta l’esempio di quelle persone che salutano il vicino senza guardarlo, o che stringono la mano dell’altro in modo rapido e con debole energia. In questo modo – si afferma – quale ‘messaggio’ si trasmette?

Per altri, il rito del saluto della pace è un qualcosa di valido solo se viene circoscritto a messe ove sono presenti poche persone, dove ci si conosce tutti, e dove da tempo c’è un impegno a camminare insieme. Altrimenti è meglio non farlo. Perché non significa nulla. È sterile.

Su questo punto il confronto talvolta è vivo, e allora può essere utile fornire qualche elemento di riflessione per ‘leggere’ il saluto della pace nel modo più evangelico possibile.

Se apriamo le pagine della sacra Scrittura ci accorgiamo subito che il saluto è, prima di tutto, un gesto di accoglienza, poi è segno di corresponsabilità, e infine è messaggio di sostegno.

2.1. Saluto come gesto di accoglienza

Salutare una persona che è appena arrivata serve a trasmettere rassicurazione, benevolenza, simpatia, attenzione e, soprattutto, rispetto. L’accoglienza, quindi, prima ancora di essere un modo concreto per ospitare qualcuno o per dissetarlo, sfamarlo, fornirgli viveri per il viaggio, ecc., è una forma di rispetto. C’è in pratica una sacralità dell’ospite che non è legata al ruolo sociale di quest’ultimo, ma che è vincolata a una visione religiosa dell’altro. Questi è figlio di Dio e come tale è portatore di benedizione.

2.2. Saluto come segno di corresponsabilità

Chi accoglie, solidarizza con l’altro. La solidarietà conduce alla comprensione dell’identità storica di chi è vicino. La comprensione si fa condivisione. La condivisione conduce alla trasmissione di vissuti, di scelte, di ideali. Dal ‘trasmettere’ in senso ‘vitale’ si arriva alla comunione. E questa ci accompagna alla corresponsabilità. In tale ambito il saluto è apparentemente un ‘segno’, ma può essere ‘un ponte’ per rompere egoismi, privatismi, neutralismi.

2.3. Saluto come messaggio di sostegno

Evidentemente questo saluto indica un’intesa, una rassicurazione, un’attenzione non fuggevole, una conferma, una promessa, un arrivederci a presto.

Non ci sono in pratica solo dei sostegni materiali (pur preziosi in alcuni momenti), ma esistono anche delle sintonie che si costruiscono con riferimento a una disabilità, o a un’età avanzata, o a una gravidanza in arrivo, o a dei bambini che girano guidati dalla loro curiosità, o a una solitudine, o a un lutto, ecc. Il sostegno è tatto di vicinanza, di fedeltà, di porta aperta sulla strada, di capacità a fermarsi anche quando la giornata è scandita da impegni già programmati.

Il sostegno è impregnato di fiat e di preghiera. Perché quando si accoglie qualcuno ogni fiat si fa storia. Si concretizza in un prendere posizione. In uno schierarsi a favore di una parte ben distinta. E ‘quel’ fiat può affrontare l’oggi di Dio solo se è sorretto dall’interno da una preghiera povera e immediata, continua e viva, semplice e senza confini.

Queste tre considerazioni possono aiutare in qualche modo a rivedere in modo nuovo il saluto della pace durante la celebrazione dell’eucaristia. Non importa se chi ho accanto è una persona non conosciuta. E non importa neanche come si comporta. Ciò che veramente serve è la mia consapevolezza riguardo a un dato essenziale: l’apertura all’altro è un dono gratuito che precede nella liturgia la triplice invocazione: Agnus Dei qui tollit peccata mundi… Non si può chiedere al Signore di aver compassione di noi, di donarci la sua pace, se prima non si accetta di muovere ‘quel primo passo’. Non per stabilire in qualche modo un minimo di cordialità. Ma per riconoscere senza esitazioni un’unica fraternità in Dio.

3. Traccia per l’approfondimento

– Potrebbe essere utile rintracciare nel vangelo i luoghi in cui ricorre il verbo ‘toccare’ sia nel senso attivo (Gesù che tocca) sia nel senso passivo (Gesù che viene toccato: cfr. DESTRO – PESCE, pp. 19-26 e più sopra p. 58).

– Riscoprire le modalità dello scambio di pace all’interno della liturgia eucaristica.

qui l’articolo originale

  • 1
  • 2
  • 3
Tags:
bibbiaconoscenzadesiderioestasi mistica

Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
2
GETAFE
Dolors Massot
Due sorelle giovanissime diventano suore contemporaneamente a Mad...
3
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
4
THERESA GIUNI
Unione Cristiani Cattolici Razionali
Giuni Russo è giunta fino a Cristo per mano d...
5
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
6
EUCHARIST
Philip Kosloski
Preghiere da recitare all’elevazione dell’Ostia a Messa
7
Gelsomino Del Guercio
La Madonna nera è troppo sfarzosa: il parroco la “spoglia”. Ed è ...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni