Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
giovedì 04 Marzo |
Santa Teresa Eustochio Verzeri
home iconChiesa
line break icon

La speranza e la sofferenza

© Adi Al Ghanem

Dimensione Speranza - pubblicato il 02/05/14

Attraverso il linguaggio e nel linguaggio, l'immaginario resta disperato. Ma proprio in questa disperazione, che impedisce all'immagine di chiudersi su se stessa in uno sdoppiamento vano e sterile abita la speranza umana...

di Denis Vasse *

«Attraverso il linguaggio e nel linguaggio, l’immaginario resta disperato. Ma proprio in questa disperazione, che impedisce all’immagine di chiudersi su se stessa in uno sdoppiamento vano e sterile abita la speranza umana. Perché parla, l’uomo non è identificabile in verità né con l’immagine di se stesso, né con il baratro di una realtà che non avrebbe nessun rapporto con lui. La parola testimonia che qualcosa in lui parla di un Altro; e che questo atto simbolico, questo incontro, gli dà un volto e un nome. In questo dono riconosciuto egli viene liberato dal mimetismo idolatrico, come pure dalla paura e dalla vertigine di fronte all’inimmaginabile. Dal silenzio da cui esce, la parola si annuncia in un sorriso, quello del volto di un bambino. E quando il volto si spegne, essa richiama ad altri i meandri di una storia, quella dell’uomo e degli uomini dove già parlava dell’Altro.

L’Altro, allora, non indica soltanto la situazione di una pura istanza logica che autorizzerebbe il vano funzionamento dell’essere umano per se stesso: ecco la speranza, di cui la sola operazione della struttura logica non rende ragione. La speranza è quindi uno degli effetti sinequa non della parola nel mondo. Senza di essa, la parola muore nel discorso. Gridare, parlare, testimonia la speranza che qualcuno mi può intendere lì dove ‘io’ veramente mi trovo, e non dove penso di essere.

Nell’atto del parlare, la dimensione dell’impossibile sostiene quella della speranza. L’impossibile reale pone un alt invalicabile all’immaginario e getta il fondamento di una speranza di incontro la cui iniziativa viene dall’Altro».

* Gesuita, è psicanalista e scrittore.

qui l’articolo originale

Tags:
disperazionelinguaggiosofferenzasperanza
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
don Marcello Stanzione
L’ostia “vola” sospesa in aria: il miracolo eucaristi...
2
FUMETTI MATRIMONIO DIO
Catholic Link
5 immagini su cosa accade in un matrimonio che ha Dio al centro
3
POPE AUDIENCE
Gelsomino Del Guercio
Il Papa: il diluvio è il risultato dell’ira di Dio, può arrivarne...
4
POPE FRANCIS AUDIENCE
Ary Waldir Ramos Díaz
Perché dobbiamo fare il segno della croce nei momenti di pericolo...
5
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
6
BLESSED CHILD
Philip Kosloski
Coprite i vostri figli con la protezione di Dio con questa preghi...
7
Lucandrea Massaro
Benedetto XVI conferma la fedeltà a Francesco «Non ci sono due Pa...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni