Ricevi Aleteia tutti i giorni
Iscriviti alla newsletter di Aleteia, il meglio dei nostri articoli gratis ogni giorno
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Due minuti e ritornerete come bambini

© BabiesMovie
Condividi

Un video ci fa viaggiare tra le prime scoperte dell’infanzia. Una bella immagine in vista della conclusione della Giornata Bambini Vittime della Violenza

Dal primo respiro al primo passo. In questo video vedrete tutta la semplicità e lo stupore dell’essere bambini.

"Farsi bambini" si legge in «È Gesù che passa» la raccolta di 18 omelie di Josemaría Escrivá de Balaguer, "significa rinunciare alla superbia, alla sufficienza, riconoscere che, per imparare a camminare e perseverare nel cammino, da soli non possiamo nulla, ma abbiamo bisogno della grazia, del potere di Dio nostro Padre. Essere piccoli significa abbandonarsi come sanno abbandonarsi i bambini, credere come credono i bambini, pregare come pregano i bambini.

Giornata Bambini Vittime della violenza
Il video ci introduce alla XVIII Giornata Bambini Vittime della violenza, dello sfruttamento, dell’indifferenza, contro la pedofilia con il tema ”Senza scarti. Incrollabile impegno”. La Giornata Bambini Vittime è iniziata con una serie di attività dal 25 aprile in Italia e all’estero e si concluderà proprio il 4 maggio con il Regina Coeli recitato insieme a Papa Francesco in Piazza San Pietro. 

Numerosi i messaggi e le adesioni dei vescovi italiani che hanno sollecitato e coinvolto le rispettive comunità, spiega Don Fortunato Di Noto, da sempre in prima linea contro la pedofilia con l’associazione Meter: ”Solo con l’impegno incrollabile possiamo costruire una società senza scarti. E’ innegabile l’infelice situazione dell’infanzia in Italia e nel mondo, spesso privata dell’essenziale per sopravvivere e dimenticata nelle periferie del mondo, anche tecnologiche. Tutti dobbiamo interrogarci e, senza farci prendere dalla sfiducia e dallo scoraggiamento, dobbiamo continuare a operare per il bene dei piccolie dei deboli."

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.