Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
mercoledì 04 Agosto |
San Giovanni-Maria Vianney
home iconNews
line break icon

P. Federico Lombardi: “Non abbiamo ancora visto tutto della comunicazione di Papa Francesco”

© Pontificia Università Santa Croce

Aleteia - pubblicato il 30/04/14

Si è svolto oggi un convegno sulla Comunicazione nella Chiesa presso la pontificia università Santa Croce

“Non abbiamo ancora visto tutto della comunicazione di Papa Francesco". Lo ha affermato questa mattina il Direttore della Sala Stampa della Santa Sede, P. Federico Lombardi, in un incontro con gli oltre 300 partecipanti alIX Seminario Professionale sugli Uffici di Comunicazione della Chiesa,promosso dalla Facoltà di Comunicazione Istituzionale della Pontificia Università della Santa Croce. Per usare uno slogan abusato, si può dire che il portavoce del Papa abbia voluto avvisarci che “il meglio deve ancora venire”. Padre Lombardi si riferisce in particolare alle prossime tappe dei viaggi all’estero di Papa Francesco: Terra Santa e Corea del Sud. Annunciando – di fatto – che ci saranno "tappe nuove nella comunicazione del messaggio del Santo Padre verso il mondo". Per cui, "ci sono ancora tante cose che dobbiamo – credo – imparare e vedere".

Il Direttore della Sala Stampa ha quindi riflettuto sulla spontanietà comunicativa di Francesco, quella spontaneità "che rompe le barriere" e che rappresenta "un aspetto molto caratteristico" del suo pontificato, insieme allo stile "semplice e concreto", fatto di parole "efficaci" ed "atteggiamenti e gesti molto espressivi".

La giornata ha visto moltissimi interventi, tra i quali, la relazione della prof.ssa Helen Alvaré, docente di Diritto alla George Mason University, che ha dibattuto su come "decodificare e ricontestualizzare i concetti sull’identità umana", ricorrendo ad un "linguaggio creativo".

Non vi è dubbio che "c’è stata una considerevole trasformazione nella comprensione che gli esseri umani hanno della loro identità, soprattutto nell’ambito delle scelte sessuali e della relazioni familiari", ha esordito la Alvaré. Si tratta "di un fenomeno diffuso e variabile", che bisogna affrontare "non in maniera trionfalistica o con rabbia", ma cercando di attingere tutto quanto può venirci dalla "fede, dalla carità, dalla ragione e dall’esperienza". Nel pomeriggio si è anche parlato di "emergenza educativa" e del ruolo della stampa "nel nuovo mondo digitale". Ne hanno discusso Matthew Bunson, dell’Our Sunday Visitor (USA) e Christoph Wimmer, comunicatore dell’Arcidiocesi di Monaco.

Tra le sfide che il giornalismo si trova oggi ad affrontare c’è quella della necessità di "trovare il giusto bilanciamento tra stampa e media digitali, tra tangibile e virtuale". Bisogna dunque "non aver paura di abbracciare le tendenze fluttuanti del digitale", per esempio nell’utilizzo di un determinato social media – che oggi va di moda e domani forse no -, senza però tralasciare "la giusta prudenza", ha commentato Wimmer.

La relazione conclusiva di questa IX edizione è toccata al prof. Joaquín Navarro-Valls, che per 22 anni ha accompagnato Giovanni Paolo II in veste di portavoce. Parlando su "santità e comunicazione", ha raccontato la sua esperienza professionale, umana e spirituale vissuta accanto al nuovo Santo, rivivendo anche alcuni dei momenti oggi passati alla storia.

La prossima edizione del Seminario Professionale si svolgerà nel 2016.

Tags:
comunicazionepapa francesco
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
MADELEINE PAULIAC
Sandra Ferrer
La dottoressa che aiutò a partorire delle suore violentate
2
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
3
NEWBORN, GIRL
Annalisa Teggi
Genova: neonata lasciata nella culla per la vita. Affidata, non a...
4
MAN, ALZEHIMER, WOMAN
ACI Digital
Cosa accade all’anima di una persona che ha l’Alzheim...
5
Gelsomino Del Guercio
Don Patriciello richiama Fedez che incita all’aborto: i pre...
6
JENNIFER CHRISTIE
Jeff Christie
Mia moglie è rimasta incinta del suo stupratore – e io ho accolto...
7
BISHOP BARRON
Francisco Vêneto
Il vescovo Barron mette in guardia sull’ideologia del testo...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni