Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Il maggior problema dell’uomo contemporaneo: la noia

© Robcartorres/SHUTTERSTOCK
Condividi

Voglio libertà per costruire me stesso, il mio svago, i miei gusti, niente impegni... e ora che faccio, e per cosa vivo?

Ci troviamo in un momento della storia in cui la politica ha finito per assumere come uno dei propri compiti fondamentali la gestione del desiderio o, che è lo stesso, del senso della vita. Se dovessimo spiegare quale sia la funzione più importante dello Stato contemporaneo, ci verrebbe forse in mente la sicurezza pubblica, o anche il bene comune, ma – siamo seri – ciò che vogliamo davvero è che i politici si preoccupino di assicurarci del tempo e, con esso, occupazioni interessanti a cui dedicarlo. La missione primordiale dello Stato è l’amministrazione del tempo: della vita, perché cos’è la vita se non il tempo e ciò che ne facciamo, o ciò che ci avviene all’interno di questo?

Per gli antichi la libertà consisteva nella partecipazione alle decisioni della città. L’uomo libero era quello che occupava il proprio posto nell’assemblea e discuteva delle cose comuni, contribuendo a determinarle con il proprio voto. Bisogna dire che a quei tempi remoti in cui si è costruita la democrazia ateniese, le cose comuni erano più o meno il tutto, visto che poco, o molto poco, restava fuori dal potere categorico del popolo sovrano. Le cose comuni, la comunità, non erano un ambito in cui entrasse troppa determinazione soggettiva. Piuttosto, erano quello che veniva dato, la struttura vitale organizzata in cui ciascuno era collocato in modo concreto, per quanto potesse pesargli. Così, solo per il fatto di essere nato in questa o in quella famiglia, in certe condizioni o in altre, veniva assegnato il destino che ciascuno doveva compiere, inesorabilmente, se riusciva ad essere all’altezza di ciò che gli veniva chiesto. Vivere consisteva nell’occupare il posto che spettava nella famiglia, visto che il soggetto era, innanzitutto e soprattutto, un nodo di relazioni comunitarie.

E tuttavia, come ha già segnalato Benjamin Constant nel suo famoso discorso “Discorso sulla libertà degli antichi paragonata a quella dei moderni”, noi che oggi calpestiamo la terra con le nostre scarpe di pelle sintetica optiamo con tutta chiarezza per assumere come vita libera solo quella sottomessa alle nostre preferenze soggettive. Vogliamo essere padroni della nostra vita configurandola a nostro capriccio, e non doverci far carico di un io del quale è stato deciso il percorso ancor prima di poterlo prendere in considerazione.

Ciò vuol dire in primo luogo che ciascuno vuole determinare il senso del proprio futuro, e ha bisogno di prendersi il tempo sufficiente per costruire questo io originale e autentico. Intendiamoci: quando il destino coincideva con l’origine (con la genealogia), l’uso del tempo segnava un sentiero unico e logoro. Quando la risposta al cosa fare non ha altra origine che la mia creatività storica e socialmente collocata, ci sono ostacoli, difficoltà, limitazioni, ma ciò che manca è una via.

Per questo motivo è stato necessario, per cominciare, ridurre drasticamente la giornata lavorativa, di modo che si potesse godere del resto della vita e farlo anche in determinate condizioni. Quest’ultimo aspetto ha presupposto che volessimo eliminare tutto ciò che significava un’“occupazione esterna ed eteronoma” del nostro tempo: così i figli, le cui necessità tendono a imporsi sui nostri desideri senza compassione né misura, e allo stesso modo la cura degli anziani e anche la vita di coppia, che ha potuto arrivare a rappresentare un serio ostacolo alla costruzione del mio io, perché occupa troppo tempo.

Da questa prospettiva, va detto che la rivoluzione industriale, quella tecnologica e anche quella tecnica applicata alla regolamentazione della sessualità non sono altro che conquiste di tempo, strategie trionfatrici per i nuovi esseri umani, accaparratrici di anni messi a loro disposizione. Tesorizziamo minuti come i ricchi avari tesorizzano montagne di denaro inerte, e come loro lottiamo per essere quelli che hanno più tempo di tutto il cimitero.

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.