Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
giovedì 29 Ottobre |
San Gaetano Errico
home iconStile di vita
line break icon

Un'ex guardia svizzera ricorda l'amore per l'umanità di Giovanni Paolo II

Jeffrey Bruno

Catholic News Agency - pubblicato il 29/04/14

Andreas Widmer riflette sulla gentilezza di papa Wojtyła

La vita di San Giovanni Paolo II è stata caratterizzata da un intenso amore sia per Dio che per la persona umana, ha affermato un’ex membro della Guardia Svizzera che ha aiutato a difendere il pontefice.

“È stato la persona più pienamente umana che abbia mai incontrato”, ha detto alla CNA Andreas Widmer, aggiungendo che pur essendo papa Giovanni Paolo II era “una persona normale”.

Questa normalità riflette l’enfasi del papa sul fatto che tutti sono chiamati alla santità. “Diceva sempre che tutti conosciamo dei santi”, ha commentato Widmer in un’intervista concessa il 16 aprile. “Dio ci ha creati per essere santi e vuole che siamo santi, per cui dovremmo davvero provarci”.

Per Widmer, la canonizzazione di papa Wojtyła “cementa e solidifica il suo ministero”.

San Giovanni Paolo II, papa dal 1978 alla morte nel 2005, è stato canonizzato insieme a papa Giovanni XXIII il 27 aprile 2014, festa della Divina Misericordia.

Widmer è stato membro della Guardia Svizzera Pontificia dal 1986 al 1988. Attualmente è direttore dei Programmi di Imprenditorialità presso la School of Business and Economics della Catholic University of America.

Widmer ha confessato che quando ha iniziato a servire nella Guardia Svizzera non aveva alcun interesse particolare per il suo “capo”, al di là del fatto che era “la persona che stavamo proteggendo”.

“Non avevo alcun timore reverenziale nei suoi confronti”, ha spiegato. “Mi approcciavo a lui come a chiunque altro. Non avevo alcun pregiudizio a suo favore o contro di lui”.

Nel corso del tempo, tuttavia, Widmer è cresciuto nella fede ed è arrivato a capire meglio il ministero del papa, constatando in prima persona il segno che Giovanni Paolo II stava lasciando nel mondo.

Pur non avendo mai viaggiato con il pontefice, Widmer ha visto l’effetto dei suoi viaggi in 129 Paesi nel corso del suo lungo pontificato – un tratto caratteristico del suo papato che ricordava i viaggi dei primi papi “nel mondo allora conosciuto”.

Quei viaggi sono stati un esempio di “evangelizzazione nel vero senso del termine: stiamo portando Cristo al mondo”, ha detto Widmer, suggerendo che “è più facile portarlo lì” che portare milioni di pellegrini in Vaticano.

Con i suoi viaggi, il papa “si è reso accessibile” e “ha ridefinito il pontificato” in termini di accessibilità, ha proseguito l’ex guardia svizzera. Un secolo fa, ha osservato, la maggior parte della gente in tutto il mondo non sarebbe stata capace di riconoscere il papa vedendone una fotografia. “Ora si può, e in piccola parte è dovuto ai suoi viaggi”.

Le visite di Giovanni Paolo II lo hanno anche aiutato a diffondere lezioni importanti, ha detto Widmer. “Sapeva come infondere potere morale ai suoi viaggi”.

“Spesso i Governi volevano usarlo come marchio di approvazione, ma si ritorceva contro di loro”. “Si assicurava di scegliere posti a cui voleva dare visibilità”, e ci teneva a “dire cose davvero forti”, facendo dichiarazioni morali basate sull’insegnamento della Chiesa piuttosto che cooperare con i desideri politici di un Paese.

Papa Giovanni Paolo II ha visitato numerosi Paesi di quello che era il Blocco sovietico, inclusa la Polonia natale. Nella scelta dei luoghi da visitare e interagendo con i leader sovietici, il papa “era scaltro”, ma anche “sinceramente affabile”.

È “molto difficile” combattere qualcuno che è veramente gentile, ha indicato, affermando che l’amore e il sostegno del papa “per la persona umana” – compresi gli stessi leader comunisti – hanno reso difficile per i funzionari degli Stati sovietici non lavorare accanto al pontefice.

“Non li ha combattuti perché li odiava, perché non gli piacevano. Non ha combattuto il comunismo – ha lottato per qualcosa, non contro qualcosa. Ha lottato per la verità e per la dignità della persona umana”.

  • 1
  • 2
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Tags:
ateismocomunismoconsumismocura degli ultimiguardie svizzeresan giovanni paolo ii
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
CEMETERY
Gelsomino Del Guercio
Indulgenze plenarie per i defunti: come otten...
PRAYER
Philip Kosloski
Resistete alla “tristezza del diavolo” con qu...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
Camille Dalmas
Il montaggio dietro alla discussa frase del p...
VITIGUDINO
Gelsomino Del Guercio
Prima brillante medico, poi suora: la bella s...
HEAVEN
Philip Kosloski
Preghiera perché un defunto raggiunga la gioi...
CARLO ACUTIS, CIAŁO
Gelsomino Del Guercio
Preghiera a Carlo Acutis con richiesta di una...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni