Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
martedì 26 Gennaio |
Santi Timoteo e Tito
home iconChiesa
line break icon

Un libro per dialogare con Giovanni Paolo II

Yoshikazu Mikami/AFP

Roberta Sciamplicotti - Aleteia - pubblicato il 29/04/14

Il volume di Stanisław Grygiel, chiamato da Wojtyła a Roma per essere tra i fondatori dell'Istituto Giovanni Paolo II per Studi sul Matrimonio e la Famiglia

Uno “straordinario volume” per schiudere “una visione impareggiabile della vita, della filosofia, della teologia e della spiritualità di una delle grandi personalità della storia e di uno dei suoi grandi santi”.

Così Carl A. Anderson, vicepreside della sezione statunitense del Pontificio Istituto Giovanni Paolo II per Studi su Matrimonio e Famiglia e Cavaliere Supremo dei Cavalieri di Colombo, descrive nella prefazione il testo di Stanisław Grygiel “Dialogando con Giovanni Paolo II”, per le edizioni Cantagalli (Cattedra Karol Wojtyła, Pontificio Istituto Giovanni Paolo II per Studi su Matrimonio e Famiglia).

Anderson osserva che ormai siamo abituati a pensare che la “generazione Giovanni Paolo II” sia composta dai giovani che hanno partecipato a una Giornata Mondiale della Gioventù o sono stati fortemente influenzati in un modo o nell’altro dal pontificato del papa polacco, ma in realtà questa “generazione” “è iniziata molti anni prima, e lontano dall’attenzione del mondo”.

“L’espressione indica un’altra generazione di giovani adulti che si raccolsero attorno al vescovo Karol Wojtyła. Fu una generazione che lo ascoltò parlare dal pulpito oppure in aula, che con lui condivise le cene domenicali, che passeggiò con lui nei boschi e sui monti”.

Quella proposta da Stanisław Grygiel – chiamato a Roma da Giovanni Paolo II, da poco eletto pontefice, perché fosse fra i membri fondatori del futuro Pontificio Istituto Giovanni Paolo II per Studi su Matrimonio e Famiglia, istituito nel 1981 presso l’Università Lateranense – nel suo testo è proprio “una finestra sull’uomo che ispirò quella generazione, e che il mondo intero ha poi conosciuto come Papa Giovanni Paolo II”.

Nel libro si vede come, “pur circondato dalle pressioni disumanizzanti del totalitarismo comunista”, Karol Wojtyła abbia vissuto quotidianamente il suo profondo personalismo cristiano. Nonostante l’incessante propaganda a favore della creazione di una nuova società collettivista e atea, Karol Wojtyła visse una comunione di persone e nel corso degli anni invitò molte altre persone a prendervi parte, facendo così esperienza di un’autentica libertà e giungendo a quella che egli stesso avrebbe definito una comprensione “adeguata” della persona umana.

L’antropologia razionale o, come intende Karol Wojtyła, l’antropologia adeguata, “nasce nella comunione delle persone, poiché è in questa comunione che l’uomo matura alla verità che gli è stata promessa”, osserva Grygiel.

Karol Wojtyła ha sempre “dimorato nella comunione con altre persone”: “gli incontri e i colloqui l’aprirono alla comunionale ricerca del ‘dono di Dio’, alla comunionale preghiera perché esso si realizzi e al comunionale riceverlo, quando a lui e agli altri era stato loro dato di stare di fronte alla Trascendenza di questo ‘dono’. È di questo stare davanti alla Trascendenza che parla l’’antropologia adeguata’ di Karol Wojtyła”, “grazie alla fede, alla speranza e all’amore anche l’uomo è trascendenza”.

Le conversazioni tra Gryegiel e Wojtyła hanno avuto inizio alla fine degli anni Cinquanta durante i seminari che si tenevano per i dottorandi. Il vescovo Wojtyła, professore dell’Università Cattolica a Lublino, non avendo altro tempo, organizzava a Cracovia dei seminari di due o tre giorni a cui prendevano parte non più di cinque o sei persone. “Nel corso dell’estate andavamo in montagna, di solito a Gorce dove, camminando lungo i sentieri di bosco o su per le salite, discutevamo le nostre tesi oppure meditavamo sui classici della filosofia europea, soprattutto sulle due Etiche di Aristotele. Ci era stata preclusa la possibilità di accedere alla letteratura recente occidentale, perché i ‘signori’ comunisti ci avevano ermeticamente isolati dagli eventi culturali in Occidente. I pochi libri che di tanto in tanto ci portavano amici venuti di là, ce li passavamo tra di noi di mano in mano”.

  • 1
  • 2
Tags:
famigliasan giovanni paolo iispiritualità
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
CATERINA SCORSONE
Cerith Gardiner
19 personaggi famosi orgogliosi dei propri figli con necessità sp...
2
SINDONE 3D
Lucandrea Massaro
L'Uomo della Sindone ricostruito in 3D. I Vangeli raccontano la v...
3
BABY
Mathilde De Robien
Nomi maschili che portano impresso il sigillo di Dio
4
Perdonare
Bret Thoman, OFS
I 4 passi del perdono secondo un esorcista
5
Silvia Lucchetti
A 18 anni, sola in ospedale: il pianto di un neonato mi ha ridato...
6
Tzachi Lang, Israel Antiquities Authority
John Burger
Un'iscrizione che riporta “Cristo nato da Maria” ritrovata in un'...
7
WOMAN,OUTSIDE,BORED
Gelsomino Del Guercio
Soffri di accidia? Scoprilo e segui i rimedi di un monaco del IV ...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni